Skip to content

Brand Hate: The Dark Side of Consumer Attitudes Towards a Brand

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Salvatori
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: International Economics and Management
  Relatore: Arianna Brioschi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 32

Questa tesi è disponibile nelle seguenti traduzioni:

Brand hate, a new marketing construct that assesses consumers’ negative attachment to a brand, can be considered as the ‘‘dark side’’ of consumer preferences, because the literature has not yet dedicated the same effort to this topic as has been devoted to the analysis of positive attitudes and evaluations.
This work can be divided in three parts: first some ‘‘antecedents’’ regarding negative emotions, hate in particular, and how these emotions could be related to brands, through the summarization of fragmented literature within a single framework. Secondly, relying upon exploratory research and qualitative data, the paper gives an overview of what brand hate is. The method and results from fieldwork will be presented. Data is then divided in various levels and factors can be interpreted in the light of the theoretical perspectives outlined above, with the goal of discovering if brand hate could exist also without brand usage. Finally, using these results, the research will set some hypotheses concerning brand hate and the basis to construct a brand hate scale, which could be tested in further researches.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
SALVATORI E.- BRAND HATE:THE “DARK SIDE” OF CONSUMER ATTITUDES TOWARDS A BRAND Introduction Consumers could love some brands, be indifferent towards others or express negative opinions, or sometimes feeling and emotions, towards some others. As with respect to other individuals, people express their sympathy, indifference or antipathy towards consumer goods, and their relative brands. People can spurn some brands because they represent some ideology or social groups or because persons do not agree with the marketing attitude of some multinational firms, or because people think that some brands are of poor quality, or even as they had a bad experience with them and they will never repurchase them again. In some cases the consumer just modifies his purchasing behaviour, not buying or buying less frequently the ‘‘hated’’ brand, while other times it could happen that the consumer assumes an active role in interpersonal communication, exchanging his opinion with other individuals (word of mouth). Past researches have focused on Brand Love, a marketing construct that moves beyond Consumer Satisfaction and that helps to explain and predict variation in desirable post-consumption behaviours among satisfied consumers. Literature regarding negative emotions towards brands and their relative consumer behaviour is instead quite modest. In particular rare are the researches focused on negative attitudes with respect to brands: the only existing ones that have dealt with this topic do not build upon a same model, and arrive at different conclusions, a confirmation that other efforts are needed to explore this subject matter. The purpose of my study is to elaborate a measurement scale of hate towards brands (or Brand Hate). The paper starts with a psychological research regarding emotions and feelings, to better understand what are negative emotions, in particular hate, and their relation with positive emotions; then, after a brief explanation of how emotions could be related to brands, my research will employ 20 in-depth interviews to understand what are the feelings beyond brand hate, and if brand hate could be just a stressed form of consumer dissatisfaction or if it could exist without consumption, as Ahuvia (2006) proved in its research on brand love i . Source- Joshua G2, a marketing agency, has recently published, as every year, a research with a list of the top 10 most hated brands: therefore, the purpose of my research is not to rank which are the most hated brands, but instead which are the causes that make such brands hated by the consumers, if consumers try to influence other consumers in their choice, and to find some managerial implications that could help such brands to regain the preferences of consumers. v

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

brand
emotion
hate
marca
marketing
preferenze consumatori

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi