Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi prosopografica ed economica dei testi dei messaggeri di Umma (2100-2000 a.C.)

Un'analisi di razioni alimentari corrisposte ad una particolare categoria di funzionari dell'impero di Umma: i suoi corrieri.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Il principio di base da cui è possibile partire è che la scrittura nasce dalla pittura; come sintetizzazione del segno pittorico essa fu sviluppata parallelamente dalle varie civiltà protostoriche, senza apparenti scambi culturali o contatti tra esse, in vista di finalità che differiscono da popolo a popolo: a scopo contabile – amministrativo presso i Sumeri, a scopo propagandistico – esornativo presso Cinesi ed Egiziani etc. Solo in modo accessorio e, per così dire, incidentale, e comunque in una fase più tarda di affinamento tecnico, essa cominciò ad essere utilizzata per registrare la coscienza storica dell’uomo e le manifestazioni psichiche e sociali del suo essere temporale. Per cui non è esatto dire, come spesso si fa, che la storia nasce con la scrittura, dal momento che essa stessa non nacque in una prospettiva di fruizione di tale importanza; è più vero, semmai, che la scrittura, che fin dalle origini fu una prerogativa elitaria, che servì da strumento ad approfondire le differenziazioni di casta che sono alla base della società storica, e tra le altre sin dall’inizio fu proprio la classe dei sacerdoti a prendere il potere sul resto della

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluca Vivacqua Contatta »

Composta da 239 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 365 click dal 14/03/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.