Skip to content

Particolato atmosferico: meccanismi di tossicità ed effetti patogenetici

Informazioni tesi

  Autore: Caterina Di Palo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi dell'Aquila
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze biologiche
  Relatore: Marco carmignani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 143

La pericolosità dell’inquinamento atmosferico dovuto alle particelle in sospensione è venuta alla ribalta solo in tempi recenti poiché, in precedenza, solo gli inquinanti gassosi venivano ritenuti responsabili di principali danni significativi alla salute umana.
Le polveri sottili (PM10, PM2.5) presentano una pericolosità elevata sia perché contengono una concentrazione rilevante di specie chimiche tossiche sia per l’accentuato tropismo patogeno sull’apparato respiratorio più elevata rispetto al particolato atmosferico totale (PTS) .
In ambito scientifico internazionale le indagini sulle polveri fini costituiscono una priorità, considerando gli effetti negativi, ormai certi, di questa forma di inquinamento atmosferico sulla salute umana e per le implicazioni sul clima.
Nel caso dell’Italia, le condizioni meteo-climatiche e le varietà delle emissioni determinano, specialmente nei mesi invernali e nelle città, elevate concentrazioni di particolato atmosferico che possono arrecare rilevanti danni alla salute umana. Il materiale particolato è stato lungamente studiato e, negli anni’80-’90, i risultati ottenuti fornirono, la base scientifica della legislazione ambientale vigente.
In questi anni sono state realizzate nuove procedure e nuove strumentazioni utili alla misurazione del particolato identificando, tra l’altro, il ruolo dei processi di sua generazione e trasformazione.
Nel caso dell’Italia, le particolari condizioni meteo-climatiche hanno un peso rilevante per quanto riguarda gli effetti del particolato sulla salute umana; infatti ,la diffusione di flogosi bronchiale, malattie respiratorie e tumori associati all’esposizione a PM10 e PM2.5 ha determinato crescente attenzione da parte dei cittadini, degli Organismi preposti alla salute pubblica e delle Istituzioni alle problematiche connesse al particolato atmosferico.
Non è, comunque, del tutto chiaro quale sia il parametro (la concentrazione delle particelle, il loro numero, la composizione chimica, la morfologia) maggiormente responsabile del verificarsi degli effetti patogeni e quali siano i relativi meccanismi biologici. In particolare, il PM2.5 è stato riconosciuto in diversi ambienti urbani come la frazione predominante del particolato PM10; diversi studi epidemiologici, d’altronde, hanno messo in evidenza come tale frazione sia responsabile in misura maggiore di effetti avversi sulla salute umana. Al riguardo, agli effetti dovuti all’azione meccanica delle particelle si aggiungono anche quelli dovuti alle azioni conseguenti al loro trasporto nei tratti più profondi dell’albero respiratorio da parte di composti estremamente pericolosi ad esse associate.
In Italia, a tutt’oggi, il taglio aerodinamico considerato dalla normativa agli effetti della protezione della salute dell’uomo è quello del PM10. Negli ultimi anni, comunque, l’attenzione per lo studio degli effetti sulla salute dell’uomo si sta spostando a tagli di dimensioni più piccoli quali PM2.5, PM1 e submicronici. Dal punto di vista normativo è in corso di preparazione una direttiva UE per il taglio aerodinamico PM2.5. Tutto questo allo scopo di sviluppare politiche che dettino criteri per l’adozione delle azioni più efficaci da intraprendere per la tutela ed il risanamento nei confronti del particolato atmosferico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione La pericolosità dell’inquinamento atmosferico dovuto alle particelle in sospensione è venuta alla ribalta solo in tempi recenti poiché, in precedenza, solo gli inquinanti gassosi venivano ritenuti responsabili di principali danni significativi alla salute umana. Le polveri sottili (PM10, PM2.5) presentano una pericolosità elevata sia perché contengono una concentrazione rilevante di specie chimiche tossiche sia per l’accentuato tropismo patogeno sull’apparato respiratorio più elevata rispetto al particolato atmosferico totale (PTS) . In ambito scientifico internazionale le indagini sulle polveri fini costituiscono una priorità, considerando gli effetti negativi, ormai certi, di questa forma di inquinamento atmosferico sulla salute umana e per le implicazioni sul clima. Nel caso dell’Italia, le condizioni meteo-climatiche e le varietà delle emissioni determinano, specialmente nei mesi invernali e nelle città, elevate concentrazioni di particolato atmosferico che possono arrecare rilevanti danni alla salute umana. Il materiale particolato è stato lungamente studiato e, negli anni’80-’90, i risultati ottenuti fornirono, la base scientifica della legislazione ambientale vigente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

caratteristiche
composizione chimica
distribuzione sistemica
effetti cardiovascolari
effetti infiammatori
epidemiologia
meccanismi d'azione
metalli di tranizione
particolato atmosferico
polveri sottili
pts-pm10-pm2.5
risposte cellulari
sorgenti
stress ossidativo
valori limite
vie d'esposizione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi