Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Codice della comunicazione commerciale

Inizio la mia tesi parlando dalla nascita del codice di autodisciplina pubblicitario nel 1937 per poi parlare del codice attuale, delle pubblicità dei proodotti a rischio, sopratutto per quanto riguarda le bevande alcoliche passando per l'etica della comunicazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Credo che ad ognuno di noi sia capitato fruendo volontariamente o, molto più probabilmente, involontariamente di alcune pubblicità di provare alcune sensazioni che possono essere di volta in volta di ammirazione, stupore, simpatia, riflessione o addirittura fastidio o insofferenza. E’ appunto la sensazione di fastidio che mi ha fatto pensare. Ci sono immagini, rappresentazioni che possono ledere i valori morali delle persone, mi sono quindi chiesta se ciò che viene rappresentato sia effettivamente lo specchio della società in cui viviamo e se sia giusto trasmettere o diffondere certi “tipi” di pubblicità . Fino a dove ci si può spingere e fino a dove è necessario fermarsi? Mi trovo così davanti agli occhi un bimbo tutto sporco di sugo, intento a mangiare spaghetti che si prende gioco del fidanzato della sua mamma chiedendogli: “Diego ma mi vuoi bene? Faresti tutto per me?… Anche se non sei il mio papà?” utilizzando questo escamotage come scusa per avere un altro piatto di pasta; questo di certo non lede la mia morale ma può di sicuro far storcere il naso a chi crede in un atro tipo di famiglia. Questa pubblicità prima del 1975 sarebbe stata quasi impossibile, a dimostrazione che la società cambia e si evolve molto velocemente e con essa anche la morale delle persone e di conseguenza anche le leggi che le tutelano. La comunicazione commerciale deve quindi essere in linea con i tempi rispettando un “etica generale” la quale anch’essa è un concetto altrettanto in continuo movimento. Queste le motivazioni che mi hanno spinto a interessarmi della comunicazione commerciale e a farne oggetto della mia tesi. L’analisi parte dalla nascita e dall’evoluzione storica del Codice di autodisciplina della Comunicazione Commerciale analizzando i cambiamenti che si sono succeduti nelle varie edizioni. Fino a giungere al codice attuale in riferimento al quale descrivo le funzioni dei diversi organi,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Elena Ioni Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1667 click dal 29/10/2008.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.