Skip to content

Blog: nuove identità narrative on-line

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Molinaroli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Verona
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Massimo Bellotto
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

Lo sviluppo tecnologico ci ha portato a sentire indispensabile per la nostra vita quotidiana possedere almeno un computer. Questo mezzo, infatti, ci è utile per non essere tagliati fuori da quel mondo virtuale, chiamato Internet, che costituisce un universo ormai sempre più legato a quello reale. Focalizzando poi la nostra attenzione sull’aspetto comunicativo del mezzo multimediale, ci accorgiamo come, la nascita di nuovi servizi informatici e di programmi per il trasferimento e la condivisione di file, abbia portato la comunicazione verso un modello del tutto nuovo: la comunicazione mediata dal computer. Uno degli strumenti più diffusi per comunicare on-line è senza dubbio quello del blog, soggetto privilegiato della nostra ricerca. Pubblicare le proprie esperienze, condividere con gli altri le proprie opinioni, fare nuove conoscenze virtuali, non è più soltanto il risultato di una moda passeggera, al contrario si sta trasformando in una pratica sempre più consolidata e in costante crescita. Il nostro studio sul fenomeno blog si articola in quattro parti correlate tra loro. La prima di queste è dedicata alla descrizione delle principali caratteristiche, tecniche e concettuali, del nostro soggetto. Questa ricerca descrittiva del blog ci porta a puntare l’attenzione anche ad alcuni concetti di grande rilevanza dal punto di vista teorico come le caratteristiche di ipertestualità e interattività, e riflettendo successivamente su di un aspetto di fondamentale importanza per i nostri studi; l’intrinseca natura pubblica del fenomeno. Capire quelle che sono le maggiori peculiarità dell’utilizzo del blog vuol dire non soltanto elogiarne i principali fattori innovativi, ma anche e soprattutto porre l’attenzione su problemi del tutto nuovi e che costituiscono alcuni degli elementi portanti dell’intera discussione. Una tra queste è senza dubbio la riflessione sulle motivazioni che spingono un individuo a esporsi allo sguardo altrui. Per indagare su tale quesito, ci affidiamo alla ricerca Bloggers: a portrait of the new Internet storytellers, svolta da Pew Internet & American Life Project, che raccoglie i risultati di numerosi sondaggi sul mondo dei blog e sulle caratteristiche di utilizzo del mezzo. Lo studio di questa ricerca ci dà la possibilità di rispondere, in un primo momento, ai seguenti interrogativi: quali sono i bisogni che spingono una persona a soddisfare il proprio bisogno comunicazionale attraverso l’uso del blog? Cosa spinge un numero di individui sempre maggiore ad affidare i propri pensieri e le proprie storie personali ad un mezzo che è di per sé completamente pubblico e quindi costantemente sotto gli occhi di tutti? Questa parte, che costituisce la seconda fase della nostra ricerca, focalizza la propria attenzione non più sul mezzo comunicativo blog in sé, bensì sui suoi utilizzatori, i cosiddetti blogger. Due i principali temi che ci interessano: l’aspetto demografico e quello motivazionale.
Per completare il nostro studio è necessario portare la discussione ad un livello maggiormente astratto, introducendo nella questione alcune tematiche nuove che si delineano nelle ultime due parti del nostro lavoro. Il primo di questi è il concetto di “scrittura del sé”. Attraverso un breve excursus storico sulle diverse forme e sviluppi della narrazione identitaria, focalizzando maggiormente l’attenzione sull’autobiografia e il diario, proviamo a confrontarle con il blog. Analizziamo a questo punto, nella terza parte della nostra ricerca, le differenze e le analogie tra questi diversi modelli di scrittura del sé, cercando di capirne la natura e le motivazioni alla base della loro nascita. Al fine di sviluppare maggiormente quest’ultima questione, ovvero quali siano i bisogni intrinseci che spingono da sempre l’animo umano a raccontarsi, integriamo la nostra discussione con un altro concetto, quello della “frammentazione del sé”.
Obbiettivo primario della nostra ricerca è proprio quello di capire se anche il blog può essere considerato, alla luce della sua natura e del suo utilizzo, una reale e precisa pratica di scrittura identitaria, al pari dell’autobiografia e del diario personale.
Quali sono le differenze che si possono riscontrare confrontando tale modello con quello della comunicazione verbale? Le figure del mittente e del destinatario subiscono delle significative variazioni? Attraverso lo studio percettivo della presenza altrui e il delinearsi delle diverse declinazioni dell’esporsi, riusciamo a sviscerare il fenomeno comunicativo legato ai blog in modo da possedere sufficienti elementi per stabilire se questa particolare forma di comunicazione può essere considerata la naturale evoluzione della scrittura identitaria, classificando così i blog non più come banali esibizioni del proprio essere, ma come nuove identità narrative on-line.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Viviamo in un mondo in cui la possibilità e la capacità di comunicazione svolgono un ruolo di primaria importanza. Lo sviluppo tecnologico ci ha portato a sentire indispensabile per la nostra vita quotidiana possedere almeno un computer. Questo mezzo, infatti, ci è utile per non essere tagliati fuori da quel mondo virtuale, chiamato Internet, che costituisce un universo ormai sempre più legato a quello reale. Se da una parte è innegabile che l’utilizzo del mezzo informatico abbia portato degli interessati benefici, primo fra tutti la velocità delle operazioni e il conseguente risparmio di tempo, dall’altra ha irrefutabilmente cambiato molti dei nostri atteggiamenti e delle nostre abitudini. Focalizzando poi la nostra attenzione sull’aspetto comunicativo del mezzo multimediale, ci accorgiamo come, la nascita di nuovi servizi informatici e di programmi per il trasferimento e la condivisione di file, abbia portato la comunicazione verso un modello del tutto nuovo: la comunicazione mediata dal computer 1 . Uno degli strumenti più diffusi per comunicare on-line è senza dubbio quello del blog, soggetto privilegiato della nostra ricerca. Pubblicare le proprie esperienze, condividere con gli altri le proprie opinioni, fare nuove conoscenze virtuali, non è più soltanto il risultato di una moda passeggera, al contrario si sta trasformando in una pratica sempre più consolidata e in costante crescita. Anche i media tradizionali (televisione, radio, giornali, ecc…) se ne stanno accorgendo, ed ecco che tutto d’un tratto quel sottovalutato passaparola continuo generato dalla Blogosfera diventa un importante luogo d’informazione e di confronto capace di incidere realmente nella vita sociale (basti pensare al caso riferito al blog di Beppe Grillo 2 ). Il nostro studio sul fenomeno blog si articola in quattro parti correlate tra loro. La prima di queste è dedicata alla descrizione delle principali caratteristiche, tecniche e concettuali, del nostro soggetto. Attraverso l’osservazione dei milioni di blog presenti in rete e alle informazioni prese dalla letteratura specializzata a riguardo, cerchiamo di presentare quelle che possono essere considerate le categorie più diffuse dei weblog, 1 Verzelloni, A., Gli studi sulla comunicazione mediata dal computer, Articolo on-line: http://www.hyperlabs.net/ergonomia/verzelloni/cmc/01.html 2 http://www.beppegrillo.it/

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi