Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Acidi linoleici coniugati (CLA) e regolazione del metabolismo lipidico

Il lavoro di ricerca si è concretizzato nella realizzazione di una tesi in Biochimica della nutrizione dal titolo “Acidi linoleici coniugati (CLA) e regolazione del metabolismo lipidico”. Ho effettuato un’analisi dettagliata degli effetti dei CLA a livello sistemico nei topi e nei ratti in quanto i CLA provocano una serie di modificazioni che alterano il funzionamento del tessuto adiposo (riduzione della massa grassa), del pancreas endocrino (iperinsulinemia e insulino-resistenza) e del fegato (steatosi epatica).

Mostra/Nascondi contenuto.
- Introduzione - 3 1. INTRODUZIONE 1.1 Metabolismo lipidico: β-ossidazione, lipogenesi, e trasporto degli acidi grassi I principali processi coinvolti nel metabolismo lipidico sono: la sintesi degli acidi grassi (lipogenesi) e la loro degradazione per ricavare energia (β-ossidazione). La degradazione è un processo ossidativo, che converte un acido grasso in una serie di unità acetiliche attivate (acetil-CoA), che possono essere ulteriormente metabolizzate nel ciclo dell’acido citrico. Come schematizzato in Fig. 1, un ruolo chiave nella degradazione degli acidi grassi è svolto dalla CPT (Carnitina-Palmitoil-Transferasi). Fig. 1: Ruolo della CPT nella degradazione degli acidi grassi Gli acidi grassi attivati, infatti, si trovano sotto forma di acil-CoA, molecole che non sono in grado di attaversare la membrana mitocondriale a causa della porzione acilica che viene ceduta ad una molecola di carnitina, formando acil-carnitina. Il trasferimento avviene attraverso l'azione di due enzimi, la carnitina-palmitoil-transferasi (CPT) I e II che sono localizzati rispettivamente nella membrana mitocondriale esterna ed interna. Il trasporto viene poi mediato da una proteina, il carrier mitocondriale della carnitina, che traferisce acil-

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Biologiche

Autore: Sara Guerrieri Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2407 click dal 17/10/2008.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.