Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il “Progetto acquedotti” nella division Imalinyi (Tanzania): ripercussioni su agricoltura ed istruzione

Questo lavoro è il frutto di due mesi di ricerca svolti assieme al collega Paolo Ghisu nella division Imalinyi, nel sud-ovest della Tanzania, tra luglio e settembre del 2003, anno internazionale dell’acqua per le Nazioni Unite. L’idea di scrivere una tesi su questo argomento è venuta nell’autunno 2002, dopo il ritorno di Paolo Ghisu da un periodo di volontariato presso l’orfanotrofio della missione di Kipengere. Prendendo spunto dagli acquedotti che ogni anno padre Camillo Calliari, missionario della Consolata a Kipengere, costruisce in zona grazie all’aiuto di molti benefattori italiani, si è pensato di analizzare gli effetti benefici dell’acqua su molti aspetti della vita degli abitanti del posto.
Nel capitolo uno si trova una panoramica generale sull’ambiente in cui si è svolta la ricerca con una breve descrizione sulla situazione dell’agricoltura e dell’istruzione nella zona esaminata.
Il secondo capitolo tratta i metodi utilizzati per la valutazione, indica gli obiettivi della stessa, contiene gli strumenti (questionari, focus groups, interviste mirate) attraverso i quali si sono raccolti i dati. Inoltre vengono presentati i 4 villaggi (Kipengere, Uhekule, Usalule, Imalilo) nei quali abbiamo sottoposto il questionario ad un campione di 120 famiglie e sono avvenuti i sei focus groups.
Dopo una prima parte del tirocinio dedicata alla ricerca comune, ci siamo orientati più pprofonditamente verso l’analisi settoriale: io ho preso in considerazione agricoltura ed istruzione, mentre Paolo si è dedicato alla salute. Nel capitolo tre sono elencati i dati emersi dai questionari sull’agricoltura e l’allevamento, con particolare attenzione alla produzione ed i fertilizzanti, per concludere con una disamina sugli orti nei diversi villaggi.
La quarta sezione contiene una lunga parte descrittiva nella quale si presentano gli istituti primari e secondari dell’area ed in seguito si fa il punto sulla scolarità generale, sul numero di ragazzi che frequentano le scuole secondarie e sulle assenze presso le scuole primarie.
Nelle conclusioni si tirano le somme di quanto affrontato precedentemente e si fa un’ autovalutazione su ciò che poteva essere migliorato nella ricerca. In appendice si trovano domande di questionari e focus groups, dati del censimento della popolazione 2002 ed infine la valutazione secondo la banca mondiale

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Questo lavoro è il frutto di due mesi di ricerca svolti assieme al collega Paolo Ghisu nella division Imalinyi, nel sud-ovest della Tanzania, tra luglio e settembre del 2003, anno internazionale dell’acqua per le Nazioni Unite. L’idea di scrivere una tesi su questo argomento è venuta nell’autunno 2002, dopo il ritorno di Paolo Ghisu da un periodo di volontariato presso l’orfanotrofio della missione di Kipengere. Prendendo spunto dagli acquedotti che ogni anno padre Camillo Calliari, missionario della Consolata a Kipengere, costruisce in zona grazie all’aiuto di molti benefattori italiani, si è pensato di analizzare gli effetti benefici dell’acqua su molti aspetti della vita degli abitanti del posto. Nel capitolo uno si trova una panoramica generale sull’ambiente in cui si è svolta la ricerca con una breve descrizione sulla situazione dell’agricoltura e dell’istruzione nella zona esaminata. Il secondo capitolo tratta i metodi utilizzati per la valutazione, indica gli obiettivi della stessa, contiene gli strumenti (questionari, focus groups, interviste mirate) attraverso i quali si sono raccolti i dati. Inoltre vengono presentati i 4 villaggi (Kipengere, Uhekule, Usalule, Imalilo) nei quali abbiamo sottoposto il questionario ad un campione di 120 famiglie e sono avvenuti i sei focus groups. Dopo una prima parte del tirocinio dedicata alla ricerca comune, ci siamo orientati più approfonditamente verso l’analisi settoriale: io ho preso in considerazione agricoltura ed istruzione, mentre Paolo si è dedicato alla salute. Nel capitolo tre sono elencati i dati emersi dai questionari sull’agricoltura e l’allevamento, con particolare attenzione alla produzione ed ai fertilizzanti, per concludere con una disamina sugli orti nei diversi villaggi. La quarta sezione contiene una lunga parte descrittiva nella quale si presentano gli istituti primari e secondari dell’area ed in seguito si fa il punto sulla scolarità generale, sul numero di ragazzi che frequentano le scuole secondarie e sulle assenze presso le scuole primarie. Nelle conclusioni si tirano le somme di quanto affrontato precedentemente e si fa un’autovalutazione su ciò che poteva essere migliorato nella ricerca. In appendice si trovano domande di questionari e focus groups, dati del censimento della popolazione 2002 ed infine la valutazione secondo la banca mondiale. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Mattia Frizzera Contatta »

Composta da 105 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1368 click dal 02/04/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.