Skip to content

Heisenberg al cinema - Analisi di film a partire dal principio di indeterminazione

Informazioni tesi

  Autore: Diego Monfredini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: loretta guerrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

dalla prefazione

un testo di J.Cabrera metteva in guardia dal definire la filosofia nei confronti dell’arte come qualcosa di perfettamente definito. Essa non dovrà circoscrivere l’indagine su se stessa nei meandri della propria tradizione, ma inserirsi al contrario nella totalità della cultura, perché, “già sensibile e reagente di suo, via via si ridefinisce dinanzi al mito, alla religione, alla scienza, alla politica e alla tecnologia.”. Se si può a prima vista prestare diffidenza al parlare del cinema come forma di pensiero, bisogna tuttavia riconoscere, secondo il critico, il carattere onnicomprensivo della filosofia: questa infatti, non solo, almeno sul sorgere, non è incompatibile ad una introduzione attraverso immagini ai suoi problemi, ma anzi il pensare ad una inconciliabilità costituirebbe persino un pregiudizio, poiché se c’è va argomentata, dal momento che non si tratta affatto di una cosa ovvia. Forse addirittura,

per esprimere le intuizioni avute da filosofi (…) in merito ai limiti di una razionalità esclusivamente logica e soprattutto alla rilevazione di certi aspetti del mondo che non sembrano percepibili senza la partecipazione dell’elemento affettivo, il cinema ci offre un linguaggio più appropriato rispetto al linguaggio scritto .

Questo avviene perché il cinema utilizza una ragione logo-patica appunto, e non solamente “logica”, poiché la componente emotiva non schiaccia la razionalità, bensì la ridefinisce, veicolando, oltre alla consueta esperienza estetico-sociale che concerne la visione di un film, anche una valenza di natura cognitiva, argomentativa. Pertanto non parrà eccessivo vedere nel linguaggio del cinema un’alternativa forma di espressione utile per immaginarci simboli e figure di concetti quali il principio d’indeterminazione di Werner Heisemberg, che costituisce il leit motiv e l’oggetto unificante del percorso proposto.
La struttura prevede un capitolo che tratta in maniera piuttosto dettagliata della pellicola dei Coen, L’uomo che non c’era (2001), che ha rappresentato la spinta principale alla presente ricerca. L’analisi è inframmezzata da una lunga parentesi, di carattere il più possibile scientifico ma parimenti riassuntivo, sulla meccanica quantistica e sulle sue ripercussioni sul pensiero occidentale contemporaneo, ovvero i nuovi orizzonti dettati dalla crisi del determinismo. La prima sezione, evidentemente di segno introduttivo, ha il portante obiettivo di orientare la successiva analisi nei film proposti dalla seconda sezione, la quale analisi, per evitare la pedante ripetizione dei concetti fisici suddetti, citerà al minimo la valenza indeterministica delle storie, suggerendo quindi una lettura maggiormente intuitiva. Rashomon (A.Kurosawa,1958), L’année dernière à Marienbad (A.Resnais, 1961), Before the rain (M.Manchevski, 1994), Agnes of God (N.Jewison, 1985), sono le tappe di questo viaggio che servono a rappresentare vari aspetti complementari del principio di Heisemberg. Le varie analisi dei film (possibili letture fra molte) seguono la strategia di isolare quei punti riconducibili al problema filosofico, che siano caratteristiche a livello narrativo o di contenuto (per esempio la labilità del concetto di verità in Rashomon), o formale (per esempio la manipolazione dello spazio e del tempo in Marienbad).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Prefazione Una premessa metodologica risulta necessaria per evidenziare il carattere arbitrario di un lavoro costruito sulla base di collegamenti tra discipline piuttosto eterogenee quali la fisica, la filosofia ed il cinema. Riteniamo di conseguenza utile una lettura dettata solo in minima parte dal rigore: il testo che segue rappresenta una sorta di “pastiche”, siamo pertanto consapevoli dell’innegabile (e forse inevitabile) rischio di una certa volgarizzazione di alcuni temi complessi dal momento che ci avventureremo con presunzione in un terreno composito di tali competenze tradizionalmente considerate diametralmente opposte, come campo scientifico ed umanistico; sicuramente commetteremo errori, formuleremo delle ingenuità, col rischio di conseguenza di definire in maniera insufficiente e fumosa certi concetti. Proietteremo la filosofia e la fisica sul cinema (e viceversa) alla stregua di mappe e simboli per orientarci nelle parabole narrative dei film in questione, coscienti del fatto di servirci di rappresentazioni della realtà tarate su livelli differenti, come se si intendesse per esempio partire per un viaggio utilizzando una cartina esclusivamente orografica, senza alcuna indicazione di strade. Ma, come abbiamo precisato, non è il rigore l’obiettivo della presente ricerca, la quale intendiamo presentare come una semplice introduzione al dibattito, un invito a un percorso, ad un viaggio, se riprendiamo la metafora precedente; con la convinzione che le mappe (cioè i vari campi disciplinari in questione) rappresentino la medesima realtà da prospettive differenti: griglie metodologiche eterogenee verticalmente sovrapposte ed integrate a vicenda in una sorta di simbiosi per uno stesso oggetto di studio. Del resto non siamo certo i primi a tentare un percorso del genere: citiamo ad esempio la premessa metodologica di un testo di J.Cabrera 1 , il quale, all’interno del capitolo “Cinema e filosofia, per una critica della ragion logopatica”, mette in guardia dal definire la filosofia nei confronti dell’arte come qualcosa di perfettamente definito. Essa non dovrà circoscrivere l’indagine su se stessa nei meandri della propria tradizione, ma inserirsi al contrario nella totalità della cultura, perché, “già sensibile e reagente di suo, via via si ridefinisce dinanzi al mito, alla religione, alla scienza, alla politica e alla tecnologia.”. Se si può a prima vista prestare diffidenza al parlare del cinema come forma di pensiero, bisogna tuttavia riconoscere, secondo il critico, il carattere onnicomprensivo della filosofia: questa infatti, non solo, almeno sul sorgere, non è incompatibile ad una introduzione attraverso immagini ai suoi problemi, ma anzi il pensare ad una inconciliabilità costituirebbe persino un 1 Il testo di riferimento è J.Cabrera, Da Aristotele a Spielberg : capire la filosofia attraverso i film, a cura di M.Di Sario, Milano, Mondadori, 2000.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

antideterminismo
cinema
coen
filosofia
fisica
gnoseologia
heisenberg
kant
manchevski
meccanica quantistica
nietzsche
nouveau-roman
paradosso
principio indeterminazione
probabilità
quantistica
rashomon
resnais
scienza
spazio-tempo
straniamento
tarantino
uomo che non c'era
verità

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi