Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'AIDS in Cambogia. Un dispositivo pedagogico tra corpi, luoghi e saperi.

La tesi è il frutto di una esperienza maturata sul campo, nella quale abbiamo osservato ed analizzato la malattia dell'AIDS nei bambini in Cambogia, da un punto di vista pedagogico; siamo stati ospiti di una ONG locale, New Hope for Cambodian Children, e abbiamo utilizzato l'AIDS come una sorta di fulcro attorno al quale si basa un dispositivo pedagogico caratterizzato da corpi, luoghi, linguaggi, spazi e tempi.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione E l' Asia par che dorma, ma sta sospesa in aria l' immensa, millenaria sua cultura: i bianchi e la natura non possono schiacciare i Buddha, i Chela, gli uomini ed il mare (F. Guccini) Il mio elaborato finale per la tesi triennale in scienze dell’educazione è il frutto di una esperienza maturata sul campo in Cambogia, un paese del sud-est asiatico: nel settembre 2007 ho avuto la fortuna di essere ospitato per cinque settimane a Phnom Penh da alcuni missionari e missionarie del PIME, acronimo che significa Pontificio Istituto Missioni Estere; questo istituto lavora nel continente asiatico in particolare nei progetti scolastici e sanitari; già nel 2005 feci un’esperienza con questo istituto nella provincia del Prey Veng, dove insegnai inglese ad alcuni bambini di età compresa tra i 9 e i 14 anni circa. In quell’occasione mi incontrai, e molte volte mi scontrai, con una realtà Altra rispetto alla mia di origine; a Phnom Penh, la capitale, conobbi la contraddizione di una realtà ricca, costituita dalle case di grandi imprenditori, ville lussuose, automobili sontuose, a ridosso di una realtà impoverita, formata dalla società di coloro che vivono nella più assoluta miseria, soffrendo la fame e vivendo solo di una economia di sussistenza. Conobbi la Storia di questo paese, affrontai il dramma dei Khmer rossi e di Pol Pot, nell’assurdità di questa dittatura e di questo regime: 1,7 milioni di persone uccise per una ideologia, un vero e proprio genocidio, svoltosi nel più assoluto silenzio dell’opinione pubblica e della politica mondiale. Alla fine del 2007 è iniziato il fatidico processo ai leader dei Khmer rossi, ma sarà difficile trovare una pena “giusta” per i crimini contro la guerra e i crimini contro l’umanità, vista anche l’età avanzata degli ex- capi politici della Kampuchea Democratica. Dopo la fine del regime dei khmer rossi, durato dal 1975 fino al 1979, la Cambogia resterà sotto il controllo dei vietnamiti fino al crollo del muro di Berlino, nel 1989: i guerriglieri dei Khmer rouge cesseranno definitivamente di esistere solo nel 1999, anno in cui per la Cambogia inizia una nuova era. Ma questo Paese agli inizi del XXI secolo è martoriato da una piaga sociale che coinvolge e sconvolge l’intera popolazione: il virus del secolo, l’AIDS, che si diffonde a

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Francesco Ingarsia Contatta »

Composta da 110 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 512 click dal 17/09/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.