Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I consumi alimentari. Grande distribuzione e Altromercato: un'indagine empirica a Bologna

Questa tesi è un’indagine empirica delle preferenze di acquisto (di generi alimentari) dei consumatori volta a capire le le motivazioni che spingono a comprare prodotti simili in diversi tipi di negozi.
La scelta dei due punti vendita è caduta su due negozi che insistono su medesimo territoritorio ma appartegono a filiere iverse: un supermercato appartenente alla grande distribuzione e una botta del mondo, appartente al circuito equoesolidale.
All'interno della trattazione si va a identificare il consumo come un sistema di informazione, in cui i beni si articolano in un linguaggio. Tale linguaggio caratterizza non solo le persone, ma anche i luoghi di vendita, che diventano il primo bene che si consuma al momento dell'acquisto.
Attraverso l'analisi delle risposte date al questionario somministrato ai clienti dei negozi si identificano i profili dei consumatori.
I dati empirici raccolti testimoniano che le differenze tra le risposte degli intervistati dimostrano che le clientele dei due negozi in genere agiscono con motivazioni d’acquisto diverse.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE Questa tesi di laurea è un’indagine delle preferenze di acquisto dei consumatori, per capire quali siano le motivazioni che spingono a comprare prodotti simili in diversi tipi di negozi. Ho ristretto l'ambito di indagine ai consumi alimentari e, in particolare, agli acquisti fatti in due diversi esercizi commerciali: una Bottega del Mondo, cioè un negozio del circuito equo e solidale, e un supermercato Pam, entrambi situati in centro a Bologna. La scelta è caduta su questi due punti vendita perché essi, insistendo sullo stesso territorio, hanno potenzialmente la stessa clientela e perché appartengono a due circuiti distributivi differenti: la Pam fa parte della grande distribuzione organizzata, mentre Exaequo è un negozio specializzato che fa capo ad una cooperativa appartenente ad un circuito commerciale alternativo al precedente. Mi è sembrato significativo e funzionale allo scopo di questa indagine mettere a confronto questi due negozi, così diversi fra loro. La tesi si articola in due sezioni. Nella prima ho cercato di sintetizzare il pensiero di alcuni fra i principali autori che si sono occupati di consumo, dai padri della sociologia ai sociologi contemporanei. Il breve excursus pone le basi teoriche che consentono di leggere ed interpretare i dati contenuti nella seconda parte della tesi. All'interno di questa trattazione ho dato spazio all'ipotesi che identifica il consumo come un sistema di informazione, in cui i beni si articolano in un linguaggio. Tale linguaggio caratterizza non solo le persone, ma anche i luoghi di vendita, che diventano il primo bene che si consuma al momento dell'acquisto. Successivamente ho approfondito le caratteristiche dei due negozi ove si è svolta la ricerca, proponendo una descrizione delle due forme distributive.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Lavinia Totti Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1833 click dal 04/09/2008.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.