Skip to content

La Rassegna internazionale del film scientifico–didattico, Università di Padova (1956 – 1975)

Informazioni tesi

  Autore: Gloria Cesarotto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Carlo Alberto Zotti Minici
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 81

Fin dai primi anni di attività della Mostra del Cinema di Venezia, tra i documentari che la Biennale presenta, accanto ai lungometraggi a soggetto, per dare un panorama più ampio della migliore produzione cinematografica di tutto il mondo, sono abbastanza numerosi anche i film di carattere scientifico. Visto il continuo aumento dei diversi tipi di documentari, e per dare ai vari «generi» la possibilità di un confronto e di una classificazione più esatta dei reali valori delle opere rappresentate, nel 1949 la Direzione della Mostra istituisce le «sezioni speciali» in cui hanno larga parte le sezioni dei film scientifici, culturali e sull’arte. Nel 1950, poi, per il film scientifico e per il documentario d’arte viene istituita una vera e propria Mostra a parte, con Giuria e premi particolari. Nel corso delle varie Mostre del Documentario, aumenta il numero e il livello qualitativo dei film scientifici, segno, questo, dell’importanza della manifestazione e del grande interesse suscitato. Una gran parte dei film scientifici di valore prodotti nel dopoguerra trovano nella Mostra di Venezia la sede più idonea e il successo più lusinghiero. Con il moltiplicarsi del numero e dei generi dei film in concorso, e con la sempre maggiore specializzazione richiesta da alcune categorie, specie da quelle dei film dedicati all’insegnamento e alla ricerca a livello universitario, viene formandosi la necessità di una più attenta considerazione dei valori non soltanto cinematografici, ma soprattutto didattici e scientifici dei film stessi, e quindi l’opportunità di interessare e di inserire gli ambienti della cultura universitaria nella valutazione delle opere in concorso e nell’applicazione del cinema scientifico allo studio e all’insegnamento negli Atenei.

E’ così che, per vivo interessamento di alcuni Docenti dell’Università di Padova che da tempo si occupavano attivamente del cinema e dei problemi ad esso congiunti, nasce l’idea di una manifestazione presso l’Ateneo patavino, allo scopo di presentare e studiare dal punto di vista scientifico-universitario le pellicole nella sede più opportuna, con l’apporto critico di docenti e studiosi in grado di valutare gli aspetti più strettamente scientifici delle opere presentate.
La Rassegna Internazionale del film scientifico-didattico, nasce in unità di fini, con la collaborazione tra la Mostra del Cinema di Venezia e l’Università degli Studi di Padova, ha la sua prima edizione nel 1956, nei giorni dal 30 ottobre al 4 novembre. Nel corso delle successive, si è sempre cercato di mantenere una collocazione «autunnale», per i primi anni a cavallo del decimo ed undicesimo mese, in seguito, esclusivamente a novembre.
L’interesse destato dalla manifestazione in docenti e personalità del mondo scientifico, il rilievo dato dalla stampa italiana e straniera, il successo di pubblico e di critica fin dal primo anno, dimostrano chiaramente che la Rassegna viene a colmare un vuoto e ad assumere una funzione veramente importante nel campo della cinematografia scientifica e didattica.
Tra i «nobili» scopi che si posso rintracciare: favorire il potenziamento e la diffusione dell’efficace ed importante strumento della cultura moderna, rinsaldare lo spirito di solidarietà fra tutte le Università del mondo e, in ultima istanza ma non di minore importanza, sostenere la costituzione di una Cineteca permanente dell’Università di Padova, che raccolga alcuni dei migliori film scientifici per l’insegnamento universitario e che ne curi la conservazione e la diffusione nell’ambito degli Istituti Universitari.
Rientra nella sostanza della Rassegna l’attribuzione di un Primo Premio Assoluto (bucranio d’oro), di un Premio per il miglior film (bucranio d’argento) e di un’ulteriore riconoscimento per il secondo il (bucranio di bronzo) di ogni categoria. Alla Giuria viene anche concessa l’assegnazione di menzioni speciali nei confronti di film che eccellono per particolari requisiti artistici e scientifici. La scelta del «Bucranio» è legata all’emblema dell’Università di Padova e raffigura appunto un cranio di bue. Emblema che trae la sua origine da un macello di carne bovina esistente nel luogo dove sorse, nel XIII secolo, lo Studio Patavino. Figura a cui si deve, inoltre, lo stesso nome del Palazzo centrale dell’Università: il «Bò».
L’obiettivo che ci si pone nelle seguenti pagine è quello di ripercorrere a grandi linee la storia della suddetta «Rassegna internazionale del film scientifico-didattico», tenutasi a Padova dal 1956 al 1975, per un totale di diciotto edizioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Presentazione dell’oggetto di studio Fin dai primi anni di attività della Mostra del Cinema di Venezia, tra i documentari che la Biennale presenta, accanto ai lungometraggi a soggetto, per dare un panorama più ampio della migliore produzione cinematografica di tutto il mondo, sono abbastanza numerosi anche i film di carattere scientifico. Visto il continuo aumento dei diversi tipi di documentari, e per dare ai vari «generi» la possibilità di un confronto e di una classificazione più esatta dei reali valori delle opere rappresentate, nel 1949 la Direzione della Mostra istituisce le «sezioni speciali» in cui hanno larga parte le sezioni dei film scientifici, culturali e sull’arte. Nel 1950, poi, per il film scientifico e per il documentario d’arte viene istituita una vera e propria Mostra a parte, con Giuria e premi particolari. Nel corso delle varie Mostre del Documentario, aumenta il numero e il livello qualitativo dei film scientifici, segno, questo, dell’importanza della manifestazione e del grande interesse suscitato. Una gran parte dei film scientifici di valore prodotti nel dopoguerra trovano nella Mostra di Venezia la sede più idonea e il successo più lusinghiero. Con il moltiplicarsi del numero e dei generi dei film in concorso, e con la sempre maggiore specializzazione richiesta da alcune categorie, specie da quelle dei film dedicati all’insegnamento e alla ricerca a livello universitario, viene formandosi la necessità di una più attenta considerazione dei valori non soltanto cinematografici, ma soprattutto didattici e scientifici dei film stessi, e quindi l’opportunità di interessare e di inserire gli ambienti della cultura universitaria nella valutazione delle opere in concorso e nell’applicazione del cinema scientifico allo studio e all’insegnamento negli Atenei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alain resnais
b.j. duarte
bucranio d’oro
carlo levi
film didattico
film documentario
film scientifico
frank capra
j. jacoby
j. valérien
m. watanabe
marshall mc luhan
mostra cinema venezia
norman p. schenker
rassegna internazionale del film scientifico
università di padova
v. kabelik

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi