Skip to content

Lo slang degli SMS italiani e spagnoli: comunicazione e creatività

Informazioni tesi

  Autore: Barbara Mogliani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Simona Moschini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 49

Oggi ci troviamo in una continua rivoluzione dell'informazione, i cambiamenti, tecnici o sociali sono ogni volta sempre più rapidi e in questo contesto sono i giovani coloro che incontrano una maggiore predisposizione ad adattare il loro linguaggio di fronte a tutte le novità tecnologiche. I linguaggi giovanili si nutrono oggi, più che mai, di proposte televisive particolarmente congeniali, provenienti soprattutto dall'area della comicità, ma non sono da tralasciare gli aspetti legati ai linguaggi delle nuove tecnologie (degli SMS, delle Chat-lines, dell'E-mail), il cui impiego è evidentemente massiccio ed entusiastico proprio da parte delle giovani generazioni.
Si richiede uno strumento comunicativo @gile, veloce, semplice nelle forme, al quale si può anche sostituire un codice di squilli che sembra poter soddisfare le loro esigenze comunicative più impellenti, dal dire “Ti amo” al chiedere “Quando ci vediamo?”.
L’informazione si è trasformata oggi in un oggetto di valore che bisogna consumare compulsivamente e gestire a proprio beneficio, oggi abbiamo bisogno di raccontare cose, dobbiamo essere connessi (on-line), il che equivale a dire identificati.
Nella comunicazione a distanza con gli SMS avvertiamo un vago senso di onnipotenza e di ubiquità, che ci permette di regolare e aggiustare le nostre distanze a quelle degli altri. Se il telefono di chi riceve è acceso e non ci sono problemi di comunicazione, un SMS arriva in più o meno sei secondi, creando un’illusione di sincronia tra chi lo manda e chi lo riceve. Per questo motivo, è un mezzo abbastanza economico che produce un piacere innegabile perché sembra eliminare qualsiasi distanza fisica e ricorda una comunicazione quasi faccia a faccia, come se potessimo ascoltare le parole della persona che ci scrive e non, come succede nella realtà, di leggerle.
In questo lavoro ho voluto analizzare il linguaggio che i giovani più di altri utilizzano ogni giorno attraverso l’invio degli SMS (acronimo di Short Message System), i messaggi che inviamo attraverso il telefono cellulare, un modo d’esprimersi che sembra danneggiare le norme di scrittura, l’espressione e le regole basiche della comunicazione scritta, utilizzando un linguaggio nato da una doppia finalità: comunicare di più in meno tempo e con il minor costo possibile.
I primi due capitoli sono centrati sull’analisi del linguaggio tipico che scaturisce dalla comunicazione via SMS e sulle funzioni di questi messaggi, sulle motivazioni che spingono, soprattutto i giovani, a preferire la comunicazione via SMS ad altre modalità di interazione. Gran parte del lavoro verrà però dedicato alle peculiarità grammaticali, morfo-sintattiche, semantiche, pragmatiche e stilistiche di questo linguaggio, relative alla lingua italiana e spagnola. Due realtà diverse che utilizzano però uno stesso linguaggio sintetico e rapido, ma tutt’altro che povero di espressività. Sia in italiano sia in spagnolo la scrittura è molto simile al parlato e la necessità di essere succinti induce a ridurre, contrarre il testo, ad accorciare le parole, ad abbreviazioni.
Partendo da queste considerazioni, l’obiettivo di questo elaborato è di offrire alcune indicazioni utili a chi vuole capire le caratteristiche morfosintattiche che regolano il linguaggio utilizzato negli SMS dai giovani italiani e spagnoli; una nuova forma di scrittura che è causa e, allo stesso tempo, conseguenza di una globalizzazione della comunicazione che permette a chiunque di comunicare con efficienza, rapidità ed economicità in qualunque parte del mondo, riducendo le barriere causate dalla distanza fisica. Allo stesso tempo, intendo dimostrare, citando alcuni esempi di questa scrittura, come, seppure fatto di abbreviazioni e popolato di emoticon, tale lessico possa essere considerato una delle forme più ingegnose e creative di comunicazione dei giovani, un gioco, una sperimentazione, una fantasia, un'impertinenza, una sfida nel secolo XXI.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Lo slang degli SMS italiani e spagnoli: comunicazione e creatività 4 Li apro, li leggo, li divoro. Li trovo :-), :-), :-s, wow! Inserisco il T9 prorompente. È pronta la risposta al mittente. Antonio Pinna INTRODUZIONE La gioventù costituisce un gruppo sociale nuovo che caratterizza gli ideali che tutto il mondo vuole imitare. Il mondo giovanile, dallo sport alla musica al look e ad ogni altro tipo di consumo, è sempre più visibile, sotto i riflettori. 1 «Visti da vicino», i ragazzi moderni si qualificano come lontanissimi parenti delle generazioni che li hanno preceduti. Quelli di oggi non sono più i ragazzi di una volta; è quello che stancamente recitano molti adulti, con la delusione spalmata sul volto e nel timbro della voce. 2 La percezione che i giovani parlino peggio o studino meno dei loro predecessori è una costante che si ripete di generazione in generazione, 25 secoli fa Socrate scriveva: “I giovani di adesso amano il consumo, hanno pessime modalità e disdegnano le autorità. Mostrano poco rispetto per i loro superiori e già non si alzano quando qualcuno entra in casa. Preferiscono perdersi in discorsi senza senso piuttosto che praticare gli esercizi come un dovere, e sono sempre pronti a contraddire i loro padri ed a tirannizzare i loro maestri”. 3 Le inchieste recenti sembrano dargli ragione, lasciando un sapore amaro in bocca. Li dipingono con aggettivi pesanti: imprevedibili, annoiati, ostaggi della moda e drogati della televisione, “s- regolati” (cioè senza regole di vita), maleducati e bulli, tanto da meritare l’Oscar europeo delle cattive maniere. E, nello stesso tempo, si dimostrano abilissimi a smanettare 4 con i nuovi media (telefonini, i-Pod, computer..) e a navigare nell’oceano di internet come i “nuovi [email protected]”. Le moderne tecnologie a portata di mano, SMS, mms, e-mail, trasmettono la sensazione di un facile ingresso nel gruppo e l’appartenenza alla «comunità virtuale» in cui ci si sente qualcuno. I 1 Cfr., F. RODRÍGUEZ GONZÁLEZ (coord.), El lenguaje de los jóvenes, Barcellona, Ariel, 2002, p. 17. 2 V. BOCCI, Ragazzi nella rete: chi sono, e come comunicano:tutti alle prese con tv, videogiochi, internet, e-mail, telefonini, chat, sms e mms, Leumann (TO), Elledici, 2007, pp. 3-26. 3 Cfr., J. C. GARCÍA FAJARDO, Los jovenes hablan otro lenguaje, in: http://www.lasprovincias.es/valencia/prensa /20061029/opinion/jovenes-hablan-otro-lenguaje_20061029.html#Inicio_noticia (consultato 30/11/2007). 4 T. DE MAURO, Il dizionario della lingua italiana, in: http://demauroparavia.it

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

emoticon
la lingua degli sms
linguaggio sms
sms

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi