Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi e valutazione delle tecnologie energetiche nell'ambito della pianificazione energetico-ambientale della Regione Lombardia. Il caso studio Kyoto Enti Locali.

Il lavoro di tesi, alla luce del contesto pianificatorio energetico ambientale regionale, nazionale ed internazionale, considerando anche la forte vocazione territoriale lombarda per le biomasse forestali (662 mila ha di bosco), le loro ottime potenzialità di sviluppo energetico (31 % del fabbisogno da fonti rinnovabili) e i numerosi vantaggi provenienti dal loro utilizzo, ha voluto individuare un sistema di supporto alle decisioni nella valutazione della sostenibilità dell’utilizzo energetico delle biomasse forestali per lo sviluppo di un’azione a livello locale. Successivamente, per valutarne il livello di funzionalità, si è applicato tale sistema ad una realtà territoriale concreta, vale a dire la Comunità Montana delle Alpi Lepontine (CMAL).
La valutazione di sostenibilità è stata intesa come una stima di indicatori ambientali, economici e sociali scelti ad hoc utili a definire un livello integrato di fattibilità per l’azione di sfruttamento energetico delle biomasse forestali.
Nodo cruciale di questa valutazione è risultata essere la scelta relativa alla tecnologia di conversione energetica; tra le varie ipotesi è stata considerata la produzione di energia elettrica da un motore alimentato dal syngas prodotto dalla gassificazione delle biomasse forestali.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 4 - PARTE I: CONTESTO DELLO STUDIO 1. INTRODUZIONE Il tema cambiamenti climatici Ł ormai da anni al centro di dibattiti politici e scientifici, ma anche contesto di molti provvediementi normativi e atti di pianificazione nelle politiche ambientali internazionali e nazionali. I cambiamenti climatici vengono intesi principalemente come riscaldamento globale, che secondo autorevoli pareri scientifici Ł inequivocabile e risulta attualmente in forma evidente dalle osservazioni sugli aumenti delle temperature medie al suolo e negli oceani, dai fenomeni ampiamente diffusi dello scioglimento delle nevi e dei ghiacciai e dall aumento del livello medio del mare (IPPC, 2007). Una delle principali cause che hanno provocato questi cambiamenti Ł stata l aumento dei livelli di concentrazione di gas a effetto serra nell atmosfera, tanto Ł vero che per contrastare gli effetti di tali modificazioni ambientali il mondo politico internazionale si Ł voluto dotare di uno strumento di riferimento per perseguire l obiettivo di riduzione delle emissioni di questi gas, il Protocollo di Kyoto. Una delle linee che si sta seguendo per perseguire questi obiettivi Ł quella dello sviluppo di fonti rinnovabili di energia (FER) e recentemente la commissione Europea ha assunto l'impegno di dover ottenere il 20 % della propria energia da fonti rinnovabili entro il 2020. Per l Italia in particolare, la proposta di direttiva per la promozione dell utilizzo dell energia da fonti rinnovabili (Bruxelles, 23 Gennaio 2008) prevede un obiettivo vincolante del 17% di energia da FER sui consumi finali al 2020 (APER, 2007). Alla luce di queste considerazioni, il presente lavoro di tesi ha voluto inserirsi in questo contesto con l obiettivo di valutare il grado di penetrazione locale di proposte per lo sviluppo di fonti di energia rinnovabile. Il primo passo Ł stato quello di prendere coscienza della realt energetico-ambientale del contesto territoriale preso come riferimento per questo lavoro, vale a dire la Regione Lombardia. A questo riguardo si Ł voluto instaurare un tavolo di discussione con uno dei soggetti coinvoli nella pianificazione energetica della Lombardia, vale a dire Punto Energia, ente pubblico regionale. Il confronto Ł stato utile per avere un riscontro sullo stato attuale del contesto energetico lombardo e dello sviluppo interno regionale di fonti di energia rinnovabile, nei suoi ambiti di criticit e ottimizzazione. Questo confro nto ha portato a valutare lo sviluppo di un potenziale studio considerando alcune delle forme energetiche rinnovabili che il territorio lombardo mette a disposizione.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Ambientali

Autore: Pasqualino Lacquaniti Contatta »

Composta da 170 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 887 click dal 22/09/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.