Skip to content

Tulumanya - Favole e leggende peruviane come strumento di mediazione interculturale nella scuola primaria

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Buzzi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Interfacoltà Mediazione linguistica culturale
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: I. Bajini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 122

La narrazione è il luogo dell'incontro tra le storie di sé e quelle che hanno altre radici, è il terreno dello scontro dello scambio, il punto di partenza della nosra crescita attraverso l'arricchimento con l'immaginario e l'esperienza altrui. Il luogo in cui la distanza si annulla, lasciando il posto alla curiosità. La narrazione, dunque, è un potentissimo strumento trasculturale. Attraverso strumenti come favole, mit e leggende possiamo scoprire analogie e differenze, caratteristiche proprie di un gruppo,un paese, un popolo, un luogo un ambiente, un contesto che altrimenti sarebbero distanti. Essi permettono la scoperta di emozioni storie, la sperimentazioe di noi stessi e del rapporto con l'altro, ilconfronto e lo scambio. Ripropongo in questo lavoro una selezione di racconti, favole, miti e leggende della tradizione peruviana orientati ad alunni italiani e peruviani e al loro utilizzo in chiave interculturale nel contesto italofono della scuola primaria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Un arcobaleno dalla simbologia mutante Tulumanya, secondo la tradizione wanka 1 è l'arcobaleno, nonché il Dios Tulumanya, ovvero il dio buono che appariva per volontà di Wiracocha, dopo la pioggia da lui scatenata, quando il sole tornava a risplendere e le gemme delle sementi cominciavano a spuntare dopo esser rimaste a lungo nel ventre della Terra a germinare. Come racconta il mito, l'imponente arco colorato, i cui estremi poggiavano sulla Pachamama, la Madre Terra, appena fecondata per volere del dio supremo Wiracocha, apparì sulla terra come messaggero di Wiracocha per portare serenità sul pianeta e per accordare l'amicizia tra il dio e gli esseri umani. L'arcobaleno non ha solo una valenza mitologico-religiosa presso i popoli andini del Perù, infatti, i colori che lo compongono sono i colori della Wiphala. 2 La Wiphala è il simbolo nazionale del Tawantinsuyo, 3 il simbolo d'identificazione nazionale e culturale delle Ande, emblema della nazione collettivista e armonica, prima e durante l'Impero Inca. Nella Wiphala, sono contenuti sia i colori dell'arcobaleno, che i quattro corrispondenti ai Suyu originali. Il rosso rappresenta la Terra ed è l'espressione dello sviluppo intellettuale dei popoli andini. L'arancione ritrae la società e la cultura, costituisce il valore dei principi morali, la dottrina della dualità, le leggi e le norme, la pratica collettivista, la fratellanza e la solidarietà. Il giallo è l'emblema dell'energia e della forza, dei principi morali, della dottrina della dualità, delle leggi e delle norme, della pratica collettivista, della fratellanza e della solidarietà. Il bianco, colore del tempo e della dialettica, dello sviluppo scientifico, tecnologico, artistico, del lavoro sia intellettuale che artigianale, generatore dell'armonia nella struttura 1 Gli indigeni wanka fecero parte dell'Impero Wari e sono conosciuti per la loro fama di guerrieri, esercitata soprattutto contro le imprese degli Inca, durante il processo di annessione delle loro terre. Essi, principalmente agricoltori, non espansero il loro dominio, anzi, limitarono il loro sviluppo alla valle del Mantaro, nei pressi del distretto di Chilca e in quello di Huancayo. In http://portalwanka.zoomblog.com/cat/18730 (20/11/2008). 2 in www.indigenas.bioetica.org/wiphala.htm (20/11/2008). 3 L'immagine che l'uomo andino aveva del mondo si basava sul dualismo. Dei ed eroi agivano in coppia, lo spazio si divideva in due parti principali, c'erano sempre un sopra (hanan) e un sotto (hurin), una destra (allauca) e una sinistra (ichoc). La duplicazione del dualismo originava la quadripartizione. Da qui la denominazione dell'impero in Tawantinsuyo, l'impero delle quattro (tawa) regioni (suyo): Antisuyo (nord- est), Collasuyo (sud-est), Chinchaysuyo (nord-ovest) e Contisuyo (sud-ovest). 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

favole
intercultura
leggende
letteratura peruviana
mediazione interculturale
narrazione
perù
racconti
scuola primaria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi