Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal personal blog al corporate blog: un nuovo strumento di comunicazione aziendale

Le mutazioni che sta subendo il panorama comunicazionale, causate dalla progressiva diffusione di internet, prima, e della banda larga, poi, ed allo sviluppo di software che permettono di organizzare e facilitare la creazione di documenti e altri contenuti in rete, stanno facendo uscire definitivamente i cittadini dal ruolo di semplici riceventi, per divenire, a loro volta, fonte di informazioni. Emblema di questa situazione è la nascita e la diffusione dei blog, diari in rete che ogni individuo può creare e gestire facilmente, purché abbia a disposizione una connessione ad internet. Milioni di blog vengono aggiornati quotidianamente e le reciproche citazioni tra i vari autori permettono alle notizie di diffondersi a velocità molto elevate, tramite flussi di comunicazione che si muovono orizzontalmente e verticalmente nella rete. Flussi che possono essere percorsi da notizie che riguardano le aziende, i loro prodotti, il loro operato e che, dunque, devono essere monitorati dalle stesse. Il percorso di questo lavoro parte proprio dalla nascita dei blog e dalla descrizione delle dinamiche che regolano l’insieme di questi diari di bordo, prima tra tutte la grande forza del passaparola. Una volta illustrate tali dinamiche, sono state descritte le operazioni, estremamente semplici, attraverso le quali è possibile creare e gestire al meglio un blog personale. Si è arrivati così ad analizzare il ruolo che può ricoprire questo strumento nella comunicazione aziendale. Attraverso la citazione di alcuni casi eclatanti, si è cercato di far comprendere l’importanza che ricopre, oggi, un monitoraggio costante della blogosfera e di quanto possa essere utile instaurare un dialogo con gli utenti attraverso un blog che rappresenti l’azienda. Sono stati descritti i diversi tipi di blog cui si può fare ricorso in ambito aziendale ed i benefici che questi possono apportare. Questo ha condotto alla redazione di una serie di comportamenti da seguire nel momento in cui si decide di intraprendere questa strada. Per meglio comprendere le dinamiche studiate si è analizzato il blog di Google Italia, prima filiale europea della multinazionale americana ad aprirne uno. La ricerca ha permesso di entrare nei meccanismi che operano dietro la stesura dei post e visionare il modo in cui si verifica la relazione tra l’azienda ed i lettori.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione La comunicazione rivolta verso pubblici esterni è una componente fondamentale del business di ogni impresa. Essa, insieme agli elementi tangibili di un prodotto ed ai servizi di assistenza, contribuisce a plasmare quello che è stato definito prodotto complesso, l’insieme delle caratteristiche che inducono un individuo a ritenere soddisfacente o meno un acquisto. Negli anni, i cambiamenti sociali che si sono verificati, hanno portato le aziende a modificare il modo di affrontare la comunicazione, passando da un approccio unidirezionale ad uno bidirezionale, nel tentativo di coinvolgere i pubblici di riferimento ed aumentarne la soddisfazione. I primi tentativi di relazione si videro negli anni ’80, con la realizzazione di sezioni dedicate ai reclami dei consumatori, e furono migliorati nel decennio successivo con la nascita dei call center, ma è con la recente nascita e diffusione dei blog che questa relazione può verificarsi in pieno. Nati nella seconda metà degli anni novanta e divenuti mezzi di espressione dei pensieri di milioni di persone, i blog, e soprattutto la rete che li unisce, detta blogosfera, rappresentano un universo da tenere in considerazione nel panorama comunicazionale delle aziende. Milioni di post vengono pubblicati ogni giorno e, tra questi, non mancano impressioni su prodotti ed altre questioni che le riguardano. Il potenziale virale è elevato e le aziende non possono permettersi di trascurare queste relazioni. Partecipare, interagire, dialogare, sono termini che dovranno entrare nella cultura aziendale. Le organizzazioni possono intervenire nei blog dei cittadini, quando sono chiamate in causa, o possono crearne uno proprio,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Alessandro Bevacqua Contatta »

Composta da 189 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1657 click dal 23/01/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.