Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un caso particolare di turismo responsabile in Senegal

partendo da un personale viaggio di turismo responsabile, è stato svolta un'analisi generale sul fenomeno completo di cronologia e enti coionvolti per arrivare poi ad un'analisi antropologica attraverso anche il caso particolare in senegal ed un questionario indirizzato ad alcuni componenti del gruppo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Al ritorno dalla mia seconda esperienza in territorio africano (Ghana), è stato per me più facile riprendere a leggere ed elaborare libri, notizie e pensieri riguardanti il mio primo grande incontro con l'Africa, avvenuto nell'estate 2007. Ho sempre sognato, nel corso degli anni, di poter un giorno raggiungere le terre di quel continente di cui molti si innamorano e, dopo averlo incontrato, non possono far a meno di tornarvi periodicamente. Ogni viaggio, pur presentando aspetti comuni per tutti i partecipanti (programma, alloggi, ....), acquista valori, aspettative, ideali diversi a seconda del soggetto che lo vive. Per quanto mi riguarda, è stato, come ho già detto, un sogno che finalmente prendeva forma e per questo la tipologia di viaggio e la meta non sono state una scelta casuale ma il frutto di numerose ricerche di diverso genere. Dopo aver parlato con una ragazza mia coetanea ed aver visitato il sito internet dell'associazione “Chiama Senegal”, decisi di prender contatti diretti e di concretizzare a livello pratico i preparativi per il viaggio. Sapevo che avrei dovuto affrontare spese abbastanza consistenti, fare numerosi vaccini e la profilassi contro la malaria cose che talvolta possono rappresentare un ostacolo o blocco nell'intraprendere un viaggio del genere. Per me non è stato così: era talmente grande il mio desiderio di partire che tutti gli aspetti per così dire negativi o “pericolosi” cadevano in secondo piano pur avendoli comunque ben presenti. Anche il dover partire da sola, e non avere quindi un compagno di viaggio che conoscevo a priori, rappresentava per me un aspetto positivo perché consideravo quest'aspetto un'importante opportunità di conoscere persone nuove e, soprattutto di non esser eccessivamente 4

Diploma di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Ilaria Casalini Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1092 click dal 29/10/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.