Skip to content

Applicazione delle Leghe a Memoria di Forma (S.M.A.) per il Morphing in Campo Aeronautico

Informazioni tesi

  Autore: Silvestro Barbarino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Aerospaziale
  Relatore: Leonardo Lecce
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 319

Il 17 dicembre 1903, a Kitty Hawk (North Carolina) il primo velivolo a motore più pesante dell’aria, il Wright Flyer, prendeva il volo. Per garantire un minimo di manovrabilità, esso aveva delle ali che, controllate per mezzo di tiranti, potevano essere deformate (mediante torsione): quel metodo di controllo può considerarsi a tutti gli effetti un’ala adattiva, a forma variabile (morphing wing).
Fin dal primo volo dei fratelli Wright, i progettisti di aerei si sono avviati nella ricerca di modi di migliorare sia l’efficienza sia le prestazioni degli aerei. Tipicamente, le ali di un aereo sono progettate così da essere ottimizzate per una specifica condizione di volo, ma soffrono di minore efficienza in tutte le altre. Queste penalizzazioni possono essere ridotte attraverso l’opportuna deflessione di superfici di controllo convenzionali (incernierate) presenti sul bordo d’attacco e/o sul bordo d’uscita dell’ala. Queste superfici di controllo alterano il campo di moto attorno all’ala, modificando di fatto la curvatura della stessa in certe regioni, conducendo così ad una variazione delle forze aerodinamiche e dei momenti agenti sull’intera ala.
Fin dal 1980, molti ricercatori hanno investigato l’uso di sistemi di attuazione e strutture a controllo di forma in materiali adattivi (in genere ci si riferisce a tali soluzioni con il nome di tecnologie SMART) per migliorare le prestazioni e l’efficienza di volo, al fine di poter modificare la forma dell’ala in funzione delle specifiche condizioni di volo.
Una struttura SMART coinvolge la presenza di attuatori e sensori distribuiti, e uno o più microprocessori, il tutto al fine di applicare deformazioni e/o spostamenti localizzati, per alterare il comportamento della struttura stessa: rientrano quindi in questo filone numerose applicazioni, dal controllo attivo delle vibrazioni e del rumore alla risoluzione di problematiche di stabilità aeroelastica, dal controllo di forma alla distribuzione delle tensioni; i settori interessati sono molteplici, da quello aerospaziale, al civile, al meccanico e anche il settore biomedicale.
Questa attività di ricerca è nata dalla collaborazione del Dipartimento di Progettazione Aeronautica (D.P.A.) dell’università di Napoli “Federico II” con il laboratorio Smart Structures (SMAS) del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (C.I.R.A.).
Scopo dell’attività di tesi è quello di investigare, numericamente e sperimentalmente, la fattibilità di un bump transonico attuato mediante elementi in materiale a memoria di forma (S.M.A.).
La realizzazione di un bump, cioè di una variazione di curvatura locale del dorso alare, si inquadra nella filosofia più generale dell’ala adattiva, soffermandosi sulla possibilità di incrementare le prestazioni degli aeromobili in regime transonico, per mezzo dell’indebolimento delle onde d’urto generantisi in tali condizioni di volo.
Per l’attuazione, si è deciso di implementare nella struttura elementi auto-deformanti in materiale S.M.A.. Questa scelta nasce dall’esigenza di abbandonare i metodi convenzionali di attuazione, basati su motori passo-passo, leveraggi o sistemi idraulici, e verificare la capacità di attuazione di elementi “intelligenti” integrati direttamente nella struttura. Tra i differenti materiali SMART disponibili, oltre agli S.M.A., vi sono i piezoelettrici, i materiali magnetoreologici ed elettroreologici: tuttavia la scelta è ricaduta sulle leghe a memoria di forma per la loro capacità di sviluppare non solo grandi forze, ma anche grandi deformazioni, necessarie per la generazione degli spostamenti richiesti.
Le motivazioni di un simile studio si possono riassumere:
- nella possibilità di incrementare l’efficienza aerodinamica del profilo (così come riportato in molteplici studi in letteratura), mediante una sua variazione di forma in volo, esplorando completamente il potenziale aerodinamico della corrente;
- nella diminuzione in resistenza derivante dalla maggiore efficienza aerodinamica, con conseguente diminuzione dei consumi dell’aeromobile e dei costi di esercizio;
- nell’abbassamento dei costi di manutenzione e nell’alleggerimento strutturale, derivanti dall’utilizzo di materiali auto-deformanti in luogo di tradizionali sistemi di attuazione.
Pertanto, il presente manoscritto è strutturato in modo da presentare innanzitutto una panoramica sui materiali intelligenti attualmente disponibili, con particolare attenzione alle leghe a memoria di forma, compresa la modellistica sviluppata per descriverne il comportamento e alcuni dati sperimentali finora raccolti, nonché le applicazioni già disponibili commercialmente. Quindi si farà il punto sullo stato dell’arte del morphing alare. Poi si entrerà nel merito di codesta trattazione, illustrando la fenomenologia transonica ed il sistema di attuazione oggetto di codesto studio. Infine saranno riportati i risultati ottenuti con la simulazione numerica e le prove sperimentali, con la correlazione dei dati e susseguenti conclusioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - Introduzione Il 17 dicembre 1903, a Kitty Hawk (North Carolina) il primo velivolo a motore più pesante dell’aria, il Wright Flyer, prendeva il volo. Per garantire un minimo di manovrabilità, esso aveva delle ali che, controllate per mezzo di tiranti, potevano essere deformate (mediante torsione): quel metodo di controllo può considerarsi a tutti gli effetti un’ala adattiva, a forma variabile (morphing wing). Fin dal primo volo dei fratelli Wright, i progettisti di aerei si sono avviati nella ricerca di modi di migliorare sia l’efficienza sia le prestazioni degli aerei. Tipicamente, le ali di un aereo sono progettate così da essere ottimizzate per una specifica condizione di volo, ma soffrono di minore efficienza in tutte le altre. Queste penalizzazioni possono essere ridotte attraverso l’opportuna deflessione di superfici di controllo convenzionali (incernierate) presenti sul bordo d’attacco e/o sul bordo d’uscita dell’ala. Queste superfici di controllo alterano il campo di moto attorno all’ala, modificando di fatto la curvatura della stessa in certe regioni, conducendo così ad una variazione delle forze aerodinamiche e dei momenti agenti sull’intera ala. Figura 1: Progetto “The Wright Experience” in occasione del centenario: replica del Wright Flyer del 1903 durante i test in galleria del vento [1]

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adaptive wing
ala adattiva
bump transonico
controllo di forma alare
leghe a memoria di forma
morphing
regime transonico
shape memory alloys
sma
transonic bump
wing shape control

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi