Skip to content

Ruolo dei peptidi cerniera nella formazione di dimeri non-covalenti della ribonucleasi bovina pancreatica mediante scambio di domini strutturali

Informazioni tesi

  Autore: Anna Balsamo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Chimica
  Relatore: Filomena Sica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 79

Il meccanismo di formazione di strutture oligomeriche a partire da forme monomeriche, in seguito a scambio di domini strutturali tra subunità, prende il nome di 3D-domain swapping. La regione di contatto in cui si hanno le interazioni tra il dominio scambiante e il corpo della proteina, presente sia nella forma monomerica sia in quella oligomerica scambiante, costituisce la cosiddetta interfaccia chiusa, mentre la regione di interazione tra le subunità proteiche, presente nell’ oligomero scambiante e assente nella forma monomerica, costituisce l’ interfaccia aperta. Il segmento peptidico che connette il dominio scambiato al corpo principale della molecola proteica assume il nome di “peptide cerniera”. Un sistema modello ideale per la comprensione del fenomeno dello scambio di domini strutturali con trasformazione monomero→dimero, è rappresentato dalla famiglia delle ribonucleasi di tipo pancreatico.Studi sperimentali hanno mostrato che l’RNAsi A in condizioni blandamente denaturanti tende a generare diverse forme oligomeriche scambianti, tra cui due dimeri, uno (DN) derivante dallo scambio dell’elica N-terminale mediato dal peptide cerniera 16-22 e l’altro (DC) derivante dallo scambio del β-strand C-terminale, che è regolato dal peptide cerniera 111-115. Questo lavoro di tesi si inserisce in un progetto di ricerca che prevede l’analisi dell’effetto della sequenza e della lunghezza del peptide cerniera sulla formazione di dimeri non-covalenti della ribonucleasi bovina pancreatica e prevede la cristallizzazione e la caratterizzazione strutturale del dimero C-terminale P114A-RNAsi A e di des(16-20) RNasi A..Il dimero di P114A è stato ottenuto per sostituzione della prolina in posizione 114 della RNAsi A con un residuo di alanina.La struttura cristallografica di DC-P114A-RNasi A presenta lo scambio reciproco tra le subunità del β-strand C-terminale ed assume una struttura quaternaria molto simile a quella del dimero C-terminale dell’enzima nativo, ad eccezione di una leggera variazione conformazionale globale, dovuta essenzialmente all’elevata flessibilità della struttura quaternaria tipica dei dimeri scambianti. Nella RNasi A il passaggio monomero→dimero C-terminale comporta la transizione cis-trans del legame peptidico 113-114. La sostituzione di Pro114 con Ala, mirava a verificare l’effetto della presenza nel peptide cerniera di un residuo per il quale la conformazione cis è meno preferita nel processo di dimerizzazione. I risultati ottenuti dallo studio della cinetica di dimerizzazione per il mutante P114A indicano che, rispetto alla proteina nativa, si ha una riduzione della percentuale del dimero DC nella miscela ottenuta per liofilizzazione della proteina da HAc 40. Il rapporto tra il monomero e la quantità totale di proteina dimerizzata è invece invariato rispetto alla proteina nativa. Questo risultato indica che la capacità di scambio del mutante rispetto alla proteina nativa è inalterata ma la sostituzione Pro-114-Ala favorisce inaspettatamente lo scambio dell’estremità N-terminali. Una possibile spiegazione dei dati sperimentali si ha esaminando il ruolo del solvente strutturato nella stabilizzazione del folding della ribonucleasi A. Una caratteristica strutturale ampiamente conservata nelle numerose strutture cristallografiche della RNasi A è la presenza di alcune molecole di acqua che tengono vincolato il dominio C-terminale a quello N-terminale della proteina. Nella struttura cristallografica del mutante mP114A mancano le interazioni che coinvolgono il sito di mutazione: è come se la sostituzione Pro-114-Ala avesse in parte indebolito le interazioni all’interfaccia tra le due estremità della proteina. Il minore vincolo strutturale associato alle regioni terminali di mP114A, insieme alla flessibilità intrinseca delle regioni cerniera, potrebbe giustificare infatti la percentuale paragonabile dei due dimeri. Des(16-20)RNAsi A è stato ottenuto per delezione di 5 residui (16-20) nella sequenza del peptide cerniera di RNasi A e viene purificata direttamente cin forma dimerica. E’ stato recentemente mostrato che l’eliminazione del peptide 16-20 in un’altra ribonucleasi monomerica di tipo pancreatico, la ribonucleasi umana [(des16-20) HP-RNasi], destabilizza completamente il folding della forma monomerica. La proteina viene infatti purificata direttamente come dimero scambiante di cui recentemente è stata determinata la struttura cristallografica. L’affinamento della struttura è ancora in corso. Il modello ottenuto mostra che ciascun dimero è caratterizzato dallo scambio dell’elica N-terminale (residui 1-15) mediato dal peptide (16-22) cerniera privato dei residui 16-20. È stata inoltre messa in evidenza la presenza di due molecole di dimero nell’unità asimmetrica con struttura quaternaria leggermente diversa. L’ architettura dei due dimeri è molto simile a quella di des(16-20) HP-RNasi ma, molto diversa rispetto agli altri dimeri non covalenti di ribonucleasi.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Capitolo 1 Introduzione L’aggregazione delle proteine riveste un notevole interesse, in quanto rappresenta un fenomeno rilevante sia per l’acquisizione di nuove funzioni, sia per la produzione di depositi di natura patologica. Diverse gravi patologie neurodegenerative sono, infatti, caratterizzate dalla presenza di aggregati proteici: depositi fibrillari, denominati amiloidi, si trovano nella malattia di Alzheimer e in varie encefalopatie spongiformi trasmissibili (o TSE), come ad esempio l’Encefalopatia spongiforme bovina (BSE) e la Sindrome di Creutzfeldt-Jakob (CJD) (Dobson, 2003; Pepys, 2006; Selkoe, 2003). La presenza di aggregati di proteine è stata anche riscontrata, nelle cosiddette malattie da espansione glutamminica (ad indicare che la proteina in questione si aggrega quando il numero di residui di glutammina, costituenti sequenze ininterrotte nell’ambito di essa, superi le circa 40 unità), quali, ad esempio la malattia di Huntington e quella di Kennedy (Perutz, 1999). Le strutture native delle proteine sono costituite da un elevato numero di interazioni non covalenti, determinate dalle costrizioni imposte dalla catena covalente e che assicurano alla proteina un’elevata specificità per l’organizzazione nativa dei suoi elementi strutturali. Nel caso degli oligomeri il meccanismo convenzionale di riconoscimento tra le subunità costituenti, per la formazione di strutture dimeriche o di ordine superiore, richiede che nel corso dell’evoluzione si sia selezionata sulla superficie di ciascun monomero una stabile interfaccia, abbastanza ampia da

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

3d-domain swapping
dimeri non covalenti
forme monomeriche
peptide cerniera
rnasi a
strutture oligomeriche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi