Skip to content

I reati ambientali: la nozione di rifiuto

Informazioni tesi

  Autore: Beatrice Rizzo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Francesco Mucciarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 209

L’obiettivo che con il presente lavoro ci si propone è quello di analizzare la nozione di rifiuto attraverso i cambiamenti normativi, dottrinali e giurisprudenziali che ne hanno caratterizzato l’evoluzione per approfondire poi l’attuale disciplina introdotta con d.lgs. 152/2006.
Vengono esaminate, in particolare, le nuove categorie giuridiche che contribuiscono a definire l’esatta qualificazione della nozione di rifiuto, ovvero le definizioni di sottoprodotto e di materia prima secondaria, evidenziando le ragioni sottese alla loro previsione.
L’ottica nella quale tale analisi viene affrontata è quella penalistica, costituendo la nozione di rifiuto elemento normativo delle fattispecie incriminatici previste dalla normativa di settore.
La seconda parte della trattazione, infatti, è dedicata all’analisi dei caratteri generali dei reati contemplati nella parte IV del d.lgs. 152/2006, evidenziando le conseguenze dogmatiche e le ripercussioni pratiche delle scelte legislative adottate in merito alla loro formulazione.
L’analisi dell’elemento oggettivo del reato pone in evidenza i punti di contrasto delle fattispecie con i principi costituzionali di legalità ed offensività, nonché le soluzioni dottrinali finalizzate a proporne ricostruzioni ermeneutiche costituzionalmente orientate.
L’esame dell’elemento soggettivo è affrontato nell’ambito della scelta legislativa di costruire le fattispecie secondo il modello contravvenzionale, le cui peculiari caratteristiche di disciplina influiscono negativamente sull’efficacia deterrente che dovrebbe inerire alla sanzione penale.
L’ultimo capitolo è dedicato all’esame delle fattispecie di cui alla parte IV del T.U.A., condotto attraverso il raffronto critico con i reati contemplati nella previgente disciplina. Particolare attenzione è riservata al reato di omessa bonifica, in considerazione delle incisive modifiche subite con la nuova normativa, e al reato di attività organizzate per il traffico illecito, in ragione della sua natura delittuosa e dei cambiamenti che, virtù di recenti proposte legislative, potrebbero intervenire ad alterarne la struttura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione L’obiettivo che con il presente lavoro ci si propone è quello di analizzare la nozione di rifiuto attraverso i cambiamenti normativi, dottrinali e giurisprudenziali che ne hanno caratterizzato l’evoluzione, per approfondire poi l’attuale disciplina introdotta con d.lgs. 152/2006. Vengono esaminate, in particolare, le nuove categorie giuridiche che contribuiscono a definire l’esatta qualificazione della nozione di rifiuto, ovvero le definizioni di sottoprodotto e di materia prima secondaria, evidenziando le ragioni sottese alla loro previsione e le critiche che ne hanno accompagnato l’introduzione. Si evidenzia come il d.lgs. 152/2006, altrimenti noto come Codice dell’ambiente o Testo Unico ambientale, si inserisca nel solco della tradizionale tendenza del legislatore italiano ad inventarsi nozioni di rifiuto sempre diverse dalla normativa comunitaria di riferimento, contribuendo, tra alluvioni di leggi e produzioni giurisprudenziali, ad alimentare una situazione foriera di incertezza e aleatorietà applicativa. Le “complessità” che ne sono derivate non sono, tuttavia, interamente imputabili al legislatore nazionale. stante la oggettiva predisposizione della stessa normativa comunitaria, di cui quella interna costituisce attuazione, a più e diverse impostazioni esegetiche: la copiosa elaborazione giurisprudenziale al riguardo ne è un esemplificativo esempio. L’ analisi viene condotta in un’ottica penalistica, incentrata sulla nozione di rifiuto quale elemento costitutivo delle fattispecie incriminatici previste dalla normativa di settore e sulla sua appartenenza al novero delle norme definitorie integratrici della

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ambiente
attività organizzate per il traffico illecito
d.lgs.152/2006
direttive ambientali
diritto
discarica
evoluzione discariche
gestione rifiuti
giurisprudenza
non autorizzata
normativa discariche
nozione rifiuto
penale
penalistica
reati ambientali
rifiuti
rifiuti codice penale
rifiuto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi