Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di reputazione nell’investment banking e le performance di lungo periodo delle Ipo's: la verifica empirica nel mercato italiano e UK

L’obbiettivo di questo lavoro è esaminare il concetto di reputazione applicabile alle banche d’investimento operanti nei mercati finanziari internazionali e verificare l’esistenza di una relazione tra il prestigio guadagnato nel tempo da questi operatori, e le performance registrate nel lungo periodo dalle Offerte Pubbliche Iniziali Azionarie (IPO) da loro gestite. Lo studio introduce le caratteristiche del mercato delle Ipo’s e una breve rassegna dei principali contributi teorici in tema di reputazione. La ricerca di una relazione tra prestigio e performance è svolta attraverso un’analisi empirica su due campioni di Ipo’s avvenute tra il 1998 e il 2004 in Italia e nel Regno Unito, analizzati separatamente per poterne evidenziare aspetti comuni e divergenze. In particolare, evidenze di una relazione positiva tra reputazione delle investment banks e rendimenti di lungo periodo delle Ipo’s, è rilevata per il campione quotato presso il London Stock Exchange; risultati differenti derivano dallo studio del campione italiano, che non rileva una relazione con il prestigio delle banche, ma altre interessanti influenze, nei confronti delle performance di lungo termine, non riscontrate per il Regno Unito.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Le Offerte Pubbliche Iniziali Azionarie (Ipo), sono tra le operazioni finanziarie che più hanno riscosso, e continuano a riscuotere, interesse in letteratura. Il processo attraverso cui una società raccoglie capitali offrendo le sue azioni al pubblico di investitori, ha attirato gli studiosi di tutto il mondo per la sua importanza e criticità. Analisi passate hanno evidenziato delle caratteristiche comuni a quasi tutte questo tipo di operazioni, delle anomalie, come sono state definite. La reputazione delle banche, che nelle Ipo’s svolgono un ruolo fondamentale, è invece uno degli argomenti che meno è stato trattato, seppur di notevole interesse. Uno dei principali problemi che si pone volendo trattare questo argomento, è stabilire che cosa si intenda per reputazione e come possa essere misurata. Le investment banks, players ripetitivi del mercato, non hanno tutte la stessa fama e prestigio. La reputazione se la costruiscono con il tempo, ed è frutto delle qualità dimostrate nel passato e della fiducia che sono riuscite a guadagnarsi tra gli investitori. Ma esistono dei legami tra il prestigio di una banca e le operazioni da essa gestite? Le migliori banche sono in grado di sfruttare il proprio nome per accaparrarsi i migliori deals del mercato? E ancora, la reputazione può essere sfruttata dagli investitori nelle decisioni di allocazione delle proprie risorse? Le analisi ad oggi effettuate sono molto scarne e principalmente indirizzate al mercato degli Stati Uniti. Questo lavoro si occuperà di rintracciare evidenze circa l’esistenza di una relazione tra il prestigio delle banche e le performance che registrano le Ipo’s nel lungo termine, e si concentrerà sull’analisi empirica di due campioni più vicini alla nostra realtà che il mercato d’oltreoceano, ovvero le Offerte Pubbliche Iniziali emesse in Italia e nel Regno Unito. Il lavoro è strutturato in cinque capitoli. Il primo, presenta una descrizione generale delle Offerte Pubbliche Iniziali Azionarie, riassumendo la funzione che ricoprono e l’utilità che svolgono nei mercati, i soggetti che partecipano e il ruolo delle banche. Vengono in seguito elencati alcuni dei fenomeni ricorrenti in queste

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Diego Ricci Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2080 click dal 10/02/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.