Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il modello di Rasch per l'analisi e la validazione del test di autovalutazione

Questo elaborato è stato diviso in tre capitoli, per facilitarne la lettura e la comprensione, i quali sono: la misurazione dei caratteri statistici, il modello di Rasch ed un "Case studies: Test di Autovalutazione". Nel primo capitolo si è andati ad esporre le varie scale di misura.Si è partiti dalle scale di Stevens fino ai metodi di costruzione degli atteggiamenti, dividendo i “single item” dai “multi item”.
Dopo questa elencazione delle scale nel primo capitolo, nel successivo, si tratteggiano le caratteristiche di un’altra scala di misura, il modello di Rasch.
G. Rasch ha proposto un modello probabilistico idoneo ad analizzare i risultati di un test composto da una batteria di domande a risposte dicotomiche (corretto/sbagliato, accordo/disaccordo).
Il modello di Rasch è considerato un buon strumento per la misura di variabili latenti, quali la soddisfazione degli utenti di un servizio.
Nel terzo capitolo invece si è passati ad analizzare il caso di studio che ha l’obiettivo di mostrare come la storia scolastica degli studenti incida sulle loro future carriere universitarie.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Le ricerche tramite questionario hanno visto importanti cambiamenti negli ultimi cinquant’anni; notevole interesse per lo sviluppo dei questionari è stato l’utilizzo dei call center, nuovi approcci nelle analisi statistiche e la valutazione dei principi psicologici nella preparazione delle domande da sottoporre agli intervistati. Nessuno tra i cambiamenti sopraccitati ha una rilevanza tale nella ricerca ed elaborazione di questionari di quanta ne può avere l’avvento di internet; infatti, permette una migliore diffusione del questionario, sia nell’ambito della raccolta e dell’analisi dei dati. Questa nuova tecnologia ha permesso l’abbattimento dei costi e ha aumentato l’efficienza e la velocità con cui i questionari sono stati condotti e ha presentato molti vantaggi quali una completezza e consistenza nella raccolta di dati. In questo elaborato il questionario preso in considerazione è uno strumento volto a rilevare l’indole degli alunni, la loro vita tra i banchi di scuola; tutto ciò che li porta ad una scelta consapevole del loro futuro percorso universitario. Quindi il questionario si propone di: ξ Esplicitare le percezioni sommerse degli alunni rispetto a modalità di insegnamento ed apprendimento; ξ Dinamiche relazionali; ξ Comportamenti sociali, di ruolo e contesto sociale; ξ Raccogliere dati sulla realtà scolastica vista dai ragazzi. Il lavoro svolto sul test, diviso in sezione, vuole monitorare se le domande sono formulate in maniera da rispecchiare la tematica che ogni sezione vuole indagare. Per fare ciò sarà utilizzato il modello di Rasch. Tale modello consentirà di stabilire delle relazioni lungo un unico continuum, ovvero di individuare una corrispondenza che consenta di associare ad ogni item e

Diploma di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Federica Vecchio Contatta »

Composta da 60 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2082 click dal 20/02/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.