Skip to content

Le politiche di risparmio energetico della Provincia Autonoma di Bolzano

Informazioni tesi

  Autore: Dario Cocciardi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Rodolfo Lewanski
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 42

Gli sviluppi tecnologici degli ultimi due secoli hanno portato l’uomo ad identificare il benessere con un forte, esagerato consumo energetico.
La possibilità di un imminente esaurimento dei combustibili fossili, sui quali si è basata l’economia dell’opulenza e dello spreco energetico, e l’ormai scientificamente provata correlazione tra l’aumento della concentrazione di CO2 (e altri gas serra) in atmosfera e l’aumento della temperatura media terrestre dovrebbero costringere le nostre società post-industriali a spostare l’attenzione sul grado di efficienza nella trasformazione di energia.
Eppure si continua a parlare della costruzione di nuovi centrali termoelettriche e nucleari, quando i nostri obiettivi primari dovrebbero essere la riduzione dell’inefficienza degli attuali impianti, degli sprechi e degli usi impropri dell’energia a nostra disposizione e lo sviluppo di una rete di piccole centrali gestite localmente ed alimentate da fonti rinnovabili, quali il sole, il vento, la biomassa e la geotermia.
La produzione centralizzata ed il trasporto dell’energia a destinazione sono causa di ingenti perdite energetiche ed economiche, così come lo sono gli edifici che, se mal isolati o posizionati, dissipano all’esterno gran parte del calore utilizzato per riscaldarle. Semplici tecnologie di uso corrente permetterebbero di porre rimedio a queste situazioni, riducendo contemporaneamente le emissioni inquinanti ed imboccando finalmente il sentiero dell’efficienza energetica.
Il cammino da percorrere sarà lungo e tortuoso. Dovranno essere scosse le fondamenta di questa nostra società energivora, inquinante e predatrice: il settore produttivo e quello dei trasporti sono, infatti, quelli cui viene destinata gran parte dell’energia che produciamo ed allo stesso tempo quelli da cui derivano i maggiori rischi per la nostra salute e per quella del pianeta.
Argomento di questo elaborato sono i primi passi che la Provincia di Bolzano sta muovendo lungo il sentiero dell’efficienza energetica nel tentativo di ridurre gli ingenti sprechi di energia in ambito residenziale, cercando di indurre la cittadinanza ad un comportamento responsabile ed informato. Collegato a ciò, tramite l’esperienza CasaClima, il tema della produzione di energia per autoconsumo attraverso lo sfruttamento di fonti rinnovabili, efficace metodo per eliminare il problema delle perdite energetiche lungo le reti di distribuzione, sfruttare le peculiarità locali di ogni territorio e costruire società più eque, nelle quali la produzione dell’energia non sia centralizzata e fonte di controllo sociale, ma distribuita nelle mani di ciascuno di noi.
Esperienze concrete dimostrano come tutto ciò sia possibile: a Güssing - cittadina di 4000 abitanti situata in Austria al confine con l’Ungheria e sede del Centro Europeo dell’Energia Rinnovabile - il sole, il legno, il mais, i grassi vegetali e i rifiuti, vengono trasformati in riscaldamento, elettricità, gas, carburante per le auto, sino a soddisfare l’intero fabbisogno energetico locale. L'uso dell'energia alternativa ha permesso alla città di ridurre del 90% le emissioni di biossido di carbonio, di creare posti di lavoro e di guadagnare ogni anno, dalla vendita alla rete nazionale del surplus energetico, 500 mila euro che vengono reinvestiti in nuovi progetti.
In Italia, la questione energetica ed il problema del riscaldamento climatico sono stati posti al centro del dibattito pubblico solo di recente; ci vorrà dunque del tempo affinché i cittadini e le autorità politiche siano abbastanza informati su tali argomenti, da considerare una maggior tutela ambientale, il risparmio energetico e lo sfruttamento di energie rinnovabili assolutamente necessari al fine di prevenire gravi danni all’economia (a medio termine) e mantenere vivibile il pianeta (a lungo termine). Nell’ultimo decennio (e oltre) la Provincia di Bolzano è riuscita, tramite l’informazione e la responsabilizzazione dei cittadini, a creare consenso attorno a questi temi; in conseguenza di ciò è stato possibile adottare provvedimenti e sviluppare progetti che stanno gradualmente rendendo eco – compatibile lo stile di vita degli abitanti, escludendo che in futuro si renda necessario il ricorso a provvedimenti d’urgenza e che si possano verificare gravi problemi economici e sociali. D’altronde è questa la grande sfida dei nostri tempi: scongiurare le conseguenze economiche e sociali dell’inazione (che rimane la soluzione più semplice dal punto di vista politico e del singolo cittadino) ed agire gradualmente in un clima di cooperazione che renda più semplice e sopportabile il cambiamento del nostro stile di vita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
24 Parte 3 Risparmio ed efficienza energetica nelle costruzioni I consumi di energia nel settore residenziale ed in quello della mobilità privata dipendono dai comportamenti di ciascuno e sono fortemente condizionati dai problemi strutturali delle costruzioni e dei mezzi di locomozione esistenti. Mentre vi sono forti resistenze (dei produttori, ma anche dei consumatori) alla sostituzione del motore a scoppio ed al cambiamento nel settore automobilistico, in molte zone è oramai diffusa la consapevolezza che le costruzioni energeticamente efficienti offrano un miglior comfort abitativo a costi moderatamente più alti rispetto agli edifici tradizionali, ammortizzabili in pochi anni attraverso la minor spesa in elettricità, gas o gasolio. E non si tratta di progetti esemplari ma di tipologie applicabili a qualsiasi tipo di edificio. Un indicatore dell’efficienza energetica degli edifici è il fabbisogno energetico per metro quadrato e anno (kWh/m2·a) necessario per il riscaldamento e la produzione di acqua calda. Aggiungendo inoltre il consumo energetico dell’illuminazione, degli apparecchi elettrici e, nelle regioni climatiche caratterizzate da estati calde, il fabbisogno energetico per il raffreddamento estivo, si ottiene un indicatore energetico complessivo. Gli edifici convenzionali non corrispondenti alle normative sul risparmio energetico presentano un fabbisogno per il solo riscaldamento pari a circa 220-250 kWh/m2 per anno, quelli adeguati alle normative europee consumano circa 80-100 kWh/m2·a, mentre per gli edifici a basso consumo energetico sono sufficienti tra i 30 e 50 kWh/m2·a, e gli edifici passivi hanno un consumo addirittura minore di 15 kWh/m2·a. Inoltre agli edifici energeticamente efficienti sono associati bassi consumi dell’impianto dell’illuminazione ed una climatizzazione efficace, economica e rispettosa dell’ambiente. Circa il 75% degli edifici presenti in Alto Adige è stato edificato più di 25 anni fa, e presenta un consumo medio per il riscaldamento di 210 kWh/m2·a. Se tale consumo fosse ridotto a 70 kWh/m2·a, gli abitanti spenderebbero 150 milioni di euro in meno all’anno. Inoltre, ristrutturare solamente il 3% di queste abitazioni comporterebbe un investimento di 100 milioni di euro, di cui beneficerebbe l’economia locale1. E le emissioni di CO2 diminuirebbero sensibilmente. 1 cfr. Norbert Lantschner, CasaClima - Vivere nel più, Edizione Raetia, 2007

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alleanza per il clima
anidride carbonica
casaclima
certificazione energetica degli edifici
consumo energetico
effetto serra
efficienza energetica
emissioni inquinantie
energia elettrica
energia eolica
energia idroelettrica
energia solare
energie rinnovabili
fabbisogno energetico
impianti di riscaldamento
indice termico
isolamento termico
piano energetico
politiche ambientali
politiche pubbliche
produzione di energia
provincia autonoma di bolzano
risparmio energetico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi