Skip to content

Convergenza mediale: strumento per la gestione e comunicazione di crisi

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Gallicchio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Libera Univ. degli Studi Maria SS.Assunta-(LUMSA) di Roma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Pubblicità e comunicazione d'impresa
  Relatore: Patrizia Pasini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 161

La mia tesi vuole dimostrare come la convergenza mediale, ossia la digitalizzazione dei vari sistemi di comunicazione, comporti e sia in una certa misura la causa di crisi d’impresa, ma al tempo stesso possa aiutare, accelerare, semplificare la risoluzione delle crisi stesse.
Come introduzione alle tematiche della convergenza mediale e della crisi d’impresa, nel primo capitolo viene proposto un quadro della situazione sociale, politica ed economica odierna, caratterizzata da due fondamentali fenomeni: la globalizazione e il postmodernismo, esaminati in un breve excursus storico.
Seguirà un’introduzione ai nuovi mercati virtuali, per mezzo dei quali vengono eluse tutte le barriere spazio-temporali e grazie ai quali, nella virtualità, si aprono nuove possibilità per le imprese. Le aziende fanno già uso di differenti forme di vantaggio competitivo per misurarsi con i mercati di tutto il mondo. Vengono utilizzate tutte le tecnologie che possono offrire tali guadagni, come, ad esempio, la telepresenza di Cisco System. Viene analizzata quindi la relazione tra l’impresa ed il cliente: un punto focale per l’azienda, che è rafforzata da relazioni sempre più strette, grazie agli strumenti di CRM (Costumer Relationship Management) e attraverso i valori che le marche fanno propri e che permettono a questa relazione di consolidarsi.
Allo scopo di descrivere i legami tra i media digitali e la crisi d’impresa la trattazione approfondisce separatamente le due tematiche.
Verrà valutato perciò come i media digitali trasformano la comunicazione d’impresa, analizzandoli in dettaglio. Grazie alla descrizione del convertitore anologico-digitale e digitale-analogico si potrà confrontare la televisione digitale terrestre con quella satellitare e la meccanica di funzionamento del tv-fonino, in modo da rendere il più chiaro possibile il loro convergere nella grande rete di internet. Gli strumenti comunicativi saranno osservati al fine di individuare i meccanismi della comunicazione digitale, come la velocità, con cui si inviano i messaggi o del modo di scrivere, o il passaggio della conoscenza all’interno delle organizzazioni, che avviene all’interno dello spazio della conoscenza: il ba. La conoscenza è anche condivisione e la convergenza mediale permette un’ampia condivisione di contenuti, di informazioni, infine di conoscenza.
Anche le crisi fanno parte del nostro vivere quotidiano ed anche ad esse viene dedicato ampio spazio tratteggiando lo stato dell’arte. Le crisi possono essere di diverso tipo e a seconda dell’ambito che coinvolgono si distinguono in sociali, naturali, economiche e d’impresa. Le crisi sociali coinvolgono tutta l’umanità cambiando gli equilibri nel mondo, e vanno dalla migrazione alla perdita della biodiversità, dall’introduzione degli OGM alla prevenzione sociale, fino alla violenza, alla disinformazione e molte altre di cui parlerò più dettagliatamente in seguito. Anche la crisi d’impresa prevede diverse tipologie analizzate dal crisis management che, attraverso la grammatica di riferimento di Patrick Lagadec auspica la risoluzione delle crisi, seguendo una corretta gestione e cercando di evitare i fenomeni negativi dei vasi comunicanti e del groupthink o della cacofonia. Occorrerà perciò costituire una solida unità di crisi che sappia tener testa ai media. Dopo aver passato in rassegna le caratteristiche di entrambe le tematiche vengono trattate le minacce e le opportunità, i punti di debolezza e di forza della convergenza mediale nella gestione e comunicazione di crisi d’impresa.
L’analisi SWOT ( acronimo di strengths, weaknesses, opportunities, threats) ricerca nell’uso di internet all’interno delle imprese e nel loro confronto con i propri concorrenti le minacce e le opportunità offerte, le difficoltà quindi del digital divide e i vantaggi dei moderni strumenti digitali in grado di aumentare il livello di attivazione in caso di crisi. Utilizzando ricerche tratte da riviste scientifiche si evidenziano i punti di forza e di debolezza riscontrabili nell’uso di strumenti di comunicazione digitali nelle crisi d’impresa. Si annoverano tra i punti di forza la possibilità di inviare e ricevere informazioni in tempo reale, l’uso di link verso altri contenuti o siti, mentre la sicurezza dei sistemi informatici ed informativi è paradigmatica delle debolezza.
La tesi offre, grazie a questo percorso, una chiara indicazione di come l’utilizzo dei media digitali oggi disponibili permetta di realizzare scenari risolutivi per la gestione della crisi d’impresa di tipo digitale ormai sempre più frequenti nel contesto di mercati e dell’economia globalizzata.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Siamo nell’era del digitale, in cui il world wide web è radicato nella nostra vita, i moderni sistemi di comunicazione hanno modificato il nostro stile di vita e cambiato il nostro modo di pensare, insinuandosi nel nostro linguaggio quotidiano e influenzando il nostro pensiero. La mia tesi vuole dimostrare come la convergenza mediale, ossia la digitalizzazione dei vari sistemi di comunicazione, comporti e sia in una certa misura la causa di crisi d’impresa, ma al tempo stesso possa aiutare, accelerare, semplificare la risoluzione delle crisi stesse. Come introduzione alle tematiche della convergenza mediale e della crisi d’impresa, nel primo capitolo viene proposto un quadro della situazione sociale, politica ed economica odierna, caratterizzata da due fondamentali fenomeni: la globalizazione e il postmodernismo, esaminati in un breve excursus storico. Seguirà un’introduzione ai nuovi mercati virtuali, per mezzo dei quali vengono eluse tutte le barriere spazio-temporali e grazie ai quali, nella virtualità, si aprono nuove possibilità per le imprese. Le aziende, infatti, fanno già uso di differenti forme di vantaggio competitivo per misurarsi con i mercati di tutto il mondo. Vengono utilizzate tutte le tecnologie che possono offrire tali guadagni, come, ad esempio, la telepresenza di Cisco System, che riscrive le funzioni della videoconferenza raggiungendo dettagli paragonabili all’interazione in presenza. Viene analizzata quindi la relazione tra l’impresa ed il cliente: un punto focale per l’azienda, che è rafforzata da relazioni sempre più strette, grazie agli strumenti di CRM (Costumer Relationship Management) e attraverso i valori che le marche fanno propri e che permettono a questa relazione di consolidarsi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi