Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di innovazione in un settore maturo

All’interno delle economie sviluppate dell’Europa Occidentale, degli Stati Uniti fino al Giappone più di due terzi dei settori industriali sta attraversando un periodo di crescita debole, di ristagno o addirittura di calo della domanda dei propri prodotti (Harrigan, 1990). Contemporaneamente prende piede la teoria del ciclo di vita del settore di Porter che nel 1982 introduce l’idea che ogni settore segua un andamento analogo alla vita umana: nascita crescita e morte.
Alla luce della teoria di Porter i dati sembrerebbero allarmanti, le economie sviluppate tendono all’inesorabile declino, mentre i paesi emergenti saranno i protagonisti dei prossimi decenni.
Si capisce allora quanto sia importante studiare la competizione nei settori che si trovano nella seconda metà del ciclo di vita del settore.
Questo lavoro si propone di indagare le alternative strategiche proposte dalla letteratura, mettendo a confronto le teorie ormai classiche con i nuovi studi sull’imprenditorialità aziendale.
Questi ultimi sono, infatti, il punto di svolta, la risposta all’inesorabile decadenza che si prospetta di fronte alle economie sviluppate. Essi teorizzano la possibilità di uscire da una condizione di empasse della domanda stimolandola e offrendo soluzioni nuove al mercato partendo da un forte lavoro di analisi e ristrutturazione delle risorse aziendali.
L’elaborato termina con lo studio di caso della tessitura Taiana Virgilio di Olgiate Comasco, che per le sue caratteristiche e la sua storia, conferma il ruolo determinante dell’imprenditorialità aziendale per lo sviluppo e la crescita di un’azienda in un settore che è, ormai per definizione, maturo, il tessile comasco.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione All’interno delle economie sviluppate dell’Europa Occidentale, degli Stati Uniti fino al Giappone più di due terzi dei settori industriali sta attraversando un periodo di crescita debole, di ristagno o addirittura di calo della domanda dei propri prodotti (Harrigan, 1990). Contemporaneamente piede la teoria del ciclo di vita del settore di Porter che nel 1982 introduce l’idea che ogni settore segua un andamento analogo alla vita umana: nascita crescita e morte. Alla luce della teoria di Porter i dati sembrerebbero allarmanti, le economie sviluppate tendono all’inesorabile declino, mentre i paesi emergenti saranno i protagonisti dei prossimi decenni. Si capisce allora quanto sia importante studiare la competizione nei settori che si trovano nella seconda metà del ciclo di vita del settore. Questo lavoro si propone di indagare le alternative strategiche proposte dalla letteratura, mettendo a confronto le teorie ormai classiche con i nuovi studi sull’imprenditorialità aziendale. Questi ultimi sono, infatti, il punto di svolta, la risposta all’inesorabile decadenza che si prospetta di fronte alle economie sviluppate. Essi teorizzano la possibilità di uscire da una condizione di empasse della domanda stimolandola e offrendo soluzioni nuove al mercato partendo da un forte lavoro di analisi e ristrutturazione delle risorse aziendali. L’elaborato termina con lo studio di caso della tessitura Taiana Virgilio di Olgiate Comasco, che per le sue caratteristiche e la sua storia, conferma il ruolo determinante dell’imprenditorialità aziendale per lo sviluppo e la crescita di un’azienda in un settore che è, ormai per definizione, maturo, il tessile comasco.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Valentina Campagnoli Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3285 click dal 03/09/2008.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.