Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Prestiti obbligazionari prima e dopo la riforma del diritto commerciale

la tesi studia le novità introdotte dalla riforma del diritto commerciale per quanto riguarda l'emissione di prestiti obbligazionari

Mostra/Nascondi contenuto.
5 PREMESSA ALLA RIFORMA Con il decreto legislativo nr 6 del 17 gennaio 2003, attuativo della legge di delega per la riforma del diritto societario nr 366 del 3 ottobre 2001, che ha profondamente modificato il titolo V del libro V del codice civile, è stata attuata una delle più corpose riforme in campo economico dell’attuale legislatura. Sicuramente la parte più importante di questa novellazione civilistica riguarda le disposizioni in tema di società per azioni. In particolare, visto la delicatezza della materia, ho deciso di occuparmi della riforma riguardante la sezione VII, contenente la normativa in tema di emissione prestiti obbligazionari. La delega prevedeva che( art 4 comma 6 lettera d) la disciplina relativa all’emissione fosse modificata nel senso: a) di attenuare o addirittura rimuovere i limiti all’emissione b) di consentire all’autonomia statutaria di determinare l’organo competente a decidere l’emissione. Vediamo allora brevemente come il legislatore delegato si è comportato e quali, in linea di principio, sono le principali modifiche apportate al vecchio codice del 1942: a) Competenza all’emissione di obbligazioni. Cambia la previsione normativa circa l’individuazione dell’organo competente all’emissione, che passa, salvo diversa pattuizione statutaria, dall’assemblea straordinaria agli amministratori. b) Limiti di valore all’emissione delle obbligazioni. La riforma supera la disciplina secondo cui il valore nominale dell’emissione non poteva eccedere quello del capitale versato ed esistente risultante dell’ultimo bilancio. Ora viene disposto che l’emissione dei bond deve essere contenuta in un importo complessivamente non eccedente il doppio della somma di: capitale sociale più la riserva legale più le riserve disponibili

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Economiche e Aziendali

Autore: Marco Minella Contatta »

Composta da 65 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1097 click dal 08/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.