Skip to content

La presenza delle assistenti familiari nel lavoro di cura: un'analisi dei percorsi formativi

Informazioni tesi

  Autore: Noemi Lia Maria Sole Ronchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi del Piemonte Orientale A.Avogadro
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze del servizio sociale
  Relatore: Francesca Zaltron
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 106

In Italia e negli altri paesi occidentali si è assistito negli ultimi anni al progressivo e costante invecchiamento della popolazione e ad una riduzione delle nascite. Questo comporta un aumento del bisogno di cura e assistenza verso questa popolazione. L’attività di assistenza e cura è sempre stata delegata alla famiglia, ma con il mutamento della struttura familiare la rete di sostegno familiare è diventata più fragile e debole. Il maggiore inserimento delle donne nel mercato del lavoro, tradizionalmente impegnate nella cura di bambini, anziani e disabili, comporta che esse non riescano più a conciliare gli impegni lavorativi con i bisogni e le necessità di assistenza dei membri fragili e non autosufficienti della famiglia. In un sistema di Welfare, come il nostro, in cui si tende ad un maggior utilizzo dei trasferimenti monetari alle famiglie rispetto alla programmazione di progetti finalizzati ad offrire servizi diretti, non si sono sviluppati servizi di cura efficienti ed efficaci. Questo ha portato le famiglie italiane a ricorre a terze persone, principalmente a donne straniere, per accudire gli anziani non autosufficienti: si sviluppa così il fenomeno delle badanti.
Questo elaborato ha voluto far risaltare l’importanza del lavoro di cura svolto dalle donne straniere nel nostro paese, in cui i servizi per anziani sempre più spesso non riescono a soddisfare i numerosi bisogni di assistenza. Inoltre, si è voluto porre l’attenzione sulla necessità di qualificare il lavoro di cura delle badanti attraverso la realizzazione di percorsi formativi che permettano il riconoscimento del loro ruolo professionale e il miglioramento della qualità dell’assistenza offerta. L’interesse per la formazione e qualificazione del lavoro di cura delle assistenti familiari è nato durante il tirocinio svolto presso il CISS di Chivasso. Il tirocinio mi ha permesso di entrare in contatto con una realtà, quella degli anziani non autosufficienti, complessa e con bisogni in costante aumento. Molti anziani sono accuditi da donne straniere, che però non hanno alle spalle una formazione inerente al lavoro di cura. Il CISS per sopperire a queste lacune conoscitive ha realizzato un percorso formativo per badanti. Ho analizzato questo e altri percorsi per meglio capire come i vari enti pubblici e non si stanno muovendo per migliorare la qualità del lavoro di cura privato.
Nel primo capitolo si focalizza l’attenzione su alcune teorie che mostrano e spiegano come l’immigrazione non sia solo un fenomeno maschile ma sempre più anche femminile. Si spiegano le ragioni di queste migrazioni, la natura dei progetti migratori di queste donne, che decidono di migrare lasciando i loro affetti nel paese d’origine. In ultimo, si descrivono le tappe delle migrazioni femminili in Italia.
Nel secondo capitolo si parla del sistema di Welfare italiano, propenso soprattutto a fornire aiuti di tipo economici alle famiglie piuttosto che realizzare una efficace programmazione di progetti volti ad offrire servizi di cura. Si individuano le risposte istituzionali e le risposte sociali per il soddisfacimento dei bisogni di cura della popolazione anziana.
Il terzo capitolo tratta del lavoro di cura svolto dalle assistenti familiari. Si pone l’attenzione sulla difficile relazione intercorrente tra l’assistente familiare e l’anziano. Si sottolinea l’esistenza di un Welfare invisibile formato dalle donne straniere occupate nel lavoro di cura. Infatti, il lavoro di cura prestato dai singoli carers dà forma ad un mercato in cui avviene l’incontro tra la domanda di assistenza delle famiglie e l’offerta di lavoro delle immigrate, anche se segmentato, poco visibile e sommerso.
Nel quarto capitolo si effettua una analisi comparativa tra alcuni corsi di formazione organizzati da diversi enti ed organizzazioni. I corsi sono analizzati e confrontati in base alla durata, alla loro organizzazione e strutturazione e ai crediti formativi che rilasciano al termine del percorso formativo.
Il capitolo quinto analizza il Progetto “Servizi integrati a sostegno dell’assistenza familiare qualificata” realizzato dal CISS di Chivasso in collaborazione con altri parterns locali. Dopo una breve panoramica sulla struttura organizzativa del CISS, si esaminano le fasi di realizzazione del progetto e le criticità del percorso formativo per assistenti familiari.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
  1  INTRODUZIONE In Italia e negli altri paesi occidentali si è assistito negli ultimi anni al progressivo e costante invecchiamento della popolazione e ad una riduzione delle nascite. Questo comporta un aumento del bisogno di cura e assistenza verso questa popolazione. L’attività di assistenza e cura è sempre stata delegata alla famiglia, ma con il mutamento della struttura familiare la rete di sostegno familiare è diventata più fragile e debole. Il maggiore inserimento delle donne nel mercato del lavoro, tradizionalmente impegnate nella cura di bambini, anziani e disabili, comporta che esse non riescano più a conciliare gli impegni lavorativi con i bisogni e le necessità di assistenza dei membri fragili e non autosufficienti della famiglia. In un sistema di Welfare, come il nostro, in cui si tende ad un maggior utilizzo dei trasferimenti monetari alle famiglie rispetto alla programmazione di progetti finalizzati ad offrire servizi diretti, non si sono sviluppati servizi di cura efficienti ed efficaci. Questo ha portato le famiglie italiane a ricorre a terze persone, principalmente a donne straniere, per accudire gli anziani non autosufficienti: si sviluppa così il fenomeno delle badanti. Questo elaborato ha voluto far risaltare l’importanza del lavoro di cura svolto dalle donne straniere nel nostro paese, in cui i servizi per anziani sempre più spesso non riescono a soddisfare i numerosi bisogni di assistenza. Inoltre, si è voluto porre l’attenzione sulla necessità di qualificare il lavoro di cura delle badanti attraverso la realizzazione di percorsi formativi che permettano il riconoscimento del loro ruolo professionale e il miglioramento della qualità dell’assistenza offerta. L’interesse per la formazione e qualificazione del lavoro di cura delle assistenti familiari è nato durante il tirocinio svolto presso il CISS di Chivasso. Il tirocinio mi ha permesso di entrare in contatto con una realtà, quella degli anziani non autosufficienti, complessa e con bisogni in costante aumento. Molti anziani sono accuditi da donne straniere, che però non hanno alle spalle una formazione inerente al lavoro di cura. Il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anziani
assistente sociale
assistenti familiari
assistenza domiciliare
badanti
immigrazione femminile
lavoro di cura
percorsi formativi
servizi per anziani
servizio sociale
welfare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi