Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di concentrazione bancaria in Italia. Il caso Antonveneta

Con il presente lavoro, ci si propone di analizzare in modo piuttosto dettagliato l’acquisizione di Banca Antonveneta da parte di Banca Monte dei Paschi di Siena, con particolare attenzione a quei metodi valutativi, capaci di apprezzare, più incisivamente, il valore strategico delle Banche, sul piano della redditività, dell’efficienza e dello sviluppo. Più nello specifico, nel valutare l’equity di Banca Antonveneta, ci si è serviti di criteri economico-analitici, quali il Dividend Discount Model e il criterio U.E.C. complesso e di criteri di mercato quali il criterio dei multipli di Borsa” e il criterio della regressione lineare. Tutto ciò ha richiesto la preliminare disamina delle tappe essenziali dei processi bancari di acquisizione e fusione che hanno interessato l’Italia negli ultimi anni e delle conseguenze che tali manovre hanno prodotto sull’assetto proprietario delle società coinvolte. La nostra analisi, condotta alla stregua di criteri empirici, ha evidenziato le motivazione e gli interessi economici sottesi ad operazioni siffatte e, soprattutto, gli effetti che le aggregazioni bancarie hanno prodotto, a partire dagli anni ’90, sull'efficienza e la competitività del nostro sistema finanziario. In linea con quanto avvenuto, d’altronde, anche in Europa, il sistema bancario italiano è stato caratterizzato da un significativo aumento del grado di concentrazione, in buona parte riconducibile alle operazioni di privatizzazione e di dismissione delle quote statali. Tuttavia i risultati che le acquisizioni e le fusioni hanno determinato sull'efficienza bancaria non possono affatto dirsi univoci, per l’influenza che, con molta probabilità, la forma assunta dalle aggregazioni bancarie esercita sulla stessa.

Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT Con il presente lavoro, ci si propone di analizzare in modo piuttosto dettagliato l’acquisizione di Banca Antonveneta da parte di Banca Monte dei Paschi di Siena, con particolare attenzione a quei metodi valutativi, capaci di apprezzare, più incisivamente, il valore strategico delle Banche, sul piano della redditività, dell’efficienza e dello sviluppo. Più nello specifico, nel valutare l’equity di Banca Antonveneta, ci si è serviti di criteri economico-analitici, quali il Dividend Discount Model e il criterio U.E.C. complesso e di criteri di mercato quali il criterio dei multipli di Borsa” e il criterio della regressione lineare. Tutto ciò ha richiesto la preliminare disamina delle tappe essenziali dei processi bancari di acquisizione e fusione che hanno interessato l’Italia negli ultimi anni e delle conseguenze che tali manovre hanno prodotto sull’assetto proprietario delle società coinvolte. La nostra analisi, condotta alla stregua di criteri empirici, ha evidenziato le motivazione e gli interessi economici sottesi ad operazioni siffatte e, soprattutto, gli effetti che le aggregazioni bancarie hanno prodotto, a partire dagli anni ’90, sull'efficienza e la competitività del nostro sistema finanziario. In linea con quanto avvenuto, d’altronde, anche in Europa, il sistema bancario italiano è stato caratterizzato da un significativo aumento del grado di concentrazione, in buona parte riconducibile alle operazioni di privatizzazione e di dismissione delle quote statali. Tuttavia i risultati che le acquisizioni e le fusioni hanno determinato sull'efficienza bancaria non possono affatto dirsi univoci, per l’influenza che, con molta probabilità, la forma assunta dalle aggregazioni bancarie esercita sulla stessa. INTRODUZIONE Le fusioni ed acquisizioni nel settore bancario hanno da sempre suscitato l'interesse e l'attenzione di critici e studiosi, come dimostra la vastissima letteratura esistente sull'argomento. I sistemi finanziari dei principali paesi industrializzati continuano a subire cambiamenti strutturali di notevole portata e il mutato contesto competitivo induce, sempre più spesso, gli intermediari ad intraprendere scelte strategiche, orientate alla ricerca dell’efficienza. In tale prospettiva, si è reso indispensabile un rafforzamento dimensionale, realizzato attraverso 5

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Bancarie, Finanziarie e Assicurative

Autore: Francesco Vitiello Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1889 click dal 06/11/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.