Skip to content

Bastiano e Momo: l'infanzia come metafora in Michael Ende

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Giaconi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Emma Beseghi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

Questo lavoro ha l’obiettivo di dare un maggiore riconoscimento ad un autore che spesso è stato frainteso e sottovalutato dalla critica. I precedenti e scarsi studi che hanno infatti esaminato l’opera di Michael Ende, hanno sempre posto in primo piano l’appartenenza dei suoi scritti alla categoria letteratura per l’infanzia. Tuttavia negli ultimi anni si è verificato un risveglio dell’interesse nei confronti del genere fantasy che ha portato ad analizzare ulteriormente autori come Ende, scovando all’interno dei suoi romanzi principali una doppia possibilità di lettura, una versatilità basata proprio sull’essere narrativa per ragazzi che però propone temi concetti e riflessioni filosofiche che un bambino non può essere in grado di percepire.
Un mondo interiore che l’umanità sta trascurando, un consumismo che è al centro dei nostri interessi e che porta a disinteressarsi delle cose che veramente contano, il potere della fantasia come forza creatrice capace di generare infiniti universi paralleli, il pericolo di disperdersi quando si ha tutto ciò che si desidera, questi e mille altri motivi sono presenti tra le pagine dei libri di Ende, assumendo la forma di personaggi fantastici e creature immaginarie.
Sulla base di ciò, è interessante soffermarsi su una figura in particolare cui Michael Ende si è spesso ispirato, una figura che è stata presente nella sua vita in maniera alterna: suo padre. Analizzeremo il rapporto che il nostro autore ha avuto con il padre Edgar Ende, un pittore dal quale Michael sembra aver ereditato il mancato riconoscimento artistico delle proprie opere: la critica ha spesso avuto a che fare con la problematica identificazione di quadri che abbracciano motivi romantici, surrealistici, metafisici e appartenenti al movimento della Nuova Oggettività, per passare poi dalla difficoltà di classificarli ad un totale disinteresse verso di essi.
Ciò che Michael ha spesso sottolineato parlando del padre è l’importanza dell’esistenza di una dimensione della mente che non si può controllare, e dalla quale il padre traeva i suoi soggetti. Se infatti leggiamo attentamente i libri di Michael Ende, in particolare "Lo specchio nello specchio", esplicitamente dedicato al padre e alla sua visione del mondo, vediamo come i richiami a questa figura di vitale importanza siano frequenti e come questi concetti vengano poi rielaborati dal nostro scrittore. Ciò che i due artisti hanno in comune è infatti l’interesse e l’attenzione verso la dimensione inconscia della nostra mente, una potente realtà dalla quale Edgar e Michael fanno partire tutti i loro ragionamenti su una fantasia vista come forza creatrice capace di dare un senso alla vita in generale, e su un filo sottile che collega questa dimensione surreale con quella reale e superficiale.
Chiariti questi passaggi fondamentali per capire Ende, passeremo ad esaminarne in primo luogo l'appartenenza al genere fantasy, soprattutto in riferimento ai suoi due maggiori romanzi, "La storia infinita" e "Momo"; in seguito vedremo più da vicino di cosa trattano queste opere che hanno restituito un po’ di meritata celebrità a Michael Ende.
Vedremo dunque tutte le allegorie e le considerazioni che La storia infinita e Momo contengono, il desiderare le cose materiali, il concetto di tempo e la sua evoluzione nella storia e nella filosofia, le critiche sociali nei confronti del nostro mondo, e del modo in cui viviamo, di come ci relazioniamo alla vita, e vedremo che ruolo gioca in tutto questo il saper usare una facoltà della nostra mente che è la fantasia. E proprio su questo ci soffermeremo: in passato la critica erroneamente tendeva a collegare la fantasia con il mondo infantile e risultava quindi automatico pensare che Ende si rivolgesse esclusivamente ad un pubblico giovane e questo pregiudizio veniva incentivato dal fatto che Ende avesse scelto come protagonisti delle sue storie proprio dei bambini. Fortunatamente oggi questo punto di vista è stato svecchiato, anzi, i bambini appaiono sempre più frequentemente nei romanzi per adulti e l’infanzia sta cominciando ad essere considerata quella fase della vita portatrice di valori che gli adulti non posseggono. Vedremo come la stessa cosa sia accaduta anche ad un altro autore di poco precedente a Ende: Antoine de Saint’Exupéry, lo scrittore del noto racconto "Il piccolo principe".
Oggi la fantasia ha subìto una rinascita, lo vediamo palesemente anche attraverso tutta una serie di film e trilogie cinematografiche che riproducono best-sellers quali Il signore degli anelli di Tolkien, oppure le più recenti Cronache di Narnia di C.S. Lewis, con lo scopo di restituire al genere fantasy, sia in letteratura, sia nell’ambito cinematografico, quel valore che per anni non gli è stato riscontrato.
Una ricerca dunque che ha come destinazione rendere giustizia ad un autore che ha vissuto per tanto tempo dietro un equivoco, che è stato frainteso e che merita un’identificazione all’interno del panorama letterario odierno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Questo lavoro è stato ideato con l’obiettivo di dare un maggiore riconoscimento ad un autore che spesso, prima che si cominciasse a prendere in considerazione la profondità del suo pensiero, è stato frainteso e dunque sottovalutato dalla critica. I precedenti e scarsi studi che hanno infatti esaminato l’opera di Michael Ende, hanno sempre posto in primo piano l’appartenenza dei suoi scritti alla categoria “letteratura per l’infanzia”, che comunque non è un dato del tutto errato, visti i suoi primi racconti, dedicati a lettori giovani. Tuttavia negli ultimi anni si è verificato un risveglio dell’interesse nei confronti del genere fantasy, e questo ha portato ad analizzare ulteriormente autori come Ende, scovando all’interno dei suoi romanzi principali una doppia possibilità di lettura, una versatilità basata proprio sull’essere narrativa per ragazzi che però propone temi, concetti e riflessioni filosofiche che un bambino non può essere in grado di percepire. Un mondo interiore che l’umanità sta trascurando, un consumismo che è al centro dei nostri interessi e che porta a disinteressarsi delle cose che veramente contano, il potere della fantasia come forza creatrice capace di generare infiniti universi paralleli, il pericolo di disperdersi quando si ha tutto ciò che si desidera, questi e mille altri motivi sono presenti tra le pagine dei libri di Ende, assumendo la forma di personaggi fantastici e creature immaginarie. Questa ricerca ha dunque come base questo punto di vista e si muove in diverse direzioni. In primo luogo è necessario sapere chi è Michael Ende, dove e come ha trascorso la sua vita, per quale motivo ha fatto determinate scelte, poiché se non si conosce almeno in parte questo tipo di informazioni su un autore di difficile classificazione, risulterà più problematico

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adulti
bambini
creatività
edgar
ende
fantasia
fantasy
inconscio
infanzia
letteratura
letteratura tedesca
lo specchio nello specchio
metafisica
michael
momo
nuova oggettività
pittore
pittura tedesca
romanzo
romanzo fantasy
saggio
scrittore
storia infinita
surrealismo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi