Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra fisica quantistica e cinema - Proposta di percorso interdisciplinare

0 PARTE INTRODUTTIVA
0.1 PREMESSA METODOLOGICA
0.2 SCALETTA
1 PARTE PRIMA. INTRODUZIONE AL PRINCIPIO D’INDETERMINAZIONE
1.1 DEAD MAN SMOKING
1.2 CENNI DI FISICA QUANTISTICA
1.3 LA PORTATA EPISTEMOLOGICA DELLA MECCANICA QUANTISTICA NELLA FILOSOFIA
CONTEMPORANEA
1.4 RITORNO AL FILM. LA COLONNINA DEL BARBIERE
1.5 NOVALIS, PLATONE E LE TESTE IMPAGLIATE
2 PARTE SECONDA. BREVE FILMOLOGIA ANTI-DETERMINISTA
2.1.1 RAVVIVAMENTO DELLA PREMESSA
2.2.1 RASHOMON E LA VERITÀ CANGIANTE
2.3.1 L’ANNÉE DERNIÈRE À MARIENBAD E LA CIRCOLARITÀ DEL TEMPO E DELLO SPAZIO
2.3.2 DIGRESSIONE SUL “NOUVEAU ROMAN”
2.3.3 DELEUZE E LA MACCHINA DEL TEMPO. INDIETRO UN ANNO A MARIENBAD
2.4.1 BEFORE THE RAIN: IL TEMPO NON ASPETTA, IL CERCHIO NON È ROTONDO
3 PARTE TERZA. UNA PARALISI GNOSEOLOGICA
3.1.1 LE COLONNE DI ERCOLE
3.2.1 PI GRECO : IL TEOREMA DEL DELIRIO
3.2.2 PARTITA A SCACCHI CON LA SCIENZA
3.3.1 AGNES OF GOD : I QUANTI, KIERKEGAARD E IL SALTO NEL BUIO
4 PARTE QUARTA. LA NARRAZIONE AL CONDIZIONALE
4.1.1 TEORIA DEI MOLTI MONDI: MANY WORLDS INTERPRETATION
4.1.2 IL GATTO DI SCHRODINGER
4.2.1 DESTINO CIECO, PER SORTE O PER CASO
4.3.1 LA DOUBLE VIE DE VERONIQUE
4.4.1 STRADE PERDUTE
4.4.2 ECRITURE D’UNE AVENTURE OU AVENTURE D’UNE ECRITURE
4.5.1 INLAND EMPIRE
4.5.2 INDETERMINAZIONE DELLE POETICHE CONTEMPORANEE TRA DELEUZE E L’OPERA APERTA
4.6.1 DUST
5 PARTE QUINTA. SCHIZOFRENIA DELLA SCRITTURA
5.1.1 DOPPIO CIECO
5.1.2 FINALISMO DELLO SGUARDO
5.2.1 “IL SESTO SENSO” E LA POSIZIONE DELL’OSSERVATORE
5.3.1 “SPIDER”, LA RAPPRESENTAZIONE SOTTOMESSA AL SINTOMO
5.4.1 MEMENTO: IL LIVELLO MEDIATO DELLA PERCEZIONE
5.4.2 IL PASSO DEL GAMBERO DELLA MEMORIA SELETTIVA
6 PARTE SESTA. CONCLUSIONI
6.1 GLI ORIZZONTI DELLA FISICA COMPUTAZIONALE
6.2 IL FEGATO ETRUSCO E LA VIRTUALIZZAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE SIMULATA
6.3 MATRIX: COGITO ERGO SUM
6.4 SECOND SCIENCE
6.5 CONOSCERE È PERTURBARE

Mostra/Nascondi contenuto.
5 0.0 Parte introduttiva 0.1 Premessa metodologica Una premessa metodologica risulta necessaria per evidenziare il carattere arbitrario di un lavoro eretto sulla base di collegamenti tra discipline piuttosto eterogenee quali la fisica, la filosofia ed il cinema. Riteniamo di conseguenza utile una lettura dettata solo in minima parte dal rigore: il testo che segue rappresenta una sorta di “pastiche”, siamo pertanto consapevoli dell’innegabile (e inevitabile) rischio di volgarizzare alcuni temi complessi, dal momento che ci avventureremo con presunzione in un terreno composito di tali competenze tradizionalmente considerate diametralmente opposte, come campo scientifico ed umanistico; sicuramente commetteremo errori, formuleremo delle ingenuità, col derivante azzardo di definire in maniera insufficiente e fumosa certi concetti. Proietteremo la filosofia e la fisica sul cinema (e viceversa) alla stregua di mappe e simboli per orientarci nelle parabole narrative dei film in questione, coscienti del fatto di servirci di rappresentazioni della realtà tarate su livelli differenti, come se si intendesse ad esempio partire per un viaggio utilizzando una cartina esclusivamente orografica, senza alcuna indicazione di strade. Come abbiamo precisato, non è tuttavia il rigore l’obiettivo della presente ricerca, relazione che intendiamo presentare come una semplice introduzione al dibattito, un invito a un percorso, ad un viaggio, se riprendiamo la metafora precedente, con la convinzione che le mappe (cioè i vari campi disciplinari in questione) rappresentino la medesima realtà da differenti angolazioni prospettiche: griglie metodologiche eterogenee verticalmente sovrapposte ed integrate a vicenda in una sorta di simbiosi per l’osservazione dello stesso oggetto in analisi. Non siamo certo i primi a tentare un percorso del genere: citiamo ad esempio la premessa metodologica di un testo di J.Cabrera 1 , il quale, all’interno del capitolo “Cinema e filosofia, per una critica della ragion logopatica”, mette in guardia dal definire la filosofia 1 Il testo di riferimento è J.Cabrera, Da Aristotele a Spielberg : capire la filosofia attraverso i film, a cura di M.Di Sario, Milano, Mondadori, 2000.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Diego Monfredini Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4867 click dal 11/12/2008.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.