Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Mycoplasma e Ureaplasma come generi patogeni dell'apparato genitourinario femminile

I Micoplasmi sono i più piccoli microrganismi esistenti in natura capaci di replicarsi e di vivere autonomamente, ossia al di fuori di cellule ospiti, non sono cioè citodipendenti come i virus e le Rickettsie. La scelta del nome deriva dal fatto che i Micoplasmi hanno una struttura simile al fungo (la micologia è lo studio dei funghi, quindi "mico") ed hanno una struttura simile a plasma fluido senza parete cellulare, quindi "plasma". Gli elementi più piccoli hanno un diametro di 0,1 – 0,2 micron, ma si riconoscono tre principali tipi di strutture:

Mostra/Nascondi contenuto.
 PREMESSA Quando ho scelto l argomento della mia tesi, l ho fatto sulla base di una tecnica che ho potuto osservare ed apprendere durante il mio periodo di tirocinio al laboratorio di microbiologia dell ospedale G. Brotzu di Cagliari. Tra le varie attivit che ho imparato a svolgere (semina di campioni biologici in terreni di coltura, colorazione di Gram, ecc ) quella che piø mi ha incuriosito Ł stata la procedura di diagnosi dei Micoplasmi urogenitali. Nella realt del laboratorio per , quando giunge un campione da analizzare, si Ł solo alla fine di una lunga catena di eventi, ossia, da dove proviene quel campione? Cosa ha provocato nella persona dal quale Ł stato prelevato? Prima di iniziare a scrivere questa tesi non mi era capitato di pormi questo tipo di domande, perchØ il mio era solo un compito meccanico: trasferire il campione nel brodo di coltura e aspettare il tempo necessario per poter ottenere i risultati che sarebbero poi stati analizzati dal personale competente. La prima parte della mia tesi illustra in generale le caratteristiche morfologiche e comportamentali dei Micoplasmi, con un accenno alla loro classificazione tassonomica. Poi si concentra sulle specie che hanno azione patogena sull uomo, con particolare attenzione per quelle urogenitali, per restringere il campo infine sui soli Micoplasmi che interessano il tratto urogenitale femminile, con una rassegna di tutte le malattie in cui questi sono stati ritrovati. La parte finale riguarda le tecniche diagnostiche utilizzate per lo studio dei Micoplasmi urogenitali, con particolare dettaglio sulla tecnica colturale che ho potuto personalmente apprendere in laboratorio. Questa tesi vuole quindi ripercorrere gli eventi che si verificano prima che un campione biologico giunga al laboratorio d analisi: illustra la catena delle realt esistenti al di l della diagnosi compiuta dal biologo, prima di andare a trattare del procedimento diagnostico stesso.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Silvia Fenu Contatta »

Composta da 39 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2557 click dal 02/07/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.