Skip to content

L'organizzazione per processi dal settore privato alla Pubblica Amministrazione

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Perich
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi della Tuscia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Tommaso Federici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 384

Alla teoria sull’organizzazione funzionale di Taylor, ne sono susseguite moltissime, ma tutte, anche se molto elaborate, tendevano sempre a considerare l’azienda come sistema a sé stante: erano statiche.
Non erano in grado di adattarsi, infatti, ai continui mutamenti del mercato.
Per la prima volta, negli anni ’60, alla teorie organizzative si accostò l’automazione industriale.
Questa permise alle aziende di accrescere la loro produttività, ma, ben presto, questa non sarebbe stata più sufficiente per garantire la competitività.
I dirigenti della Toyota, in Giappone, furono i primi a rendersene conto e cercarono di ottenere un vantaggio competitivo sulle concorrenti.
Questo fu raggiunto, solo grazie alla cultura giapponese, alla completa dedizione dei lavoratori agli obiettivi dell’azienda.
Riuscirono persino ad eliminare i difetti dalla loro produzione, perché un prodotto difettoso era un disonore sia per l’azienda che per l’operaio che lo aveva assemblato in fabbrica e questo orientò l’azienda sempre più alla customer satisfaction.
Questo sistema produttivo, però, era proprio del Giappone e non poteva essere esportato anche negli altri Paesi industrializzati.
C’era bisogno di un maggior coinvolgimento del lavoratore, le informazioni dovevano fluire in maniera migliore all’interno del complesso organizzativo.
Col passare degli anni e con la rapida successione delle “ere tecnologiche”, quest’obiettivo venne raggiunto.
Negli anni ’80, l’era dell’automazione industriale era finita ed i sistemi informatici, già presenti nelle aziende, assunsero il ruolo di sistemi informativi.
In questo modo, fu possibile far circolare meglio le informazioni all’interno ed all’esterno dell’azienda e grazie all’evoluzione dell’hardware e dei pacchetti software, i sistemi informativi divennero anche un valido supporto decisionale per il management.
I sistemi organizzativi delle aziende, vennero travolti dall’I.T., ma a discapito di quanto si pensasse, non contribuirono ad incrementare le vendite.
Man mano che si utilizzavano sistemi informativi sempre più complessi, le organizzazioni constatarono che non bastava più il solo apporto dell’I.T. per renderle efficaci ed efficienti.
L’azienda doveva essere, infatti, “ripensata”, in maniera più radicale e tale cambiamento non poteva essere comprato, così come si faceva con la tecnologia, ma doveva emergere dall’interno dell’organizzazione stessa e doveva focalizzarsi sui processi di business.
Hammer diede a tutto questo il nome di reengineering; da allora molte aziende leader lo utilizzano, adottando a seconda delle necessità un approccio diverso.
In questo lavoro mostrerò come il reengineering fece piazza pulita dei vecchi modi di organizzare il lavoro e di trattare le informazioni.
Per giungere a questo cambiamento, però, occorre analizzare sia i suoi principi, che le sue possibili configurazioni.
Il fine è dimostrare come focalizzando l’attenzione sui processi di business sia possibile migliorare le performance aziendali.
Molti casi aziendali sono la prova che l’organizzazione per processi sia la chiave per il successo per un’impresa moderna.
Dopo aver riscontrato quindi diversi casi di successo nel settore privato, di recente, si è provato ad applicare questa nuova filosofia gestionale anche al settore che negli ultimi anni si è mostrato meno performante: la pubblica amministrazione.
L’organizzazione per processi, consente, infatti, di focalizzare la propria attenzione sulla customer satisfaction e migliora i processi all’interno della stessa.
La customer satisfaction dovrebbe essere l’obiettivo primario della pubblica amministrazione, perché ne legittima l’esistenza, ma, purtroppo, non è in grado di raggiungerlo.
Molte sarebbero le ragioni di quest’insuccesso, ma quelle che incidono maggiormente sono due.
La prima è l’eccessiva burocrazia, che causa ridondanza di documenti, personale in esubero ed il malfunzionamento delle procedure....

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Premessa Alla teoria sull’organizzazione funzionale di Taylor, ne sono susseguite moltissime, ma tutte, anche se molto elaborate, tendevano sempre a considerare l’azienda come sistema a sé stante: erano statiche. Non erano in grado di adattarsi, infatti, ai continui mutamenti del mercato. Per la prima volta, negli anni ’60, alla teorie organizzative si accostò l’automazione industriale. Questa permise alle aziende di accrescere la loro produttività, ma, ben presto, questa non sarebbe stata più sufficiente per garantire la competitività. I dirigenti della Toyota, in Giappone, furono i primi a rendersene conto e cercarono di ottenere un vantaggio competitivo sulle concorrenti. Questo fu raggiunto, solo grazie alla cultura giapponese, alla completa dedizione dei lavoratori agli obiettivi dell’azienda. Riuscirono persino ad eliminare i difetti dalla loro produzione, perché un prodotto difettoso era un disonore sia per l’azienda che per l’operaio che lo aveva assemblato in fabbrica e questo orientò l’azienda sempre più alla customer satisfaction. Questo sistema produttivo, però, era proprio del Giappone e non poteva essere esportato anche negli altri Paesi industrializzati. C’era bisogno di un maggior coinvolgimento del lavoratore, le informazioni dovevano fluire in maniera migliore all’interno del complesso organizzativo. Col passare degli anni e con la rapida successione delle “ere tecnologiche”, quest’obiettivo venne raggiunto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bpr
business process reengineering
organizzazione aziendale
organizzazione funzionale di taylor
pubblica amministrazione
reengineering
sportello unico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi