Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il teatro politico oggi in Italia

Quando si parla di teatro Politico, spesso oggi il primo pensiero va a Bertolt Brecht e a tutta la sua produzione drammaturgica e teatrale che sembra aver delineato un metodo efficace per fare teatro Politico. Negli anni però questa denominazione è apparsa scomparire sempre più, perché sempre più quel modo di fare teatro pareva non essere più in grado di rapportarsi ad una coscienza politica reale della società. Brecht rimane uno dei più grandi drammaturghi del Novecento, ma la politicità del teatro non pare possa sopravvivere efficacemente seguendo solo la riproduzione dei suoi testi.
Eppure, da qualche anno, il fenomeno della politica a teatro (dovuto solo in parte ad alcune esperienze di censura durante il governo Berlusconi) pare essere ritornato in primo piano attraverso forme e modi molto diversi tra loro che non sembrano delineare un unico e definitivo modo di fare teatro politico e che in alcuni casi non partono nemmeno dall’idea di voler essere politici, ma in base all’azione scenica intrapresa lo diventano per loro stessa natura.
Questa ricerca vuole porsi l’obbiettivo di dare un primo sguardo collettivo a tutte quelle forme teatrali che, in Italia, per merito di continuità produttiva e qualitativa, appaiono oggi essere inevitabilmente le nuove forme di un teatro politico contemporaneo. Come si vedrà successivamente, per iniziare questa indagine serve però riformulare anche il concetto stesso di “politico”, ripartendo proprio dalla definizione etimologica del termine e vedendo come poi abbia assunto significati diversi nei secoli.
Mi pare giusto far notare da subito che il fenomeno è risultato essere molto ampio e come già accennato questo scritto vuole essere un primo sguardo, un ampio spunto per approfondimenti ulteriori e ancora più specifici per ogni settore (sono tre) individuato come appartenente all’insieme teatro politico. Quindi lungi da me voler dare definizioni definitive o assolute, ma voler sicuramente evidenziare un processo che appare sempre più vitale, dinamico e che fino a pochi anni prima (potremmo dire già con gli anni Ottanta) sembrava essere scomparso. Forse questo sparire si è reso necessario per la riformulazione e la presa di coscienza di nuovi metodi comunicativi teatrali molto più vicini alla società e alla sua evoluzione.
La tesi è composta da un primo capitolo relativo alla storia del teatro Politico e ad alcune sue evoluzioni durante gli anni Sessanta e Settanta e Ottanta. Si è voluto successivamente dividere questa ricerca in tre settori che oggi appaiono essere i principali: il teatro degli attori comici, con particolare riferimento a Dario Fo, Daniele Luttazzi, Sabina Guzzanti, Paolo Rossi e Beppe Grillo. Il teatro narrazione, teatro civile e di memoria, con particolare attenzione per Marco Baliani, Marco Paolini, Laura Curino e Ascanio Celestini. Il teatro delle diversità con un riferimento particolare a la “Compagnia della fortezza” di Armando Punzo.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREFAZIONE Quando si parla di teatro Politico, spesso oggi il primo pensiero va a Bertolt Brecht e a tutta la sua produzione drammaturgica e teatrale che sembra aver delineato un metodo efficace per fare teatro Politico. Negli anni però questa denominazione è apparsa scomparire sempre più, perché sempre più quel modo di fare teatro pareva non essere più in grado di rapportarsi ad una coscienza politica reale della società. Brecht rimane uno dei più grandi drammaturghi del Novecento, ma la politicità del teatro non pare possa sopravvivere efficacemente seguendo solo la riproduzione dei suoi testi. Eppure, da qualche anno, il fenomeno della politica a teatro pare essere ritornato in primo piano attraverso forme e modi molto diversi tra loro che non sembrano delineare un unico e definitivo modo di fare teatro politico e che in alcuni casi non partono nemmeno dall’idea di voler essere politici, ma in base all’azione scenica intrapresa lo diventano per loro stessa natura. Questa ricerca vuole porsi l’obbiettivo di dare un primo sguardo collettivo a tutte quelle forme teatrali che, in Italia, per merito di continuità produttiva e qualitativa, appaiono oggi essere inevitabilmente le nuove forme di un teatro politico contemporaneo. Come si vedrà successivamente, per iniziare questa indagine serve però riformulare anche il concetto stesso di “politico”, ripartendo proprio dalla definizione etimologica del termine e vedendo come poi abbia assunto significati diversi nei secoli. Mi pare giusto far notare da subito che il fenomeno è risultato essere molto ampio e come già accennato questo scritto vuole essere un primo sguardo, un ampio spunto per approfondimenti ulteriori e ancora più specifici per ogni settore (sono tre) individuato come appartenente all’insieme teatro politico. Quindi lungi da me voler dare definizioni definitive o assolute, ma voler sicuramente evidenziare un processo che appare sempre più vitale, dinamico e che fino a pochi anni prima (potremmo dire già con gli anni Ottanta) sembrava essere scomparso. Forse questo sparire si è reso necessario per la riformulazione e la presa di coscienza di nuovi metodi comunicativi teatrali molto più vicini alla società e alla sua evoluzione. 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristian Bonato Contatta »

Composta da 278 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7136 click dal 11/09/2008.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.