Skip to content

Appalti pubblici di servizi

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Piccinini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Carlo Fresa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 247

L’oggetto principale di questa ricerca consiste nell’analisi della categoria “appalti pubblici di servizi” e della normativa di riferimento. Essendo quest’ultima piuttosto stratificata e complessa, si è cercato di individuare le principali fonti che contengono una disciplina degli appalti pubblici di servizi, desumere da queste una definizione generale, circoscrivere l’ambito delle attività e dei soggetti interessati, verificare in che modo le varie fonti si coordinano, prendendo in considerazione anche quelle che non riguardano in modo specifico gli appalti pubblici di servizi, ma sono rivolte a disciplinare l’attività contrattuale dei soggetti pubblici in generale.
L’attenzione si è poi incentrata sulla normativa di derivazione comunitaria, sui principi che il legislatore comunitario ha inteso realizzare e sulle modalità con cui tale normativa viene ad operare nel contesto nazionale.
Si è constatata la presenza di alcuni problemi, sia di coordinamento delle norme proprie dei due ordinamenti, sia di interpretazione delle espressioni utilizzate dal legislatore comunitario.
A questo proposito si è osservato il carattere residuale della definizione di appalti pubblici di servizi desumibile dalla direttiva 19 giugno 1992, n. 50 (recepita attraverso il decreto 17 marzo 1995, n.157), visto che essa individua come appalti di servizi tutti i contratti non riconducibili agli appalti di lavori o di forniture o ad altri contratti ivi indicati. E’ emerso anche il carattere formale di tale definizione, che risulta collegata ad un elenco(suscettibile di essere ampliato) distribuito negli “allegati”, e che assume un valore meramente descrittivo rispetto al concetto di appalto che emerge dalla normativa civilistica.
Al fine di individuare l’ambito di applicazione soggettivo della normativa in esame, l’attenzione è stata inizialmente incentrata sui concetti di “amministrazioni aggiudicatrici” e di “organismo di diritto pubblico”. Si è cercato di comprendere in che modo debbano essere considerati i requisiti indicati dal legislatore come propri di tali organismi, soprattutto con riguardo al “carattere non industriale o commerciale”, riferito, secondo una interpretazione di tipo funzionale, alle finalità per cui l’ente è stato istituito, non all’attività svolta dall’ente stesso. Si è anche evidenziato come sia proprio il riferimento ai principi desumibili dalla normativa comunitaria, in particolar modo al principio di libera concorrenza, a informare la determinazione dei requisiti dei soggetti qualificabili come amministrazioni aggiudicatrici.
Infatti il motivo per cui la nozione di amministrazione aggiudicatrice deve essere intesa in senso molto più ampio rispetto a quella di soggetto pubblico esistente nella normativa di derivazione nazionale risiede nella circostanza che tale categoria è stata individuata in ambito comunitario proprio al fine di garantire la realizzazione del principio di concorrenza nelle attività economiche gestite con capitali pubblici o di derivazione pubblica. Alla luce di queste considerazioni si è analizzata la posizione di determinate figure soggettive rispetto alla normativa comunitaria.
Sempre a proposito dell’ambito soggettivo di applicazione della normativa in esame e con riguardo alle società a partecipazione finalizzate alla gestione di servizi pubblici locali, si è analizzato anche il problema dell’applicabilità delle procedure concorsuali previste dalla normativa comunitaria alla scelta del privato con cui concludere il contratto da cui sorge il rapporto societario, dal punto di vista dell’opportunità e della compatibilità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’ATTIVITA’ CONTRATTUALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LA FUNZIONE DELL’EVIDENZA PUBBLICA La disciplina degli appalti pubblici dal punto di vista sistematico si colloca nell’ambito dell’attività contrattuale della P.A., che differisce dal modo di procedere “usuale” o normale consistente nell’adozione di provvedimenti amministrativi. In termini generali è necessario considerare che la Pubblica Amministrazione da un lato gode di uno statuto particolare che le attribuisce una posizione di supremazia nei confronti dei soggetti privati, che viene in questione quando pone in essere atti di imperio destinati a controllo e regolati dal diritto pubblico, dall’altro lato quando svolge attività di gestione può porre in essere atti regolati da schemi di diritto civile. Sulla base di questa possibilità, a volte si utilizzano le espressioni “doppia capacità giuridica” della Pubblica Amministrazione, di diritto pubblico e di diritto privato, o “capacità giuridica generale”, o “legittimazione negoziale” della P.A.” 1 . Peraltro, anche quando la P.A. opera con strumenti di diritto privato, i fini della sua azione sono predeterminati dall'ordinamento, secondo il disposto dell'art 97 Cost.. Da tale norma emerge infatti che la Pubblica Amministrazione, in entrambe le sue attività, deve sottostare ai principi di legalità, imparzialità, buona amministrazione. Il principio di legalità si ricava dalle norme che prevedono una riserva di legge per la disciplina di certe materie, come l’art 23 (nessuna prestazione personale o patrimoniale può essere imposta se non in base alla legge)

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amministrazione aggiudicatrice
appalti pubblici di servizi
organismi di diritto pubblico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi