Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La tutela penale del ''sentimento per gli animali''

l'elaborato sviluppa i principi essenziali per la compresione della tutela penale degli animali sia nel quadro internazionale, ed in particolar modo in quello europeo, sia con maggior attenzione nell'ambito dell'ordinamento italiano. Le modifiche al codice penale introdotte nel 2004 sono l'oggetto fondamentale di ricerca di questa tesi.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 1. Legislazione internazionale 1.1. La Convenzione di Washington In ambito internazionale la legislazione sulla tutela degli animali è molto copiosa e spesso gli accordi tra Stati sono destinati a tutelare solo alcune specie come ad esempio la Convenzione di Bonn (tutela delle specie migratrici), la Convenzione di Parigi (tutela degli uccelli selvatici) o l’Accordo di Monaco (ACCOBAMS) ( protezione dei cetacei) oppure tale tutela si estende ad una particolare area geografica tale ad esempio la Convenzione di Ramsar (tutela delle zone umide) oppure la Convenzione di Barcellona (tutela del Mediterraneo dall’inquinamento). Di particolare rilievo appare la Convenzione di Washington che tutela alcune specie di animali e di fauna in via d’estinzione sottraendoli al commercio illegale, venendo in rilievo sanzioni penali come nel caso del nostro ordinamento. La Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione, denominata in sigla C.I.T.E.S. (Convention on International Trade in Endangered Species of wild fauna and flora), è un accordo internazionale tra Stati che ha come obiettivo principale la regolamentazione del commercio di animali e piante (vivi, morti o parti e prodotti derivati). Approvata a Washington il 3 marzo 1973 è stata ratificata dallo Stato italiano con legge n. 874 del 10 dicembre 1975 ed entrata in vigore il 31 dicembre 1979. Ad oggi è applicata da oltre 170 Stati. In Italia l'attuazione della Convenzione di Washington è affidata a diversi Ministeri ma la parte più importante è svolta dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che, come prevede la legge, tramite il Servizio CITES, cura la gestione amministrativa ai fini della certificazione e del controllo tecnico-specialistico per il rispetto della Convenzione. Tralasciando gli aspetti organizzativi dei servizi CITES, appare opportuno descrivere seppur in modo non dettagliato quello che è la struttura di funzionamento della CITES. Per quanto riguarda il Trade (commercio) questo si

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Adriano Di Mieri Contatta »

Composta da 63 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2797 click dal 10/03/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.