Skip to content

Reclutamento e carriera del legionario romano in età imperiale

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Perego
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze storiche
  Relatore: Adriano Savio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

La prima parte della tesi fornisce una panoramica generale dell’esercito romano durante l’età degli imperatori. Ho preso in esame la struttura delle legioni e delle armate ausiliarie, ho mostrato le differenze etniche o legate alla cittadinanza, che sono alla base di questa divisione. Allo stesso modo ho descritto la gerarchia dell’esercito, che rifletteva le classi sociali della società civile: raramente il merito vinceva sui legami familiari e sulle raccomandazioni.
L’elaborato passa poi ad analizzare più nel concreto la vita del soldato. Il capitolo sul reclutamento riprende e spiega ulteriormente la divisione tra legionari e ausiliari, descrive gli esami a cui erano sottoposte le reclute, come e perché decidevano di entrare nell’esercito, e quanto durava il servizio militare.
Dopo un veloce sguardo alle strutture e all’organizzazione fondamentale di un accampamento militare romano, con le varie residenze per ufficiali e soldati semplici, cucine, magazzini, terme (sempre fondamentali nel mondo romano), ho preso in esame più dettagliatamente la vita quotidiana dei militari.
Innanzitutto come si viveva nel castrum e quali erano i compiti giornalieri di ciascuno. Poi una ricca analisi della condizione giuridica dei soldati, che innanzitutto non potevano sposarsi durante il servizio, ma ciò non impediva loro di avere compagne e concubine. Godevano invece di molti vantaggi in campo economico e sociale, nei confronti dell’eredità o della patria potestas. Ho poi fornito un’accurata descrizione dell’equipaggiamento, del vestiario, delle armi e delle armature, nonché delle cibarie che costituivano solitamente il rancio. Vale la pena ricordare che le abitudini e i modi di vita dei soldati erano i medesimi in ogni angolo dell’impero. Anche la religione veniva preservata, sebbene i sacrifici fossero rivolti principalmente, come è ovvio immaginare, a divinità guerriere, come Marte. Più avanti nei secoli l’esercito fu un fiorente luogo di diffusione del Mitraismo, che attirava i militari con la sua componente di forza e guerra tra bene e male (la lotta di Mitra con il toro).
Capitolo finale dedicato allo stipendio. Nel mondo antico il denaro si muoveva con le truppe, le guerre erano il grande bacino di investimento dei sovrani e quindi anche degli imperatori romani. Ho ripercorso velocemente la storia della paga, dal primo stipendio introdotto durante la presa di Anxur, fino alle enormi quantità d’oro riversate sui militari dagli imperatori soldati e durante gli anni della decadenza dell’Impero.
Più in alto si era nella gerarchia, più si guadagnava. Tuttavia anche il soldato semplice guadagnava molto di più di un contadino o di un artigiano: il militare era un mestiere redditizio e i congedati spesso si trovavano tra le mani un buon gruzzolo, se si tiene conto che alla paga di base si aggiungevano indennità varie, doni degli imperatori e premi di congedo. I veterani ricevevano poi delle terre come ricompensa per il loro servizio: un soldato quindi poteva davvero arricchirsi notevolmente, se non lasciava la pelle in battaglia!
La tesi è interamente corredata da utili tabelle riassuntive ed esplicative, nonché da alcune immagini che illustrano visivamente e aiutano a comprendere meglio gli argomenti affrontati.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 STRUTTURA DELL’ESERCITO 1.1 Legioni e truppe ausiliarie All’epoca di Cesare ogni legione era composta da circa cinquemila uomini, comandata da un legato e divisa in dieci coorti, la prima delle quali, probabilmente a partire dall’epoca flavia, aveva il doppio degli uomini. Le coorti erano divise in centurie e le centurie in contubernia (ovvero tende di otto uomini ciascuna), c’erano dieci contubernia in una centuria (ottanta soldati) e sei centurie in una coorte (quattrocentottanta soldati), si chiamava manipolo il raggruppamento di due centurie. Nove coorti semplici più una coorte a forza doppia componevano una legione: sulla carta cinquemiladuecentottanta uomini, ma era abbastanza normale che il totale oscillasse sia per eccesso sia per difetto. Ogni centuria era comandata da un centurione e comprendeva un numero variabile di ufficiali minori, che ricevevano una volta e mezza o due volte la paga di un legionario semplice. La cavalleria non era sempre presente ed era solitamente composta da centoventi cavalieri per legione. Le truppe ausiliarie, reclutate fra le popolazioni sottomesse non ancora assimilate e non in possesso della cittadinanza romana, avevano un’organizzazione più varia con due tipi di unità, le coorti e le alae: le coorti, unità di fanteria, ricalcavano la struttura della coorte romana ed erano comandate da centurioni; le alae, unità di cavalleria, comprendevano anch’esse circa cinquecento uomini, divisi in sedici turmae di trenta uomini, comandate da decurioni. Era possibile trovare cohortes o alae milliariae, unità di forza doppia di circa mille uomini, comandate da tribuni; c’erano alcune cohortes equitatae, unità miste che comprendevano probabilmente tre - sei turmae in aggiunta alle sei - dieci centurie, a seconda che fossero quingenariae o milliariae; sono attestati anche numeri, unità di cui sappiamo poco, inizialmente irregolari poi via via più organizzate, reclutate tra gli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accampamento
augusto
castrum
cavalieri
centurione
denari
esercito romano
gesù
gladio
impero romano
legioni
lorenzo perego
lorica
marte
matrimonio
mitra
peregrini
posca
pretoriani
puls
senato
sesterzi
settimio severo
soldato romano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi