Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il mondo degli ideogrammi: una visione storica e linguistica

La mia tesi affronta da un punto di vista linguistico e storico la lingua cinese. La Prima parte è tutta dedicata alla nascita e all' evoluzione degli ideogrammi cinesi nel corso dei secoli, mentre la seconda parte tratta la linguistica degli ideogrammi cinesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione La lingua cinese è la lingua che conta il maggior numero di parlanti al mondo. La lingua cinese è parlata nella Repubblica Popolare Cinese (Hong Kong, Macao, Cina continentale), nella Repubblica di Cina (Taiwan e altre isole), a Singapore, in Indonesia, in Malaysia, in Corea del Nord, in Corea del Sud, nelle Filippine e in altre comunità in tutto il mondo. La lingua ufficiale della Repubblica Popolare Cinese è il cinese mandarino ed è appunto la lingua che si insegna agli studenti stranieri. Con il grande sviluppo economico della Cina, l’elevamento della sua posizione internazionale, l’apertura verso l’esterno e l’ampliamento degli scambi fra Cina e il resto del mondo ha fatto sì che la lingua cinese sia diventata oggetto di studio da parte di moltissimi giovani stranieri. La lingua cinese viene spesso considerata come una sola lingua, ma in realtà presenta una variazione regionale molto forte. Possiamo contare circa un miliardo e duecento milioni di locutori che hanno come lingua madre uno dei dialetti cinesi. L’ambiente linguistico cinese è costituito da un complesso diasistema formato da almeno sette sistemi linguistici autonomi, riconducibili ad un’unità superiore: la famiglia delle lingue sino-tibetane. L’insieme dei dialetti cinesi (中国方言 – Zhōngguò Fāngyàn) al proprio interno è articolato in sette principali varietà diatopiche, costituendo un ramo autonomo di questa grande famiglia. ƒ I più importanti dialetti cinesi, per numero e per funzione storico-culturale, formano l’insieme dei 北方话 (Bĕifānghuà - “parlate del Nord” ), base del 国语 (Guóyŭ - “lingua nazionale”) e del 普通话 (Pŭtōnghuà - “lingua comune”) lingua-madre di più del 70% della popolazione appartenente all’etnia 汉 (Hàn); esso è parlato soprattutto nella parte settentrionale e centrale del territorio della Repubblica Popolare Cinese; ƒ Il dialetto 误 Wú, (circa 80 milioni di locutori), é diffuso in una vasta area comprendente lo 浙江(Zhéjiāng) e il territorio posto a nord e attorno a 上海 (Shànghăi).

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Alice Ferrari Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1693 click dal 27/02/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.