Skip to content

Favoreggiamento personale e reale. Analisi della disciplina e delle problematiche emergenti in materia. Rapporti con i reati affini.

Informazioni tesi

  Autore: Jessica Valentini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Paolo De Felice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 190

Le condotte riconducibili ai reati di favoreggiamento personale e reale trovarono per lungo tempo collocazione nel quadro del concorso di persone nel reato e solo nelle legislazioni moderne, negata la configurabilità del concorso post delictum, il favoreggiamento guadagnò piena autonomia dando luogo ad ipotesi di reato a sé stanti.
Secondo autorevole dottrina, giuristi e legislatori della romanità e dell’età di mezzo ebbero del favoreggiamento una nozione embrionale e confusionaria tale da considerarlo un caso di complicità, che essi chiamarono complicità per posterius.
Sin dagli inizi dell’800 le legislazioni furono orientate verso l’autonomia del favoreggiamento rispetto al concorso di persone nel reato. I legislatori moderni, difatti, si resero conto che un ausilio prestato dopo il delitto mal si inquadra nel concorso di persone, proprio perché, come affermato dal Pagliaro, «non è dato concorrere alla realizzazione di qualcosa che è stato già realizzato». Il termine « favoreggiamento» compare per la prima volta nell’art. 60 del codice penale toscano del 1853.
Il codice penale toscano segna, riguardo al delitto di favoreggiamento, un’innovazione fondamentale, da cui hanno preso le mosse il pensiero e le legislazioni successive, consistente nell’averne fatto per la prima volta una figura di reato autonomo, distinto dalla complicità. Dalla lettura degli articoli 378 e 379 del codice penale attuale emerge innanzitutto la netta suddivisione delle due figure di favoreggiamento.
Nell’accezione usuale, la denominazione generica di «favoreggiamento» ricomprende i due titoli di reato previsti, rispettivamente, dall’art. 378 e dall’art. 379 del codice penale, accomunabili, quanto meno e prima facie, in relazione alla comune clausola negativa di apertura che si sostanzia nell’esclusione del delitto in caso di concorso nel reato presupposto, nonché per l’identica indicazione generica della condotta (aiuto). D’altro canto le affinità riscontrabili tra le fattispecie de quo non implicherebbero, secondo un autorevole indirizzo dottrinario, una corrispondente affinità sul piano teleologico. E’ convinzione pressoché pacifica che, nel favoreggiamento personale, sia tutelato un interesse pubblico afferente all’amministrazione della giustizia, anche se esistono non poche incertezze in ordine alla precisa individuazione di tale interesse. Il favoreggiamento reale, invece, secondo parte della dottrina non sarebbe un vero delitto contro l’amministrazione della giustizia poiché non lederebbe necessariamente un interesse attinente al processo.
La condotta tipica del favoreggiamento personale consiste nell’aiuto prestato per eludere le investigazioni dell’Autorità, o per sottrarsi alle ricerche di questa....
Un vivace e assai discusso problema, non univocamente affrontato e tanto meno risolto, continua ad essere quello relativo alla rilevanza, quali condotte di favoreggiamento, delle modalità comportamentali omissive. La pena per il favoreggiamento varia in relazione della gravità del reato presupposto....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La materia dei reati di favoreggiamento, nella duplice forma personale e reale, ha costituito e costituisce un fertile terreno per vivaci dispute in dottrina e giurisprudenza. Al fine di meglio intendere ed interpretare l’attuale normativa, fondamentale si pone la ricostruzione storica del processo di sviluppo del reato di favoreggiamento. Sin dall’antichità sono emerse, via via evolvendosi, le varie problematiche legate a tali istituti, tra cui la principale è risultata essere quella di non appartenenza della species favoreggiamento al genus concorso di persone nel reato. Mutatis mutandis, l’analisi critica dei singoli momenti costitutivi conduce agli elementi essenziali comuni alle varie figure e denominazioni che, nello scorrere dei secoli, si sono avvicendate, rinvenendoli nella previa commissione di un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

assistenza agli associati
casi giurisprudenziali
colpa
concorso esterno
condotta
dolo
favoreggiamento
favoreggiamento del difensore
giurisprudenza favoreggiamento
reato di favoreggiamento
ricettazione
riciclaggio
sentenze

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi