Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il bilancio sociale come strumento di rendicontazione per un servizio alla persona. Un’ipotesi di elaborazione


La tesi analizza il bilancio sociale come strumento di rendicontazione nell'ambito dei servizi alla persona di un ente pubblico, ipotizzando che possa essere un valido strumento nell'ambito della cultura manageriale dei servizi sociali pubblici.
Si illustrano inizialmente il bilancio sociale, il concetto di responsabilità sociale e di stakeholder, i modelli di rendicontazione sociale e di verifica e revisione.
Si prendono poi in considerazione le specificità dell'utilizzo del bilancio sociale in due particolari contesti: il terzo settore e gli enti locali.
L'analisi prosegue delineando le peculiarità del bilancio sociale nei servizi alla persona.
Si illustra poi il processo di costruzione di un bilancio sociale.
Il lavoro termina con la costruzione di un'ipotesi progettuale di elaborazione del bilancio sociale presso una specifica realtà di servizio sociale Comunale: il bilancio delle politiche e dei servizi a sostegno della domiciliarità del Comune di Albano S.A. (Bg)

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il percorso formativo della laurea specialistica sulle politiche sociali e il management dei servizi alla persona si è collocato in una situazione di passaggio storico per la professione dell’assistente sociale e per il sistema dei servizi alla persona. In questi anni infatti l’assistente sociale non è più chiamata soltanto ad una funzione di aiuto, supporto e promozione della persona fragile o allo sviluppo delle reti sociali di aiuto. I profondi mutamenti in atto e la loro gestione richiedono alla professionalità dell’assistente sociale di ampliare le proprie funzioni acquisendo sempre più competenze manageriali e di gestione strategica dei servizi. Ciò tuttavia senza incorrere nel rischio di perdere di vista il sistema valoriale, la cultura di servizio e le metodologie proprie del Servizio Sociale e peculiari per tutelare la specificità relazionale ed umana dei servizi stessi. Il conseguimento della laurea di base in Servizio Sociale ad inizio 2001 ha consentito di acquisire conoscenze e metodi propri del Servizio Sociale e della gestione dei servizi alla persona, attraverso l’apprendimento da docenti e professionisti portatori di una cultura di servizio i cui temi principali erano: la progettualità, l’integrazione (tra i servizi, le professionalità e gli interventi), l’importanza della titolarità pubblica dei servizi nell’esternalizzazione degli stessi, il principio di sussidiarietà orizzontale (inteso come attribuzione di diversi ruoli e responsabilità tra pubblico e privato) e verticale (inteso come attribuzione all’ente locale, in quanto istituzione più vicina ai cittadini, della primaria capacità e competenza di cogliere i bisogni e le istanze di partecipazione sociale locali e di attivare gli opportuni interventi volti a soddisfare le esigenze del territorio), la territorialità, l’importanza del lavoro sociale con le reti e con gli attori sociali, la centratura dell’intervento sociale all’interno della comunità locale.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Sociologia

Autore: Serena Granata Contatta »

Composta da 201 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1918 click dal 27/02/2009.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.