Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I new media come ritorno al tribalismo e risorsa per la democrazia

La transizione da una società delle telecomunicazioni, in cui una significativa quota di esseri umani è nella condizione di produrre e di fruire ogni possibile informazione attraverso una molteplicità di mezzi di comunicazione, ad una società telematica incentrata sul prefisso e-, corrispondente alla possibilità data ad ogni produttore e a ogni fruitore di informazioni di dialogare e di scambiarsi i ruoli in quanto elementi di una rete indefinitamente estensibile nella quale possono collocarsi una molteplicità di mediatori con l’intento di fornire ogni possibile servizio o transazione, si sta compiendo. La società telematica ha le sue infrastrutture nella Rete e ha sviluppato un ambiente nel cyberspazio, che, ormai, è una possibilità aperta a tutti: possiamo anche non frequentarlo mai, ma non possiamo evitare di sapere che esiste e che la vita, al suo interno, è ricca di opportunità e di occasioni .

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA La transizione da una società delle telecomunicazioni, in cui una significativa quota di esseri umani è nella condizione di produrre e di fruire ogni possibile informazione attraverso una molteplicità di mezzi di comunicazione, ad una società telematica incentrata sul prefisso e-, corrispondente alla possibilità data ad ogni produttore e a ogni fruitore di informazioni di dialogare e di scambiarsi i ruoli in quanto elementi di una rete indefinitamente estensibile nella quale possono collocarsi una molteplicità di mediatori con l’intento di fornire ogni possibile servizio o transazione, si sta compiendo. La società telematica ha le sue infrastrutture nella Rete e ha sviluppato un ambiente nel cyberspazio, che, ormai, è una possibilità aperta a tutti: possiamo anche non frequentarlo mai, ma non possiamo evitare di sapere che esiste e che la vita, al suo interno, è ricca di opportunità e di occasioni 1 . Tranne le relazioni faccia a faccia con altri esseri umani – in quanto la telematica non riesce, per ora, a riprodurre gli odori e le sensazioni tattili derivanti dalla prossimità fisica – la Rete consente di attivare tutte le forme di comunicazione mediata: dalla chiacchierata alla transazione commerciale. Si va costituendo, così, una sorta di collettività, ricca di connessioni con le comunità reali in cui i singoli si trovano a vivere e operare, ma capace anche di uno sviluppo parzialmente autonomo e certamente dotata di caratteristiche proprie: di una propria cultura e di proprie forme di organizzazione. I gruppi di discussione, ad esempio, basati su affinità elettive o interessi comuni, che hanno una presenza forte in Rete e si vanno rafforzando sempre più per numero di partecipanti 2 . Fuori dalla Rete ogni individuo è caratterizzato anche in relazione al senso di appartenenza al suo luogo di origine o di residenza: nozioni che, per un abitante del cyberspazio, non hanno senso: qui si è completamente liberi da tutte le variabili utili a descrivere gli individui all’interno della società tradizionale. Se durante una normale chiacchierata face-to-face è difficile mentire sulla propria identità, sulla propria appartenenza 1 R. Viscardi (a cura di), Teorie e tecniche dei nuovi media. I new media e le nuove industrie culturali, Ellissi, Napoli 2002, p. 193. 2 Ibidem.

Laurea liv.I

Facoltà: Sociologia

Autore: Nicola Celentano Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 490 click dal 10/03/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.