Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sociologia generale. La moda non mente


Dagli albori ai giorni nostri la moda è stata influenzata ed ha influenzato la società.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Esiste una cultura della moda che va oltre quella che ci viene quotidianamente presentata dalle passerelle dei grandi stilisti e dalle riviste patinate? Secondo la sociologia moderna sì, ed è proprio da questa convinzione che nascono studi più approfonditi sulla Fashion Theory. La moda quindi si impone come gusto, forma di sensibilità e strumento di socializzazione, ma soprattutto come aspetto culturale e comunicativo della post- modernità in particolar modo qui in Italia, Paese in cui da oltre cinquant’anni la moda fa storia, economia e cultura. Accusata fin dalla sua nascita di frivolezza e superficialità, nonostante fosse stata oggetto di riflessione per grandi sociologi, a partire da Simmel col suo “Saggio sulla moda” fino alla moderna “Sociologia dei consumi” di Baudrillard, ora la moda può finalmente riscattarsi. La moda assume una centralità nuova nel nostro tempo in quanto risulta sempre più evidente il costo sociale della sua indispensabilità. E’ l’espressione sublimata del più avanzato capitalismo. Ma è anche sostanza vitale della nostra società, il luogo di massima sperimentazione delle novità come anche lo specchio passivo di una realtà che si sommuove radicalmente. Per questo non è facile comprenderne la complessità, il dinamismo e la pluralità dei fenomeni ad essa collegati. La Fashion Theory può essere considerata a tutti gli effetti un valido strumento per leggere la nostra società, rappresentando contemporaneamente uno specchio e un’anticipazione dei nostri gusti, necessità, tendenze e disagi. Probabilmente tutte le tendenze più attuali, come i piercing, i tatuaggi o i jeans a vita bassa vogliono comunicare molto di più di quello che sembra in apparenza. D’altronde come affermava Nietzsche: “E’ possibile arrivare alla profondità delle cose solo passando attraverso la loro superficie”. La moda non mente: la moda rispecchia il modo di essere, di agire, di comunicare di un’intera società. Gli abiti costituiscono alcune tra le prime informazioni disponibili di una persona. Il modo di vestirsi è in grado di influenzare l’immagine

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carla Bernardo Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13845 click dal 20/02/2008.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.