Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La relazione fra costi economici e costi politici del multilinguismo nell'Unione europea


Come si configura la prassi del multilinguismo nell’Unione europea? E quali sono i suoi costi? Perché le spese per i servizi linguistici delle istituzioni dell’Unione europea si colorano in modo diverso a seconda dei commentatori che ne parlano? Perché a volte sono definite "titaniche", altre volte "cospicue", altre ancora "giuste", oppure sono "inutili" per alcuni o "indispensabili" per altri? Il multilinguismo è un ostacolo o una ricchezza per l’Europa?
Questo studio cerca di fare chiarezza sull'argomento e di sfatare alcuni miti.
In una prima parte si descrive in che modo l'Unione europea affronta e gestisce al suo interno e verso l'esterno una comunicazione coerente con la gran varietà d'idiomi presenti sul continente, tenendo allo stesso tempo conto dei vincoli di bilancio e dell'efficacia della comunicazione. Si prendono quindi in esame il regime linguistico comunitario, i servizi linguistici dell'Unione e il multilinguismo quale è praticato in ciascuna istituzione europea.
Successivamente, si cerca di inquadrare la questione dei costi e dei benefici del multilinguismo attraverso la concorrenza di cinque ragioni base: le ragioni giuridiche, le ragioni politiche, le ragioni culturali, le ragioni della comunicazione e le ragioni di bilancio.
Infine, si applica il quadro concettuale elaborato precedentemente al caso particolare del Parlamento europeo e si vagliano nella loro sostenibilità politica e finanziaria i modelli alternativi di regime linguistico proposti nella prospettiva del Parlamento allargato.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 ~ INTRODUZIONE ~ «Nell’ordine giuridico internazionale, il problema delle lingue è sempre stato delicato. Esiste una sorta di contraddizione fra, da un lato, le esigenze del prestigio e della parità degli Stati che spingono al plurilinguismo e, dall’altro, i problemi del rigore tecnico giuridico e degli oneri finanziari, la cui soluzione è facilitata solo da una riduzione delle lingue». (Rapporto Reding, parere del Servizio giuridico - Parlamento Europeo, 1990: 28 –) Un ricco mosaico di lingue, un continuo sovrapporsi di culture e di popoli che eserciti, rivoluzioni, migrazioni e trattati di pace hanno mescolato o separato: dall’Atlantico agli Urali l’Europa si presenta così. All’interno della sola Unione Europea vivono oggi circa 40 idiomi 1 , dal castigliano al gaelico, dal friulano al tedesco, dal francese al neogreco. Alcune sono grandi e prestigiose lingue di cultura, altre sono delle piccole lingue nazio- nali, altre ancora sono sempre state considerate dei dialetti e solo recentemente sono state riconosciute ufficialmente come lingue storiche. Grandi o minoritarie che siano, esse sono comunque parte del patrimonio culturale d’Europa, forse la sua stessa anima, e i modi in cui sono state promosse, tutelate, o anche persegui- tate variano da Stato a Stato e da epoca ed epoca nella storia del nostro continen- te. In questo lavoro l’attenzione verrà focalizzata su come le istituzioni co- munitarie affrontano la realtà della diversità linguistica europea e su come esse cercano di trovare una soluzione alla "contraddizione" del multilinguismo di cui si parla nella citazione sopra riportata. Il nostro lavoro procederà a cerchi concentrici: in un primo momento os- serveremo come l'Unione europea si è rapportata in passato alle lingue e come vi

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Michele Gazzola Contatta »

Composta da 175 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2230 click dal 23/01/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.