Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo dell'infermiere in Pronto Soccorso. Evoluzione storica e profilo di competenze attualmente richiesto

Il primo capitolo del presente elaborato focalizza l’attenzione proprio sulla centrale di Pronto Soccorso. Infatti, partendo da un breve excursus storico sulla nascita di tale sistema, si potrà notare come è divenuta rilevante la presenza dell’infermiere, nonché il suo ruolo all’interno di esso, ponendo in particolare rilievo, le responsabilità acquisite tramite la Legge del 26 febbraio 1999, n. 42 che abolendo il mansionario, ha definito la professione infermieristica, non più come ausiliaria bensì come sanitaria. Dopodiché si passerà al fulcro del capitolo, evidenziando il modo in cui opera la centrale 118. Si seguirà passo dopo passo l’iter che seguirà il paziente, quindi l’accettazione amministrativa, quella informatica, il passaggio alla sala visita di competenza per la visita e l’eventuale pagamento del ticket. Infine, si traccerà un breve quadro sulla gestione informativa ed informatica dell’attività di pronto Soccorso.Il secondo capitolo, invece, verte sul Triage che rappresenta un sistema utilizzato per selezionare i soggetti coinvolti in infortuni, gravi o leggeri che siano, secondo classi di Emergenza/Urgenza crescenti, in base alla gravità delle lesioni riportate o del loro quadro clinico. Si traccerà un breve quadro sulla sua nascita e sugli aspetti giuridici per poi passare alle caratteristiche e ai requisiti che deve possedere un infermiere di Triage. Dopo aver esaminato i processi si passerà alla trattazione dello stesso, che comprende la valutazione sulla porta, la raccolta dei dati, l’assegnazione dei codici di gravità (rosso, giallo, verde, bianco, ecc..), la rivalutazione del processo e la definizione dei codici. Il terzo, ed ultimo, capitolo sarà incentrato sul ruolo dell’infermiere all’interno del Pronto Soccorso, analizzando e confrontando (tra il suo ruolo nel passato e quello di oggi) la sua posizione e le competenze affidategli. Per concludere, si prenderà in esame l’Osservazione Breve Intensiva della Regione Lazio, osservando le sue peculiarità e le analisi svolte all’interno della struttura, nonché la formazione del personale.

Mostra/Nascondi contenuto.
III INTRODUZIONE In Italia, i Dipartimenti di Emergenza fanno parte della storia recente, e si configurano come delle unità operative omogenee che perseguono finalità comuni, e quindi sono interdipendenti, mantenendo la propria autonomia e responsabilità professionale. Il sistema Emergenza-Urgenza sanitario territoriale e Centrali Operative 118 è costituito dalle risorse in termini di uomini, mezzi e strutture, che garantiscono l’assistenza sanitaria in emergenza/urgenza sul territorio regionale e il coordinamento delle attività di soccorso. Detto sistema si caratterizza per i collegamenti funzionali con la componente ospedaliera dei dipartimenti di Emergenza/Urgenza di cui costituisce una parte fondamentale. Il sistema sanitario di emergenza regionale fornisce prestazioni assistenziali essenziali e si caratterizza per la scarsa o nulla possibilità di scelta da parte dei cittadini. Esso rappresenta una componente di importanza strategica per il sistema sanitario regionale sia per le implicazioni sanitarie sia per la notevole visibilità politico- sociale. Pertanto deve garantire i livelli complessivi di sicurezza e funzionalità migliori ed offrire un’immagine di affidabilità in grado di ottenere la piena fiducia dei cittadini stessi. Il sistema attuale si caratterizza per l’alta complessità ed un’elevata variabilità dei modelli organizzativi sia del sottosistema territoriale sia del sottosistema di coordinamento (Centrali Operative 118). La limitatezza delle risorse porta alla necessità di effettuare un filtro delle richieste e modulare la risposta in base alle necessità del caso, al fine di garantire l’accesso immediato a cure avanzate a chi ne ha bisogno. Ciò comporta un impiego intensivo delle risorse, richiedendo la contemporanea capacità di produrre una risposta massimale in tempi brevi nei casi tempo- sensibili.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Pamela Colantoni Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 27739 click dal 08/01/2009.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.