Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagini difensive e giusto processo

Questa tesi affronta in modo sistematico e completo il tema del "diritto di difendersi provando", ovvero di quella declinazione del più ampio 'diritto alla prova' che più ha sofferto l'impostazione processualpenalistica del nostro Paese.

Anche attraverso un'indagine sulle origini del Giusto Processo (il c.d. "due process of law"), la tesi propone una ricostruzione esaustiva delle norme, della dottrina e della giurisprudenza sul diritto di difendersi provando fino all'entrata in vigore della legge 397/2000, momento in cui -per la prima volta nel nostro ordinamento- è stata introdotta una disciplina organica delle indagini difensive.

Viene inoltre sviluppata un'attenta analisi della legge 397/2000, proponendo riflessioni e considerazioni critiche sulle nuove disposizioni a tutela del diritto di difesa, nel primo anno della loro applicazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO “GIUSTO PROCESSO” E PARITA’ TRA ACCUSA E DIFESA SOMMARIO: 1.1. La nozione di “giusto processo”. Dal Bill of Rights alla Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo. – 1.2. La Convenzione europea dei diritti dell’uomo e l’equo processo. – 1.3. (segue): rapporti tra l’ordinamento penale italiano e la Convenzione di Roma. – 1.4. Altre fonti internazionali: il Patto internazionale dei diritti civili e politici, la Convenzione interamericana e la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea. – 1.5. Modelli processuali e realizzazione del giusto processo. – 1.6. L’eguaglianza delle armi nel procedimento. Con l’espressione “giusto processo” la moderna cultura giuridica identifica una serie di principi processuali frutto di decenni di elaborazione scientifica e di esperienze che hanno segnato la storia dell’uomo. Tale espressione viene spesso utilizzata per designare l’insieme delle caratteristiche che un sistema processuale deve possedere per dirsi degno di una società democratica. Come per tutte le espressioni cariche di significato ideologico, tuttavia, anche per il concetto di giusto processo vi è il rischio di perdere l’aspetto più concreto della nozione. Ed è per questo che risulta fondamentale individuare i molteplici caratteri che la compongono, anche al fine di ricostruire uno strumento con cui

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Andrea Maggipinto Contatta »

Composta da 357 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8579 click dal 03/03/2009.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.