Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stato nutrizionale dei bambini italiani

La tesi tratta un argomento che in Italia negli ultimi decenni sta avendo il sopravvento, quello dello stato di nutrizione delle bambini delle scuole primarie, in quanto la società consumistica odierna mostra sempre più dei canoni errati in termini di alimentazione. E' opportuno che sin dall'infanzia, scuola e famiglia facciano acquisire ai bambini le nozioni di corretta alimentazione e soprattutto le facciano applicare. Tutto questo perchè durante lo sviluppo del bambino si ha la moltiplicazione delle cellule adipose, per cui un obeso diventa tale da bambino, associando le malattie cronico-degenerative che ne conseguono.

Mostra/Nascondi contenuto.
Lo stato nutrizionale dei bambini italiani Introduzione 1 Introduzione Il miglioramento delle condizioni socio-economiche degli ultimi decenni ha rivoluzionato, non del tutto positivamente, le abitudini alimentari della popolazione, riscontrabili sin dall’età infantile, le quali si associano ad un maggior rischio di obesità nell’adulto e alle malattie cronico- degenerative che ne conseguono. Attualmente il numero degli obesi nel mondo sembra aggirarsi intorno ai trecento milioni, una cifra che sembra destinata ad aumentare qualora vengano confermati i trend di crescita degli ultimi decenni (17). Questo fenomeno non è influenzato dalle differenze socio- economiche - culturali, è, difatti, un problema di livello mondiale, per il quale è stato anche coniato il termine “globesità”, neologismo crudamente indicativo dell’entità del problema. La disciplina che si occupa del decorso e delle conseguenze delle malattie, quali l’obesità, è l’epidemiologia; in particolar modo l’epidemiologia descrittiva è quella branca che descrive eventi sanitari come malattie, cause di morte e frequenza di fattori di rischio avvalendosi di strumenti statistici detti misure di insorgenza, come ad esempio il calcolo del tasso e della prevalenza. Il tasso è la variazione istantanea di una quantità al variare unitario di un'altra cui la prima è funzionalmente legata. La prevalenza è una proporzione in cui il numero di casi presenti in un certo momento, viene rapportato al numero complessivo di persone presenti nella popolazione totale in quel momento. Per cui risulta palese che a partire dagli anni Ottanta, la prevalenza dell’obesità è triplicata e continua ad aumentare, con tassi

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Carmela Esposito Contatta »

Composta da 46 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4640 click dal 07/11/2008.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.