Skip to content

Il rave come fenomeno metropolitano: un'analisi antropologica

Informazioni tesi

  Autore: Alessandra Caldi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: David Moss
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

E' un'indagine approfondita del fenomeno metropolitano dell'evasione dalle cordinate spazio-temporali intrinseche della società post-moderna.
La moda dei free rave auto-gestiti e il fenomeno dell'occupazione illegale di spazi comuni (squott) ridefiniscono i limiti dell'agire in comune, celebrando le pratiche di associazionismo creativo e libero.
Attraverso l'elemento festivo, questa subcultura metropolitana vive in maniera tribale ai margini delle città e ne esce come fà un astronave verso un satellite.
La forte protesta non-violenta richiama l'attenzione sulla pesante carenza di spazio offerto alla cultura nostrana auto-prodotta, alle arti multimediali, all'orizzontalità dell'approccio tra diverse regionalità e nazionalità in continuo contatto.
Breve inchiesta telematica su un campione di raver alle prese con i cambiamenti degli usi, consumi, disagi comuni e motivazioni personali, dopo quasi una decade di ininterrotto e a volte drammatico movimento underground.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 1. INTRODUZIONE: CULTURA UNDERGROUND E SPAZIO SOCIALE L’oggetto di questa indagine è il free tekno party, detto anche rave illegale, un tipo di festa che coinvolge un numero sempre crescente di giovani, che ha dimensioni essenzialmente europee anche se, in un’accezione più allargata, è presente in tutto il mondo, e che parte essenzialmente dalla realtà metropolitana e dai problemi sociali ad essa collegati. Le sue radici storiche affondano nella controcultura inglese del passato ventennio e nella cultura traveller. Per traveller si intende quella persona che vive in una casa su quattro ruote muovendosi di campo in campo e di festival in festival e questo modo di vivere ha una chiara matrice hippy, il cui input di base fu il desiderio di vivere al di fuori del patto sociale inglese affermando i principi di fratellanza universale, di nomadismo e di ricerca di uno stile di vita alternativo. Il nomadismo è il concetto chiave insieme al viaggio in quanto espressione di libertà e contrapposizione rispetto a una sedentarietà che diviene simbolo di abitudine e di sottomissione rispetto alla castrazione che proviene dall’appartenere a classi sociali svantaggiate. La scelta della strada come ambiente in cui vivere e muoversi ha un fascino molto potente, perché essa si fa metafora di un nomadismo psichico che accompagna l’individuo attraverso campi esperienziali sempre diversi in cui sperimentare socialità e culturalità alternative, tese ad un arricchimento critico sempre più vasto in cui relativizzare le verità dominanti. I cicli stagionali e i ritmi temporali dettati dai doveri economici e le appartenenze identitarie infatti sfumano attraverso lo sradicamento dal territorio. La vita del viaggiatore assume la prospettiva di un percorso esistenziale fluido composto di immagini mosse da eventi in continua dissolvenza; il viaggiatore si muove attraverso spazi sempre nuovi e per questo motivo è costretto dagli eventi a rimettere necessariamente in discussione la sua identità e le sicurezze che gli proverrebbero dalla vita sedentaria. I traveller, braccati dalla povertà, sperimentano strategie di sopravvivenza ed è per questo che la creatività si fa centrale nella loro vita, perché diventa strumento di sussistenza e gioco nel reinventarsi la vita quotidiana. Per sopravvivere infatti deve acquisire tutta una serie di abilità quali ad esempio la manutenzione del suo mezzo di trasporto,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alterazione
autoproduzione
coscienza
disagio giovanile
droga
gergo
ghetto
illegale
italia
millennio
movimento europeo
musica
nuove tecnologie
protesta
rave
rivoluzione
slang
sociale
spazio
squott
subcultura
tekno
tempo
underground

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi