Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Occupazioni illegali di terra e politiche di regolazione fondiaria in Brasile: il caso di Belem

Questa tesi è il prodotto di una ricerca svolta a Belém, Parà, Brasile tra Agosto e Dicembre 2007. Il contesto locale è fondamentale perché gran parte delle informazioni e della bibliografia e del lavoro di ricerca è stato svolto proprio a Belém.
La tesi ha un duplice obiettivo: da una parte, indagare la condizione abitativa degli abitanti della capitale paraense, dall’altra analizzare le politiche urbane adottate dagli enti pubblici in termini di pianificazione urbana e regolazione urbanistica della città.
La ricerca si muove così su due assi principali: l’analisi dei testi normativi delle politiche pubbliche e la ricerca di campo condotta in un bairro periferico e, storicamente, caratterizzato da successive occupazioni illegali di terra.
In particolare si analizzeranno due tesi contrapposte relative alla prorietà giuridica della terra nei processi di regolazione fondiaria: una tesi che enfatizza l'uso sociale della terra (Fernandes) derivante dallo Statuto delle città e una tesi che concepisce l'importanza della terra come oggetto di scambio sul mercato economico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Tutti i progetti di ricerca hanno una storia (o varie storie). Conoscerle è, in generale decisivo per la comprensione sociologica (e persino epistemologica) del lavoro scientifico. - Boaventura de Souza Santos - PREFAZIONE Il presente lavoro di tesi è il risultato di un periodo di ricerca sul campo condotto a Belém tra agosto e dicembre 2007. L’obiettivo principale che mi sono posto con questa tesi è quello di conoscere la realtà sociale di Belem non solo attraverso le lezioni del NAEA (Nucleo Altos Estudos Amazonicos), Nucleo di studi amazzonici avanzati, dipartimento dell’Università del Parà famoso per il suo carattere interdisciplinare e internazionale di insegnamento, ma anche attraverso il contatto diretto con famiglie e persone che abitano alla periferia di Belém. Per questo motivo il periodo di studio di 4 mesi è stato diviso in due parti: un primo momento dove ho preso contatto con la realtà locale e ho seguito alcune lezioni di un corso di “Cooperazione internazionale” co-organizzato tra la Facoltà di Sociologia di Milano e il NAEA, all’interno dell’Università del Parà a Belém. Questo è stato un primo passo per migliorare le mie competenze linguistiche e iniziare a conoscere l’ambiente universitario. E’ in questo periodo che ho conosciuto Simaia Mercês, la mia tutor di tesi, architetto, coordinatrice del corso di specializzazione in “città dell’Amazzonia” professoressa al NAEA, mi ha orientato durante il percorso di ricerca. Ho seguito alcune delle sue lezioni all’università, in particolare quelle riguardanti la pianificazione della città di Belém all’interno della disciplina “Planejamento do desenvolvimento” (Pianificazione dello sviluppo) che trattava dei vari piani di sviluppo progettati a livello federale per il Brasile e per l’Amazzonia così come del concetto di pianificazione strategica della città. Purtroppo gran parte degli appunti di questi corsi e del lavoro svolto nei primi due mesi è andato perso a causa di un furto che ho subito nelle vicinanze dell’università. Non posso negare che questo lavoro abbia perso un po’ del suo materiale originario in conseguenza a tale furto ma credo comunque che il materiale di base della ricerca non sia stata compromesso. Come dicevo, dopo questa introduzione universitaria al contesto amazzonico di Belém, ho preparato delle interviste qualitative da rivolgere ad una dozzina di famiglie che vivono nel bairro di Bengui, quartiere alle porte di Belém. Molte volte penso che questa scelta mi abbia complicato la vita non di poco: sono stato derubato, ho fatto innumerevoli viaggi sui bus di Belém, ho fissato appuntamenti per interviste che non si sono realizzate o si sono realizzate dopo attese di ore. Ma sono fermamente convinto che nulla come 1

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Sociali

Autore: Paolo Anghileri Contatta »

Composta da 121 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 468 click dal 05/12/2008.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.