Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dalla gravidanza all'infanticidio: psicologia e psicopatologia della maternità

Atto di violenza estrema, “contro natura”, inaccettabile, l’assassinio dei figli, proprio per il contrasto fra la quotidianità rassicurante del contesto e l’efferatezza del gesto, è spesso e volentieri sezionato dalla cronaca, prima con morbosa curiosità (le interviste ai vicini: “una donna gentile, una madre affettuosa, nessuno screzio in famiglia, niente che potesse far pensare...”) poi con costernata, semplicistica estraneità, magari infarinata di formule pseudo-psichiatriche (“un raptus”, “era in cura per depressione”) o pseudo-sociologiche (“solitudine, ignoranza, povertà”).
Formule generiche, superficiali, dovute all’incapacità di decifrare un orrore tanto grande nei pochi minuti o nelle poche righe di un servizio di cronaca, formule che però sembrano quasi fatte apposta per alimentare il panico che la notizia dell’assassinio di un figlio da parte di una giovane madre inevitabilmente suscita, specialmente nel pubblico femminile.
Accostare il concetto di “madre” a quello di “assassina” del proprio figlio costituisce, infatti, nella nostra cultura, una terribile contraddizione di termini.
Il figlicidio è un gesto del tutto incomprensibile, un delitto ad alta visibilità sociale che provoca allarme, timore, condanna e stupore ed evoca inquietanti fantasmi.
Ma quanto c’è di folle in una madre che sopprime una vita che lei stessa ha generato? Quali sono le motivazioni profonde che spingono una donna ad uccidere il proprio figlio?

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Atto di violenza estrema, “contro natura”, inaccettabile, l’assassinio dei figli, proprio per il contrasto fra la quotidianità rassicurante del contesto e l’efferatezza del gesto, è spesso e volentieri sezionato dalla cronaca, prima con morbosa curiosità (le interviste ai vicini: “una donna gentile, una madre affettuosa, nessuno screzio in famiglia, niente che potesse far pensare...”) poi con costernata, semplicistica estraneità, magari infarinata di formule pseudo-psichiatriche (“un raptus”, “era in cura per depressione”) o pseudo-sociologiche (“solitudine, ignoranza, povertà”). Formule generiche, superficiali, dovute all’incapacità di decifrare un orrore tanto grande nei pochi minuti o nelle poche righe di un servizio di cronaca, formule che però sembrano quasi fatte apposta per alimentare il panico che la notizia dell’assassinio di un figlio da parte di una giovane madre inevitabilmente suscita, specialmente nel pubblico femminile. Accostare il concetto di “madre” a quello di “assassina” del proprio figlio costituisce, infatti, nella nostra cultura, una terribile contraddizione di termini. Il figlicidio è un gesto del tutto incomprensibile, un delitto ad alta visibilità sociale che provoca allarme, timore, condanna e stupore ed evoca inquietanti fantasmi. Ma quanto c’è di folle in una madre che sopprime una vita che lei stessa ha generato? Quali sono le motivazioni profonde che spingono una donna ad uccidere il proprio figlio?

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Antonia Amodeo Contatta »

Composta da 126 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15645 click dal 15/04/2008.

 

Consultata integralmente 31 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.