Skip to content

La comunicazione finanziaria tra valori di bilancio e valori economici: i dibattiti e le tendenze in atto nella prospettiva della F.C. Juventus S.p.A.

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Bulleri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Legislazione per le imprese
  Relatore: Michele Casò
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 54

In un sistema bilancistico regolato dalle attuali disposizioni non sono (quasi) mai rilevati i beni immateriali generati internamente e, dunque, il valore contabile di un’impresa può essere significativamente e strutturalmente discosto dal suo valore economico, anche per effetto della mancata informativa economico-finanziaria circa gli immateriali in questione. In definitiva, si potrebbe addirittura ritenere che il bilancio non adempia a una delle sue finalità generali, la rappresentazione veritiera e corretta, privando i fruitori dello stesso di informazioni rilevanti ai fini della scelta di allocazione delle risorse. Se la comunicazione obbligatoria registra tali gravi limiti, quella volontaria, promossa fortemente dalle istituzioni poste a presidio del buon funzionamento dei mercati finanziari, non ha soddisfatto finora le pressanti attese informative che su di essa storicamente si appuntano. Analizzando la problematica dalla prospettiva di una società calcistica professionistica, la FC Juventus Spa, cercheremo di individuare delle linee guida e dei principi di carattere generale che dovranno guidare lo sviluppo del progetto Intangible Assets dello Iasb e di indicare delle possibili soluzioni ai rilievi emersi nel dibattittito internazionale attualmente in corso.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni si è assistito ad un cambiamento radicale, ad una trasformazione di ciò che gli economisti definiscono le funzioni produttive aziendali, gli assets principali che creano valore e crescita1. Assets tangibili quali gli immobili, gli impianti industriali ed i beni strumentali continuano ad essere un importante fattore nella produzione sia di beni che di servizi; tuttavia, la loro importanza relativa è sensibilmente diminuita nel corso del tempo rispetto all’incremento dell’importanza degli assets intangibili. Da un’indagine compiuta da Margaret Blair della Brooking Institution, è emerso che nel 1982 il rapporto tra il patrimonio tangibile delle società industriali ed il valore complessivo di mercato delle medesime società era pari al 62,3 %. Dieci anni dopo tale percentuale era già scesa al 37,9%2 e tale dinamica ha continuato ad accentuarsi negli anni successivi. Un’analoga indagine compiuta da Baruch Lev per l’anno 1999 ha evidenziato un valore medio del Market to book value delle società dell’indice S&P 500 pari al 6,25%, con una percentuale ancora inferiore per le società high tech3. Questo spostamento nell’importanza relativa dei value drivers d’impresa, che ha visto l’emergere e l’affermarsi della cosiddetta “knowledge economy”, è stato amplificato dalla combinazione originale di due forze collegate: una di carattere economico e politico, rappresentata dalla globalizzazione dei mercati finanziari ed una seconda, di carattere tecnologico, rappresentata dalle sempre più ampie potenzialità delle nuove tecnologie informatiche, abilitanti le transazioni commerciali di business e le relazioni tra le aziende e gli individui. Nel contempo, a fronte di tale prepotente evoluzione del contesto economico, sociale e finanziario, si è verificata tuttavia una stagnazione completa nei sistemi di rilevazione e di misurazione contabile: risulta fin troppo semplice richiamare i recenti clamorosi casi di società statunitensi, in cui proprio il fallimento dei bilanci e delle regole contabili hanno agevolato il prodursi di tali scandali, evidenziando i limiti degli strumenti di analisi e valutazione tradizionali. Si tratta, in realtà, delle due facce di un unico problema e, di conseguenza, la soluzione dell’uno (analisi e valutazioni più 1 Lev, B. (1999) “New Maths for a New Economy”, Fast Company, in http://www.fastcompany.com/on- line 2 Blair, M.M. (1995) “Ownership and Control: Rethinking Corporate Governance for the Twenty-First Century”, Brooking Institution, Washington, cap. 6 3 http://pages.stern.nyu.edu/blev/knowledge&shareholdervalue.doc

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

comunicazione finanziaria
disclosure volontaria
intangibili
intangibili generati internamente
intangibles
juventus
marchio
relevance
reliability
trade-off

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi