Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Gestione delle scorte e progettazione della rete logistica: il caso Palsonik Europe S.r.l.

L’avvento delle reti informatiche di telecomunicazione ha influito pesantemente sull’operatività di tutte le imprese e, più in generale, sul mondo economico nel complesso.
I cambiamenti hanno un impatto molto pervasivo ed avvengono troppo velocemente perché sia possibile effettuare una disamina completa degli effetti da questi provocati sugli elementi che caratterizzano un particolare contesto competitivo.
L’impatto delle reti informatiche ha modificato il tradizionale modo di operare dell’impresa sia all’interno sia all’esterno: l’unità competitiva non è più la singola impresa, ma il network nel quale la stessa è inserita; l’unica fonte di vantaggio competitivo è costituita dalla capacità di stringere relazioni durature e affidabili; cadono le barriere che suddividevano le funzioni aziendali, alcune delle quali assumono nuovi compiti diventando trasversali rispetto alle altre.

Questi cambiamenti hanno provocato i maggiori effetti sulla logistica, una funzione che è passata a ricoprire un ruolo primario nella definizione delle modalità attraverso cui è possibile raggiungere il successo. Attualmente con il termine “logistica” si fa riferimento all’insieme di tecniche, metodologie, strumenti e infrastrutture impiegate nella gestione del flusso fisico e del correlato flusso informativo, dall’acquisizione delle materie prime sui mercati fino alla distribuzione dei prodotti finiti collocati presso il consumatore.
Da questo quadro emerge chiaramente come gli studi e la letteratura sul logistics management aiutino a definire un modello logico di riferimento, utile per cogliere le interdipendenze fra i macro-elementi caratterizzanti la generalità dei mercati e per evidenziare le leve sulle quali, tenuto conto delle peculiarità del contesto in cui opera, il management può agire per migliorare le performance della propria impresa.

Il fine di questa tesi è dimostrare come, se si vuole ottenere il successo, sia necessario superare, di volta in volta, i trade-off prospettati dalle teorie economiche grazie alla capacità di scegliere la soluzione più adeguata fra tutte le potenziali alternative, anche a costo di sostenere rischi per intraprendere sentieri innovativi e, in quanto tali, sconosciuti.

Per raggiungere tale scopo viene riportata un’analisi del caso Palsonik, un’impresa operante nel mercato degli articoli compatibili consumabili per stampanti, che ha saputo modificare il proprio business per sfruttare le opportunità offerte dalla rete e, grazie a continue e coerenti scelte innovative, passare da semplice importatore e distributore nazionale a produttore diretto di beni che vengono distribuiti in più di venti paesi nel mondo.
Questo successo è dovuto in gran parte ad un sistema logistico/distributivo molto snello, costituito da un unico nodo intermedio fra l’impianto produttivo ed il mercato di riferimento, che trova i suoi punti di forza nelle scelte di outsourcing operate con l’obiettivo di diminuire il costo logistico globale ed aumentare la flessibilità complessiva.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 1. INTRODUZIONE L’evoluzione del mondo economico, storicamente dovuta ad innovazioni di prodotto, di tecnologie produttive e di tecniche di management, ha subito una fortissima accelerazione con l’avvento delle reti informatiche di telecomunicazione. La potenziale disponibilità totale e a costi irrisori delle informazioni ha rivoluzionato completamente le opportunità di “fare business” dimostrando una pervasività senza precedenti: in tutti i campi e in tutti i settori di tutti i mercati, le aziende esistenti hanno dovuto modificare completamente il loro modello di business per non soccombere di fronte alle nuove entranti più dinamiche e tecnologicamente evolute in quanto non vincolate da schemi cognitivi e investimenti sommersi. Anche per via della conseguente globalizzazione dei mercati, le aziende hanno visto aprirsi possibilità inimmaginabili per migliorare, modificare o addirittura dismettere la propria attività storica per cambiare completamente settore o mercato alla ricerca di nuove e durevoli fonti di vantaggio competitivo. Tali modifiche hanno riguardato tutte le attività all’interno dell’impresa, ma anche quelle all’esterno, sia per quel che riguarda i rapporti con i clienti, sia per quanto riguarda le relazioni con le altre imprese. Tuttavia, la disponibilità di opportunità e mezzi non è mai sufficiente per raggiungere il successo: in ogni specifico settore le scelte sono condizionate da peculiari fattori ambientali che, variando di continuo, rendono instabile l’efficacia di qualunque metodologia che risulti statica e difficile da modificare nel breve periodo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Grillo Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2035 click dal 20/02/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.