Skip to content

L'uso funzionale del colore negli ambienti sanitari

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Bidese
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Politecnico di Torino
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Anna Marotta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 356

Perchè vogliamo colorare lo spazio sanitario?
Oggigiorno siamo nostro malgrado costretti a definire con il termine "umanizzazione" il processo di rilettura degli spazi adibiti alla funzione sanitaria e di cura, e ciò ci fa rendere conto della debacle architettonica avvenuta nei trascorsi ed ancora in atto.
Il luogo di cura può essere definito, oggi, come una "mqacchina sanitaria", dove il ricoverato sig. Rossi si smaterializza e diventa di volta in volta un'ernia, un menisco, una prostata, ecc.
Chi si occupa di progettazione di tali tipi di architetture deve quindi confrontarsi, non solo con la risoluzione degli aspetti funzionali operativi, ma soprattutto degli aspetti psico percettivi dell'utente e del comfort della degenza: l'uso ragionato del colore è una delle innumerevoli discipline atte a tale miglioramento, è indicato a migliorare la relazione uomo/ambiente costruito, l'ergonomia visiva ed il comfort ambientale. Un corretto uso di luce-colore può diventare un piccolo investimento a costo praticamente nullo, ma di grande aiuto alla terapia in un contesto ambientale relazionato psicologicamente alla sofferrenza.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 9 - INTRODUZIONE E PERCORSO DI LAVORO ____________________________________________________________________ Che cos’è il colore? Il colore non può essere considerato un fenomeno unidimensionale, cioè non è una qualità specifica che hanno oggetti, spazi, o superfici, ma è una sensazione creata da determinate qualità della luce che vengono riconosciute dall’occhio ed interpretate dal cervello e che nasconde livelli e dimensioni diverse sia dal punto di vista degli effetti, sia da quello del suo significato. Solo grazie al “mediatore” energetico luminoso è possibile vedere e percepire il colore, elemento cardine di riconoscimento e discriminazione di tutto ciò che ci circonda. I colori sono parte della nostra vita, ci circondano e sono elemento fondamentale del nostro ambiente, anche se ce ne accorgiamo solo quando dobbiamo acquistare un capo d’abbigliamento, o quando ci fermiamo al semaforo…. come afferma anche lo psicoterapeuta tedesco Klausbernd Vollmar. In natura e nello spazio costruito il colore serve ad orientarci, ad individuare e riconoscere in fretta gli oggetti e la realtà, ecco perché luce e colore devono viaggiare a braccetto nell’ambito di una progettazione dell’habitat umano, considerando tutti gli aspetti fisici, fisiologici, percettivi, estetici e tecnici. Purtroppo però il colore è spesso considerato dai progettisti come semplice elemento di decoro. Il mondo del colore ha un’importanza tale da riuscire ad esercitare su di noi un’influenza nel nostro animo, riuscendo ad indurre allegria, depressione, benessere o tensione a seconda del suo impiego. Tutto ciò è stato scientificamente dimostrato e già W. Goethe1 a suo tempo sosteneva che “i colori 1 Johann Wolfgang von Goethe (1749-1832), poeta, scrittore, studioso, scrisse La teoria dei colori. Ulteriori notizie su: • MAROTTA, Anna, Policroma: dalle teorie comparate al progetto del colore, Celid, Torino, 1999, pp. 101-102.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

colore ospedali
colore sanità
cromoterapia
ospedali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi